Mese del software Progetto Sicurezza Lavoro
DALL'EUROPA
Infrazioni UE: le cause ambientali ancora aperte
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Tutela ambientale
Infrazioni UE: le cause ambientali ancora aperte Il 25 febbraio 2016, la Commissione europea ha stabilito la chiusura di 8 procedure di infrazione contro il nostro Paese, con una riduzione delle cause del 30,25% come si riporta nel sito del Dipartimento delle Politiche europee.
Per quanto riguarda l'ambiente, l'aggiornamento del 26 gennaio 2016 registrava 19 cause, ora scese a 18.


83 le cause aperte

Il Sottosegretario Gozi vede come "storico" il risultato ottenuto dall'Italia: scendono infatti a 83 contro le 104 del Governo Monti del 2013 e le 119 del febbraio 2014 del Governo Letta. Di queste cause, 63 sono per violazione del diritto dell'Unione) e 20 per mancato recepimento di direttive c. Un dato mai così basso in passato.
La Commissione europea ha anche disposto l'archiviazione di 2 casi EU Pilot già chiusi negativamente, che avrebbero potuto presto dare origine a procedure di infrazione.

Ambiente: le procedure archiviate

Fra le 8 procedure archiviate, ben 6 sono quelle di matrice ambientale: in particolare,

-Procedura 2014/2284 - Recepimento incompleto della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica.
-Procedura 2012/4096 - Direttiva Natura - Cascina "Tre Pini". Violazione della direttiva 92/43/EEC, in particolare degli artt. 4(4) e 6(1).
-Procedura 2011/4003 - Affidamento del servizio di gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Comuni nelle -Province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza.
-Procedura 2012/2050 - Comune di Varese. Attribuzione diretta del servizio di raccolta dei rifiuti alla società Aspem SpA.
-Procedura 2013/2122 - Violazione della direttiva 2009/18/CE relativa alle inchieste sugli incidenti nel settore del trasporto marittimo. Incidente "Costa Concordia". Indipendenza dell'Organismo Investigativo italiano (ex Pilot 4702/13/MOVE).

Fra le procedure di messe in mora complementari (ex art. 258 TFUE figura la causa PI 2013/2022 - Violazione della direttiva 2002/498/CE relativa al rumore ambientale.
Due i Pareri motivati: il primo, 2015/0307 per il "Mancato recepimento della direttiva 2014/77/UE della Commissione, del 10 giugno 2014, recante modifica degli allegati I e II della direttiva 98/70/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla qualità della benzina e del combustibile diesel".
Il secondo, 2015/0439 per il "Mancato recepimento della direttiva 2013/56/UE del 20 novembre 2013, che modifica la direttiva 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori per quanto riguarda l'immissione sul mercato di batterie portatili e di accumulatori contenenti cadmio destinati a essere utilizzati negli utensili elettrici senza fili e di pile a bottone con un basso tenore di mercurio, e che abroga la decisione 2009/603/CE della Commissione".
Su quest'ultimo giova ricordare che è entrato in vigore il 20 marzo il Decreto Legislativo del 15 febbraio 2016, n. 27 che dà proprio attuazione alla direttiva 2013/56/UE di modifica della direttiva 2006/66/CE.

Ambiente: le cause ancora aperte

Sono in tutte 18 le cause prettamente ambientali aperte con l'Unione Europea. Il dato è aggiornato al 25 febbraio ed è desumibile dalla banca dati EU-infra.
Di seguito l'elenco delle cause ambientali ancora aperte:

Procedura 2015_2165
Pani regionali di gestione dei rifiuti. Violazione degli articoli 28(1) o 30(1) o 33(1) della Direttiva 2008/98/CE.
Messa in mora Art. 258 TFUE

Procedura 2015_2163
Mancata designazione delle Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e mancata adozione delle misure di conservazione. Violazione Direttiva Habitat.
Messa in mora Art. 258 TFUE

Procedura 2015_2043
Applicazione della direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell'aria ambiente ed in particolare obbligo di rispettare i livelli di biossido di azoto(NO2)

Messa in mora Art. 258 TFUE

Procedura 2015_0439
Mancato recepimento della direttiva 2013/56/UE del 20 novembre 2013, che modifica la direttiva 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori per quanto riguarda l'immissione sul mercato di batterie portatili e di accumulatori contenenti cadmio destinati a essere utilizzati negli utensili elettrici senza fili e di pile a bottone con un basso tenore di mercurio, e che abroga la decisione 2009/603/CE della Commissione.
Parere motivato Art. 258 TFUE

Procedura 2015_0307
Mancato recepimento della direttiva 2014/77/UE della Commissione, del 10 giugno 2014, recante modifica degli allegati I e II della direttiva 98/70/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla qualità della benzina e del combustibile diesel (Testo rilevante ai fini del SEE)
Parere motivato Art. 258 TFUE

Procedura 2014_2147
Cattiva applicazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell'aria ambiente - Superamento dei valori limite di PM10 in Italia.
Messa in mora Art. 258 TFUE

Procedura 2014_2059
Attuazione della direttiva 1991/271/CEE relativa al trattamento delle acque reflue urbane.
Parere motivato Art. 258 TFUE

Procedura 2014_2006
Normativa italiana in materia di cattura di uccelli da utilizzare a scopo di richiami vivi - Violazione della direttiva 2009/147/CE.
Parere motivato Art. 258 TFUE

Procedura 2013_2177
Stabilimento siderurgico ILVA di Taranto. Direttiva 2008/1/CE sulla prevenzione e la riduzione integrate dell'inquinamento (c.d. direttiva IPPC),fino al 7 gennaio 2014; Direttiva 2010/75/UE sulle emissioni industriali (c.d. direttiva IED),a partire dal 7 gennaio 2014
Parere motivato Art. 258 TFUE

Procedura 2013_2022
Non corretta attuazione della direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale. Mappe acustiche strategiche.
Messa in mora complementare Art. 258 TFUE

Procedura 2011_4030
Commercializzazione dei sacchetti di plastica
Messa in mora complementare Art. 258 TFUE

Procedura 2011_4021
Conformità della discarica di Malagrotta (Regione Lazio) con la direttiva discariche (dir. 1999/31/CE).
Sentenza Art. 258 TFUE

Procedura 2011_2215Violazione dell'articolo 14 della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti in Italia
Parere motivato complementare Art. 258 TFUE

Procedura v2009_4426Valutazione d'impatto ambientale di progetti pubblici e privati. Progetto di bonifica di un sito industriale nel Comune di Cengio (Savona)
Parere motivato complementare Art. 258 TFUE

Procedura 2009_2034Cattiva applicazione della Direttiva 1991/271/CE relativa al trattamento delle acque reflue urbane
Sentenza Art. 258 TFUE

Procedura 2007_2195
Emergenza rifiuti in Campania.
Sentenza Art. 260 TFUE

Procedura 2004_2034
Cattiva applicazione degli articoli 3 e 4 della direttiva 91/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbane
Messa in mora Art. 260 TFUE

Procedura 2003_2077
Non corretta applicazione delle direttive 75/442/CE sui "rifiuti", 91/689/CEE sui "rifiuti pericolosi" e 1999/31/CE sulle "discariche".
Sentenza Art. 260 TFUE

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.politicheeuropee.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: