Rifiuti costruzione

Residui da inviare a smaltimento: esiste un limite di produzione?

3825 0

Con istanza di interpello la Provincia di Campobasso ha richiesto chiarimenti al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica sull’assenza di un riferimento relativo al limite di produzione dei residui da inviare a smaltimento. Tale carenza, secondo la Provincia “offre il fianco ai gestori meno virtuosi che ne approfittano per farne abuso e nascondere attività di smaltimento dietro attività di recupero con particolare ricorso al CER 19.12.12”.
Il MASE nella risposta all’interpello ammette l’assenza di un dato normativo sul limite di produzione dei rifiuti, spiegando le ragioni per cui non è stato inserito (seppure con alcune eccezioni) e come tale “scelta” del legislatore non ostacolerebbe ad una sua individuazione sommaria alla luce delle disposizioni del Testo Unico Ambiente (D.Lgs. n.152/2006).

Vediamo di seguito la ricostruzione normativa operata dal MASE circa l’individuazione di un limite di produzione dei rifiuti.

Impianti di smaltimento o recupero di rifiuti: condizioni e autorizzazioni per esercitare

La ricostruzione del Ministero parte dai richiami alla normativa ambientale del Codice Ambiente relativa alle autorizzazioni dei nuovi impianti di smaltimento o di recupero di rifiuti anche pericolosi

Il MASE ricorda che

rifiuti_combustibile
  • l’art.208 del Testo unico Ambiente (D.Lgs. n.152/2006) impone a coloro che vogliono avviare tale attività di redigere apposita domanda all’autorità competente, allegando il progetto definitivo dell’impianto e la necessaria documentazione tecnica.
  • Il comma 11 dell’art. 208 indica le condizioni e le prescrizioni necessarie e l’indicazione “per ciascun tipo di operazione autorizzata, dei requisiti tecnici con particolare riferimento alla compatibilità del sito, alle attrezzature utilizzate, ai tipi ed ai quantitativi massimi di rifiuti e alla modalità di verifica, monitoraggio e controllo della conformità dell’impianto al progetto approvato”.
  • l’articolo 29-sexies, comma 3-bis, del D.Lgs. n. 152/2006, in materia di autorizzazione integrata ambientale, prescrive che la stessa debba contenere, tra il resto, “le disposizioni per la gestione dei rifiuti prodotti dall’impianto…”, nonché eventuali ulteriori condizioni specifiche, giudicate opportune dall’autorità competente.

Pertanto, nel progetto dell’impianto ci sono  le necessarie specifiche tecniche riguardanti il processo di recupero, i quantitativi di  rifiuti in ingresso, il materiale recuperato nonché i quantitativi dei rifiuti in uscita così da  comprovare la ragionevolezza e la proporzionalità del progetto rispetto  alle finalità e utile alle valutazioni che l’autorità competente  effettua ai fini del rilascio dell’autorizzazione.

Perché non esiste un limite di produzione dei residui?

rifiuti_deposito

A questa domanda il Ministero spiega che sarebbe difficile individuare un limite di produzione dei rifiuti: ci sono troppe diverse variabili, come la tipologia dell’impianto, le sue caratteristiche tecniche, a natura dei residui prodotti, il periodo nel quale l’attività opera, le migliori tecniche disponibili vigenti in etto periodo ovvero ad altre valutazioni tecniche. “Tutti elementi che, insieme ad altri, rendono peculiare ogni specifico caso e non permettono di prevedere limiti generali, definiti ex lege” conferma il MASE.

Il MASE cita anche una sentenza del Consiglio di Stato (Cons. Stato, Sez. IV, 07/11/2022, n. 9738) dove addirittura si tratterebbe non di una lacuna ma “di una scelta del legislatore statale il quale, in relazione alla peculiarità degli impianti in esame e alla complessità del procedimento di autorizzazione, ha rimesso la fissazione dei termini alla stessa Amministrazione procedente, su impulso della Conferenza di servizi, secondo valutazioni da effettuarsi caso per caso (…)”

Quali sono i Limiti ai residui da avviare allo smaltimento?

Seppure non esista un dato normativo generale sul quantitativo di residui destinati allo smaltimento in esito alle operazioni di trattamento il MASE ricorda che per alcune tipologie di recupero, sano disponibili indicazioni più specifiche, in particolare sici riferisce al

  • D.M. 29 gennaio 2007 con riferimento al recupero presso gli impiantì di trattamento meccanico-biologico (TMB)
  • all’allegato 2, Suballegato 1, Suballegato 2 del D.M. 5 febbraio 1998, con riguardo agli impianti di recupero di materia e a quelli di recupero di energia.

Dove trovare un limite alla produzione dei rifiuti da smaltire?

Se si volesse cercare poi un limite implicito al quantitativo di rifiuti destinati allo smaltimento, il MASE invita a ravvedere nei principi generali che governano la materia ambientale previsti all’articolo 178 e 179 del D.Lgs. n. 152/2006 l’invito a operare in un’ottica di riduzione della produzione di rifiuti.

Infine, ricorda che anche se manca un dato normativo sul quantitativo di residui destinati allo smaltimento, ciò non compromette l’esercizio delle funzioni di vigilanza e controllo volte a prevenire o reprimere le attività illecite che vanno svolte sui piani di monitoraggio ambientale connessi al titolo abilitativo.

Rifiuti: aggiornamento e formazione per gli operatori della tutela ambientale

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti, EPC Editore, ottobre 2021 (III ed.), Sassone Stefano

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti

Sassone Stefano
Libro
Edizione: ottobre 2021 (III ed.)
Pagine: 304
Formato: 150×210 mm
€ 19,95

Il volume si rivolge a enti e imprese chiamate a gestire i rifiuti, offrendo un panorama completo delle competenze, responsabilità, procedure, operazioni e altre prescrizioni che essi devono attuare sotto il profilo documentale, richiamando la normativa vigente e la documentazione di riferimento. 

Vademecum dell'ambiente, EPC Editore, maggio 2020 (IV ed.), Sassone Stefano

Vademecum dell’ambiente

Sassone Stefano
Libro
Edizione: maggio 2020 (IV ed.)
Pagine: 472
Formato: 150×210 mm

Guida pratica agli adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese. Aggiornato con le novità del “Circular Economy Package” ed il “Green New Deal” rilasciati dalla Comunità Europea

Corsi di formazione per l’esperto ambientale in gestione dei rifiuti

RIFIUTI

Istituto Informa organizza il corso per professionisti della tutela ambientale e dell’energia:
La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti
Le novità su RENTRI e il nuovo Formulario Trasporto Rifiuti (Vi.Vi.FIR)
8 Crediti Formativi (CFP) CNI
INFORMA- Roma

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore