Veneto: verso nuove Linee guida per la realizzazione di centraline idroelettriche

842 0
Sul sito della Regione Veneto si riporta una nota che annuncia il percorso che la Regione sta attuando in materia di tutela dei corpi idrici, con l’obiettivo di pervenire entro breve a definire nuove linee guida che costituiscano il quadro di riferimento anche per quanto riguarda le autorizzazioni alla realizzazione di nuove centraline idroelettriche.



Più attenzione agli aspetti ambientali e al coinvolgimento degli enti locali, facendo passare in secondo piano gli aspetti di carattere energetico: è questo il motivo conduttore del percorso che la Regione sta attuando in materia di tutela dei corpi idrici, con l’obiettivo di pervenire entro breve a definire nuove linee guida che costituiscano il quadro di riferimento anche per quanto riguarda le autorizzazioni alla realizzazione di nuove centraline idroelettriche. A tracciarne lo sviluppo è stato oggi a Palazzo Balbi l’assessore regionale alle politiche ambientali Gianpaolo Bottacin.

Muovendosi all’interno di una normativa statale (principalmente regolata dal D.lgs. 152/2006 e dal R.D. 1775/1933) ed europea (Direttiva 2000/60) – ha spiegato l’assessore – il punto di partenza è la classificazione dei corpi idrici superficiali. E’ all’esame della competente commissione consiliare il provvedimento già adottato dalla giunta regionale per il proseguimento di questa attività che serve per fotografare lo stato di salute delle acque superficiali, sulla base di parametri chimici ed ecologici. La classificazione, curata dall’ARPAV, riguarda in Veneto circa 850 corpi idrici (corsi d’acqua e laghi), ed è costantemente aggiornata. Pone anche – ha detto Bottacin – dei “paletti” per tutti i tipi di interventi, anche quelli idroelettrici, perché le direttive europee indicano come obiettivo il mantenimento delle situazioni ottimali e il miglioramento delle altre.

La corsa che si è registrata nelle richieste di realizzazione di impianti idroelettrici – ha detto Bottacin – è sostenuta dalla presenza di specifici incentivi statali per quanto riguarda le fonti rinnovabili di energia. Ma oltre alla classificazione delle acque, da cui si parte per autorizzare nuove centraline, ci sono ora in itinere anche altri provvedimenti che andranno ad incidere sulla materia, tra cui la nuova legge sulla Commissione regionale per la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) che introdurrà un concetto importante: quello del coinvolgimento degli enti locali nel momento decisionale. Oggi i comuni sono solo sentiti dalla Commissione che prende le sue decisioni in autonomia, poi ratificate dalla giunta regionale. Quando la nuova legge sarà approvata, la Commissione VIA continuerà ad esprimere il suo parere tecnico, ma sarà una conferenza di servizi, in cui gli enti locali avranno diritto di voto, a prendere la decisione finale. “Il momento decisionale – ha concluso Bottacin– si trasferirà verso il basso”.

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore