fbpx

Sostenibilità delle costruzioni: aggiornata la UNI EN 15804, regole per le Dichiarazioni ambientali di tipo III

680 0

In vigore dal 23 settembre 2021 la nuova UNI EN 15804 che, in materia di sostenibilità delle costruzioni, regola le Dichiarazioni ambientali di prodotto ed individua le Regole quadro di sviluppo per categoria di prodotto (PCR) per l’elaborazione di dichiarazioni ambientali di tipo III per ogni tipo di prodotto e servizio per le costruzioni.

Prodotta dalle Commissioni Tecniche Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio e Sostenibilità in edilizia, la UNI 15804:2021 recepisce gli EN 15804:2012+A2:2019/AC:2021 ed EN 15804:2012+A2:2019 e sostituisce la precedente versione della norma che risaliva al 2019.

Regole quadro di sviluppo per categoria di prodotto: cosa sono e a cosa servono?

Le Regole quadro di sviluppo per categoria di prodotto (PCR):

  • definiscono gli indicatori da dichiarare, le informazioni da fornire e le modalità con cui sono raccolti e comunicati;
  • descrivono quali fasi del ciclo di vita sono considerate nella dichiarazione ambientale di prodotto (EPD) e quali processi sono da includere;
  • definiscono le regole per l’elaborazione degli scenari di valutazione;
  • includono le regole per il calcolo d’inventario e la valutazione di impatto nell’analisi del ciclo di vita, alla base della EPD, comprese le specifiche da applicare sulla qualità dei dati;
  • includono, quando necessario, le regole per la comunicazione delle informazioni predefinite di carattere ambientale e sanitario, che non sono contenute nella valutazione del ciclo di vita di prodotto (LCA), di processo e di servizio;
  • definiscono le condizioni per le quali i prodotti da costruzione possono essere confrontati sulla base delle informazioni contenute nella EPD.

Per quanto riguarda le EPD di servizi per le costruzioni, si applicano regole e requisiti identici a quelli dei prodotti.

Cosa sono le Dichiarazioni ambientali di prodotto?

La Dichiarazione Ambientale di Prodotto, meglio nota come EPD (Environmental Product Declaration) è, no strumento pensato per migliorare la comunicazione ambientale fra produttori, da un lato (business to business), e distributori e consumatori, dall’altro (business to consumers). La EPD, prevista dalle politiche ambientali comunitarie.

Viene regolata dalla serie ISO 14020, e sfrutta le metodologia LCA per l’elaborazione della Dichiarazione a garanzia della oggettività delle informazioni fornite.

La norma UNI EN ISO 14020:2002 stabilisce i principi guida per lo sviluppo e l’utilizzo di etichette e dichiarazioni ambientali ed è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN ISO 14020 (edizione ottobre 2001). E’ previsto che altre norme applicabili della ISO 14020 siano utilizzate unitamente alla presente norma. La norma non è destinata all’utilizzo come specifica a fini di certificazione e registrazione.

Per approfondire:

Etichette ecologiche: quante sono e quali tipi esistono?

  • TIPO I: Etichette ecologiche volontarie basate su un sistema multicriteria che considera l’intero ciclo di vita del prodotto, sottoposte a certificazione esterna da parte di un ente indipendente (tra queste rientra, ad esempio, il marchio europeo di qualità ecologica ECOLABEL). (ISO 14024);
  • TIPO II: Etichette ecologiche che riportano auto-dichiarazioni ambientali da parte di produttori, importatori o distributori di prodotti, senza che vi sia l’intervento di un organismo indipendente di certificazione (tra le quali: ”Riciclabile”, “Compostabile”, ecc.). (ISO 14021);
  • TIPO III: Etichette ecologiche che riportano dichiarazioni basate su parametri stabiliti e che contengono una quantificazione degli impatti ambientali associati al ciclo di vita del prodotto calcolato attraverso un sistema LCA. Sono sottoposte a un controllo indipendente e presentate in forma chiara e confrontabile. Tra di esse rientrano, ad esempio, le “Dichiarazioni Ambientali di Prodotto”. (ISO 14025).

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore