Norme tecniche per le Costruzioni 2018
APPROFONDIMENTO
Su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro 7/2014 si parla di...
fonte: 
Rivista Ambiente&Sicurezza sul lavoro
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro 7/2014 si parla di... Il numero di Luglio di Ambiente&Sicurezza sul lavoro riporta in apertura la prima parte del Forum di Sicurezza sul Lavoro 2014 svoltosi a Roma il 10 giugno scorso.
Oggetto di approfondimento specifico sono la figura del Formatore in sicurezza sul Lavoro, i rischi per gli operatori nei cantieri navali, la responsabilità amministrativa degli Enti, la BBS e un'analisi comparativa fra normativa nazionale e dello Stato Vaticano.
Nelle rubriche facciamo invece il punto sulla Riforma del Titolo V e sui rapporti fra Stato e Regioni nella gestione della salute e sicurezza sul lavoro. Ma anche la Strategia europea 2014-20 per la sicurezza sul lavoro ed una indagine sui prossimi interventi anche in Italia. Chiude il numero la consueta rassegna di normativa, giurisprudenza e soluzioni aziendali selezionate per voi.

Formazione in sicurezza
gli obblighi, i reati e la figura del formatore

di Alessio Scarcella
(Consigliere presso la Corte Suprema di Cassazione e docente presso le Scuole di Specializzazione per le Professioni Legali delle Università degli Studi di Firenze e Siena)

Una recente sentenza della Cassazione (Cass. pen., Sez. IV, 26 maggio 2014, n. 21242) offre lo spunto per una riflessione sul tema dei reati in materia di formazione e sull'importanza dei criteri per l'individuazione dei soggetti chiamati a gestire l'obbligo formativo.
Il caso verte, in particolare, sulla corretta individuazione degli obblighi di formazione previsti dal T.U. in materia di prevenzione infortuni sul lavoro. L'assolvimento dell'obbligo formativo, infatti, assume particolare rilievo nella disciplina dettata dal T.U. sicurezza, essendo infatti evidente che sovente il concretizzarsi del rischio infortunistico è imputabile a carenze formative.

Cantieri navali
quali livelli di rischio per gli operatori?

di Eva Pietrantonio
(Chimico esperto in Salute e Sicurezza sul Lavoro, autore del software ARChiMEDE)

La natura delle materie prime impiegate nei cantieri navali e le modalità di lavorazione, prevalentemente artigianale, determinano una significativa esposizione a stirene e acetone per i quali è necessario effettuare una corretta valutazione del rischio chimico. I livelli di rischio, certamente non irrilevanti per la salute, richiedono di adottare misure specifiche di prevenzione e protezione. L'articolo si concentra su come effettuare una corretta valutazione e gestione del rischio chimico, anche grazie all'ausilio di modelli di calcolo, come il software ARChiMEDE.

Responsabilità degli Enti
gli orientamenti giurisprudenziali in materia

di Andrea Quaranta
(Environmental crisis and risk manager - andrea.quaranta@naturagiuridica.com)

L'articolo intende effettuare una rapida panoramica delle principali sentenze che, nel corso dei mesi, sono state pronunciate in relazione ad alcuni particolari tematiche afferenti il D.Lgs. n. 231/01, ulteriori rispetto ai "soli" aspetti ambientali. Spazio anche per uno sguardo alle semplificazioni previste per le PMI.


Oltre la BBS
costruire comportamenti sicuri in azienda

di Carlo Bisio
Consulente Psicologo del Lavoro ed Ergonomo

Nell'articolo si descrive un intervento di sicurezza comportamentale realizzato presso un'azienda petrolchimica italiana. Vengono presentate le modalità dell'intervento e alcuni risultati nell'arco dei primi 6 anni dall'implementazione del sistema. Fra le caratteristiche dell'intervento vi è stata quella di integrare l'approccio comportamentale con uno di tipo psicosociale, tenendo conto anche delle specifiche variabili culturali.

Normative a confronto
Stato italiano e Vaticano alla prova della sicurezza

di Alberto Andreani
Coordinatore scientifico area lavoristica di OLYMPUS, presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Urbino

L'articolo si pone l'obiettivo di proporre alcune brevi e parziali considerazioni sulle due principali leggi di riferimento in materia di salute e sicurezza sul lavoro dello Stato italiano e di quello vaticano, con lo scopo di compararne sia gli istituti basilari che i principali soggetti destinatari.


LA RIVISTA AMBIENTE&SICUREZZA SUL LAVORO
Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro e abbonati per l'anno 2014!
Dal 1985 al servizio della prevenzione infortuni, dell'igiene e sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.insic.it 
oppure scrivi a amsl@epcperiodici.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: