fbpx
Test_quesito

Responsabile tecnico rifiuti: procedure di verifica dell’idoneità – Delibera 4/2019 e Aggiornamenti

754 0

Il Comitato Gestori ambientali con Deliberazione n.4 del 25 giugno 2019 definisce i criteri e le modalità di svolgimento delle verifiche del responsabile tecnico dei rifiuti.
La Deliberazione è in vigore dal 19 luglio 2019 (art.8) abrogando la deliberazione n.7/2017 e la deliberazione n. 10/2017.

Ricordiamo che

Vediamo dunque tutte le novità nelle procedure di verifica e le modifiche normative introdotte nel tempo (vedi in particolare la Delibera n. 7 del 16 novembre 2022.

Deliberazione 4 del 25 giugno 2019 – Domanda di iscrizione e requisiti per le verifiche dei responsabili tecnici

La Deliberazione stabilisce entro il 30 novembre di ogni anno, il termine per la pubblicazione sul sito dell’Albo nazionale gestori ambientali, delle sedi e delle date delle verifiche per i responsabili tecnici.
La domanda di iscrizione alla verifica (art.2): va inviata esclusivamente per via telematica non prima del termine di sessanta giorni e non oltre il termine di quaranta giorni antecedenti la data di svolgimento della verifica. Si dettagliano quindi (art. 2 comma 3) i requisiti di coloro che vengono ammessi alle verifiche, le procedure compilative del modello (comma 4) nel quale deve comparire, la data, la sede dell’esame e il modulo per il quale intende sostenere la verifica.

Svolgimento delle verifiche per il responsabile tecnico dei rifiuti – art.5

I candidati verranno avvertiti con mail (spedita almeno venti giorni antecedenti la data della verifica come indica l’art.5) di conferma dell’iscrizione e con l’indicazione di data e sede dei moduli specialistici oggetto della verifica.
Si ricorda che il candidato può iscriversi per un massimo di 3 moduli nella stessa sessione, (come confermato in Delibera n.3) ma devono sussistere due condizioni (dettagliate nel comma 5 dell’art.2): la prima richiede che la verifica sia costituita dal modulo obbligatorio per tutte le categorie e da almeno un modulo specialistico; la seconda riguarda chi ha già sostenuto la verifica iniziale: può iscriversi per gli ulteriori moduli di specializzazione senza dover nuovamente sostenere la parte relativa al modulo obbligatorio.

Si veda sotto le modifiche intervenute a seguito della Delibera n. 7 del 16 novembre 2022

Commissione, contenuti e punteggi per le verifiche del responsabile tecnico dei rifiuti

L’art.3 dettaglia la composizione e funzione della commissione d’esame e l’art.4 si concentra sui contenuti della verifica (40 quiz a risposta multipla per ciascun modulo oggetto della verifica in 60 minuti ognuno, con relativi punteggi). I punteggi di idoneità vengono dettagliati in art.6 sia per la verifica iniziale che per la verifica di aggiornamento. I nominativi dei canditati risultati idonei verranno poi pubblicati sul sito dell’Albo nazionale gestori ambientali con rilascio successivo di apposito attestato.

Idoneità da Responsabile tecnico dei rifiuti, conseguita prima della Deliberazione 4/2019: che fare?

Coloro i quali abbiano conseguito l’idoneità iniziale prima dell’entrata in vigore della Deliberazione n.4/2019 potranno iscriversi alle verifiche per gli ulteriori moduli specialistici mancanti, senza dover nuovamente sostenere la parte relativa al modulo obbligatorio per tutte le categorie (art.7).


Verifiche Responsabile Tecnico: tutte le modifiche normative

In questa sezione riportiamo gli atti di modifica del Comitato gestori alla Delibera 4/2019.

Delibera 7/2022. condizioni per l’iscrizione a più moduli del responsabile tecnico

Con Delibera n. 7 del 16 novembre 2022 il Comitato Gestori, oltre ad apportare modifica all’art. 5 della Delibera 6/2017 contiene anche una modifica alla Deliberazione 4/2019, in particolare all’art.2 (Domanda di iscrizione).

L’art. 2della Delibera 4/19 indica che il candidato a diventare responsabile dei rifiuti può iscriversi ad un massimo di 3 moduli nella sessione prescelta ad alcune condizioni.

  • Una di queste (la lettera a) è così modificata (si veda la parte in neretto):

“a) La verifica iniziale è costituita dal superamento del modulo obbligatorio per tutte le categorie e da almeno un modulo specialistico che devono essere superati contemporaneamente”;

  • Inoltre, viene aggiunta una nuova condizione (lettera c)

“La verifica di aggiornamento è costituita dal superamento del modulo obbligatorio per tutte le categorie e almeno un modulo specialistico, che possono essere superati anche separatamente purché entro la data di scadenza della rispettiva validità”.


Normativa ambientale aggiornata e Codice dell’Ambiente

InSic suggerisce fra i libri di EPC Editore in materia di tutela dell’ambiente ed energia

Vademecum dell’ambiente
Sassone Stefano
Libro
Edizione: maggio 2020 (IV ed.)

Testo Unico Ambiente: corso di formazione sulla normativa ambientale aggiornata

formazione videconferenza

Il Testo Unico Ambientale (TUA) dopo i decreti correttivi
24 Crediti formativi (CFP) CNI
INFORMA- Roma

Prof. Ing. Francesco LOMBARDI
Professore Associato di Ingegneria Sanitaria Ambientale Università di Roma Tor Vergata; Docente di impianti trattamento rifiuti e gestione degli Impianti Sanitari Ambientali

Dott. Andrea PEGAZZANO
Esperto tutela ambientale, Autorità di Bacino del Fiume Po

Magistrato del Tribunale, esperto nelle tematiche trattate

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore