Edilizia
 IN GAZZETTA
Veicoli elettrici: pubblicato l'Accordo di programma per la rete infrastrutturale
22 giugno 2018
fonte: 
area: Edilizia
Veicoli elettrici: pubblicato l'Accordo di programma per la rete infrastrutturale In Gazzetta Ufficiale (n.141 del 20-06-2018) due provvedimenti relativi alla realizzazione della rete infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica: un Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri del 1 febbraio 2018 che approva l'Accordo di programma per la sua realizzazione, ed una Delibera del CIPE sul Piano nazionale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica.

Il DPCM 1/2/2018 approva l'Accordo di programma (riportato in Allegato al Decreto) la cui attuazione viene rimandata ad apposite successive convenzioni (come peraltro previsto nell'Accordo all'art.6)
Con Delibera del 10 luglio 2017 invece viene approvato lo schema di Accordo di programma tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, le Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto e le Province autonome di Trento e Bolzano, finalizzato ad individuare i programmi di intervento per la realizzazione di reti di ricarica diffuse sul territorio nazionale volte a favorire la diffusione dei veicoli alimentati ad energia elettrica.
Allo schema di Accordo vengono poi allegati la tabella «Allegato 1 - Elenco dei programmi regionali di intervento», con i relativi importi finanziari e lo schema di Convenzione.

L'Accordo è finalizzato alla individuazione dei suddetti programmi di intervento predisposti dalle Regioni e dalle Province autonome per la realizzazione di reti di ricarica diffuse sul territorio nazionale per favorire la diffusione dei veicoli alimentati ad energia elettrica di cui al comma 5, articolo 17-septies della Legge 134/2012, sulla base delle indicazioni contenute all'art. 3 del DM 503 del 22 dicembre 2015.
I soggetti responsabili dell'Accordo sono individuati nella figura del Direttore Generale per lo Sviluppo del Territorio, la Programmazione ed i Progetti Internazionali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e nella figura dei Direttori generali dei Servizi competenti per le Regioni e le Province autonome coinvolte.

Sono ammessi a finanziamento, le seguenti voci:
a. redazione del programma della mobilità elettrica,
b. progettazione dei siti di ricarica,
c. acquisto e l'installazione degli impianti (comprensivo delle opere necessarie alla messa in
opera),
d. campagna di comunicazione mirata all'informazione all'utenza per quanto riguarda il servizio offerto. Purché il valore complessivo della componente c) non sia inferiore al 70% del valore complessivo del progetto.

I progetti garantiscono che la quota di cofinanziamento legata dell'intero intervento sia:
- uguale o minore al 35% del valore del progetto per le azioni legate allo sviluppo di impianti che utilizzano una ricarica di tipo lenta/accelerata (gli impianti di ricarica devono garantire che almeno una presa garantisca l'erogazione di una potenza di 22 kW ovvero che l'unica presa garantisca l'erogazione di una potenza di 22 kW);
- uguale o minore al 50% del valore del progetto per le azioni legate allo sviluppo di impianti che utilizzano una ricarica di tipo veloce o per la ricarica di tipo domestica.

Riferimenti normativi:
DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 febbraio 2018
Approvazione dell'accordo di programma per la realizzazione della rete infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica. (18A04300) (GU Serie Generale n.141 del 20-06-2018)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
DELIBERA 10 luglio 2017
Piano nazionale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica: accordo di programma per la realizzazione della rete infrastrutturale, ai sensi dell'articolo 17-septies, comma 5, del decreto-legge n. 83 del 22 giugno 2012. (Delibera n. 64/2017). (18A04274) (GU Serie Generale n.141 del 20-06-2018)

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!