Imballaggi_Packaging

Imballaggi: verso un Regolamento europeo del Packaging – Accordo tra Parlamento e Consiglio UE

1424 0

Il 4 marzo scorso, Parlamento e Consiglio europeo hanno raggiunto un accordo sulla Proposta di regolamento europeo sugli imballaggi votata dal Parlamento in Novembre.

La Proposta di Regolamento modificherà il regolamento (UE) 2019/1020 (regolamento mercato UE) e la direttiva (UE) 2019/904 (sulla riduzione delle plastiche monouso) e che abroga la direttiva 94/62/CE (la direttiva sugli imballaggi ed i rifiuti da imballaggio, la Waste Packaging Directive).

Le nuove regole europee puntano su minori imballaggi in plastica, divieto “per sempre” di sostanze chimiche negli imballaggi alimentari e misure per rendere gli imballaggi più facili da riutilizzare e riciclare, per ridurre quelli non necessari e promuovere l’uso di contenitori riciclati.

Regolamento europeo per gli imballaggi: Accordo provvisorio sulle nuove regole europee per il packaging

Le nuove misure previste dall’Accordo mirano a rendere l’imballaggio utilizzato nell’UE più sicuro e più sostenibile, richiedendo che:

  • Tutto l’imballaggio sia riciclabile.
  • Sia minimizzata la presenza di sostanze nocive.
  • Sia ridotto l’imballaggio non necessario.
  • Aumenti l’uso di contenuto riciclato.
  • Migliorino la raccolta e il riciclaggio.

Gli obiettivi del nuovo regolamento UE sul packaging

L’accordo provvisorio include i seguenti obiettivi:

  • Riduzione del 15% della quantità di imballaggi entro il 2040.
  • Divieto di imballaggi non necessari e di sacchetti di plastica molto sottili.
  • Entro il 2030, almeno il 65% di tutti gli imballaggi dovrà essere riciclato.
  • Entro il 2030, almeno il 30% del contenuto di plastica negli imballaggi dovrà essere riciclato.
  • I sistemi di deposito-restituzione per le bottiglie di plastica e le lattine dovranno essere introdotti entro il 2029.

Regolamento UE sul packaging: cosa prevede il parlamento UE

Il testo del Regolamento, esposto in un lungo Report della Commissione è stato arricchito dalla posizione del Parlamento europeo che ha richiesto

  • Il divieto della dita di borse di plastica molto leggere (sotto i 15 micron), a meno che non siano necessarie per motivi igienici o fornite come imballaggio primario per alimenti sfusi;
  • Nuovi obiettivi specifici di riduzione dei rifiuti per gli imballaggi in plastica (10% entro il 2030, 15% entro il 2035 e 20% entro il 2040);
  • Obbligo per i distributori finali di bevande e cibi da asporto nel settore HORECA di offrire ai consumatori la possibilità di portare il proprio contenitore;
  • La parte in plastica dell’imballaggio dovrebbe contenere percentuali minime di contenuto riciclato a seconda del tipo di imballaggio, con obiettivi specifici fissati per il 2030 e il 2040.

Entro la fine del 2025, la Commissione dovrebbe valutare la possibilità di proporre obiettivi e criteri di sostenibilità per la plastica di origine biologica, una risorsa chiave per “defossilizzare” l’economia della plastica.

Via le sostanze chimiche pericolose nei contenitori per alimenti

Quanto al divieto di “sostanze chimiche per sempre” negli imballaggi alimentari, il Parlamento mira a vietare l’uso delle cosiddette “sostanze chimiche per sempre” aggiunte intenzionalmente (sostanze alchiliche per e polifluorurate o PFAS) e del bisfenolo A negli imballaggi a contatto con gli alimenti. Queste sostanze sono ampiamente utilizzate per rendere ignifughi o impermeabilizzare gli imballaggi, in particolare gli imballaggi alimentari in carta e cartone, e sono state associate a una serie di effetti nocivi sulla salute.

Riciclo dell’imballaggio, le nuove regole

Il Parlamento europeo ha chiesto che si specifichino i requisiti relativi agli imballaggi da riutilizzare o ricaricare, definendo anche il numero minimo di volte in cui possono essere effettivamente riutilizzati.

Il testo del Regolamento contiene un dettaglio dei requisiti affinché tutti gli imballaggi nell’UE siano considerati riciclabili: la Commissione sarà incaricata di adottare criteri per definire gli imballaggi “progettati per il riciclaggio” e “riciclabili su scala”;

I paesi dell’UE dovrebbero garantire che il 90% dei materiali contenuti negli imballaggi (plastica, legno, metalli ferrosi, alluminio, vetro, carta e cartone) venga raccolto separatamente entro il 2029;

I fornitori di servizi online sarebbero vincolati agli stessi obblighi di responsabilità estesa del produttore dei produttori.

Regolamento europeo imballaggi: contrarietà dal Governo Italiano

Le nuove regole non hanno trovato l’appoggio del nostro Paese. A seguito del voto in Parlamento UE della proposta della Commissione (sbilanciata sui temi del recupero piuttosto che del riciclo), il Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto. ha sottolineato come le nuove regole rappresentino un sistema che non valorizza il modello vincente italiano, “ma che lo mette a rischio. Continueremo la nostra battaglia in tutte le sedi comunitarie per difendere le ragioni di una filiera innovativa, che supera i target Ue con diversi anni di anticipo, che dà lavoro tutelando l’ambiente e affermando i più avanzati principi dell’economi circolare”.

Imballaggi: produzione e consumo europeo

Nel 2018 il Packaging ha generato nell’UE un fatturato di 355 miliardi di euro. Si tratta inoltre di una fonte di rifiuti in costante aumento: il totale dell’UE è passato da 66 milioni di tonnellate nel 2009 a 84 milioni di tonnellate nel 2021.

Nel 2021, ogni europeo ha generato 188,7 kg di rifiuti di imballaggio all’anno, una cifra destinata ad aumentare a 209 kg nel 2030 senza misure aggiuntive.

In totale, l’UE ha generato 84 milioni di tonnellate di rifiuti di imballaggio, di cui

  • il 40,3% erano carta e cartone.
  • il 19,0% è plastica
  • 18,5% in vetro
  • 17,1% in legno
  • 4,9% in metallo.

Nel 2021, ogni persona che vive nell’UE ha generato in media 35,9 kg di rifiuti di imballaggio in plastica. Di questi, sono stati riciclati 14,2 kg. Rispetto al 2020, sono aumentati sia la produzione di rifiuti di imballaggio in plastica che il riciclo: la produzione è aumentata di 1,4 kg pro capite (+4,0%) e il riciclo di +1,2 kg pro capite (+9,5%).

In base ai dati prodotti da Eurostat: tra il 2011 e il 2021, la quantità pro capite di rifiuti di imballaggio in plastica generata è aumentata del 26,7% (+7,6 kg/pro capite). La quantità riciclata di rifiuti di imballaggio in plastica è aumentata nello stesso periodo del 38,1% (+3,9 kg/pro capite).

Rifiuti: aggiornamento e formazione per gli operatori della tutela ambientale

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti, EPC Editore, ottobre 2021 (III ed.), Sassone Stefano

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti

Sassone Stefano
Libro
Edizione: ottobre 2021 (III ed.)
Pagine: 304
Formato: 150×210 mm
€ 19,95

Il volume si rivolge a enti e imprese chiamate a gestire i rifiuti, offrendo un panorama completo delle competenze, responsabilità, procedure, operazioni e altre prescrizioni che essi devono attuare sotto il profilo documentale, richiamando la normativa vigente e la documentazione di riferimento. 

Vademecum dell'ambiente, EPC Editore, maggio 2020 (IV ed.), Sassone Stefano

Vademecum dell’ambiente

Sassone Stefano
Libro
Edizione: maggio 2020 (IV ed.)
Pagine: 472
Formato: 150×210 mm

Guida pratica agli adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese. Aggiornato con le novità del “Circular Economy Package” ed il “Green New Deal” rilasciati dalla Comunità Europea

Corsi di formazione per l’esperto ambientale in gestione dei rifiuti

RIFIUTI

Istituto Informa organizza il corso per professionisti della tutela ambientale e dell’energia:
La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti
Le novità su RENTRI e il nuovo Formulario Trasporto Rifiuti (Vi.Vi.FIR)
8 Crediti Formativi (CFP) CNI
INFORMA- Roma

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it