DAL GOVERNO

Attrezzature a pressione: approvato il decreto che attua la Dir. 2014/68/UE

18 novembre 2015
Redazione InSic

L'ultimo Consiglio dei Ministri dello scorso 13 novembre riporta dell'approvazione dal parte del Governo, di un decreto legislativo (via libera in sede preliminare) che dovrà attuare la direttiva europea 2014/68/UE concernente l'armonizzazione delle legislazioni relative alla messa a disposizione sul mercato di attrezzature a pressione.



Il Decreto, legislativo di prossima uscita aggiornerà la disciplina vigente a livello europeo, per la commercializzazione dei prodotti nuovi o usati e la verifica della conformità dei prodotti stessi a precisi standard di sicurezza.
Il Decreto riguarderà le attrezzature a pressione sottoposte a una pressione massima ammissibile P S superiore a 0,5 bar e gli insiemi composti da varie attrezzature a pressione montate per costituire un tutto integrato e funzionale (apparecchi di riscaldamento a scopo industriale, i generatori di vapore e di acqua surriscaldata).

Scrive il Governo nel Comunicato della seduta, che per garantire la sicurezza delle attrezzature a pressione, sarà essenziale la conformità con i requisiti di sicurezza che le attrezzature a pressione devono soddisfare, suddivise in requisiti generali e specifici (compre le disposizioni sull'etichettatura e l'apposizione del marchio CE).
In particolare, le attrezzature a pressione verranno progettate, fabbricate e controllate e, ove occorra, dotate dei necessari accessori ed installate in modo da garantirne la sicurezza se messe in funzione in base alle istruzioni del fabbricante o in condizioni ragionevolmente prevedibili.

Il Comunicato governativo ricorda anche i principi che andranno seguiti dai fabbricanti:
• eliminazione o riduzione dei pericoli nella misura ragionevolmente fattibile;
• applicazione delle opportune misure di protezione contro i pericoli che non possono essere eliminati;
• informazione degli utilizzatori circa pericoli residui e indicazione della necessità di opportune misure speciali di attenuazione dei rischi per l'installazione e/o l'utilizzazione.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.governo.it