Sostanze chimiche: aggiornamenti ECHA sulle SVHC

826 0
ECHA aggiorna sull’introduzione di alcune sostanze chimiche nella lista delle candidate per l’autorizzazione per le loro proprietà (estremamente preoccupanti – SVHC) al 7 luglio 2017.
In particolare, l’Agenzia ha aggiunto una nuova sostanza molto persistente e molto bioaccumulativa: la PFHxS che appartiene al gruppo delle sostanze per- e polyfluoro-alchiliche (PFASs), già oggetto di regolamentazione; alcune PFASs sono risultate SHVC, per altre sono previste restrizioni o ci sono valutazioni attualmente in corso.

Aggiornamenti delle sostanze candidate per l’autorizzazione


Inoltre, ECHA riferisce l’aggiornamento della voce bisfenolo A (BPA) per includere proprietà deterioranti dell’ambiente endocrino per la salute umana, sulla base di una proposta della Francia ed è stata inclusa nell’elenco delle sostanze candidate a causa della sua tossicità per la riproduzione, già nel mese di gennaio.
Ulteriori aggiornamenti, riporta ECHA, riguardano il benzil butilftalato (BBP), il bis (2-etilhexil) ftalato (DEHP), il dibutil ftalato (DBP) e il diisobutil ftalato (DIBP).

L’elenco delle sostanze candidate al 7 luglio 2017


ECHA riporta quindi un elenco delle sostanze identificate come SVHC ai sensi dell’articolo 57, lettera f) e candidate all’autorizzazione.
Per aumentare la chiarezza e la trasparenza, viene fornita anche una descrizione delle proprietà che provocano gli effetti avversi. Viene dunque sostituita la voce: “livello di preoccupazione equivalente” da una dichiarazione delle proprietà intrinseche rilevanti per l’identificazione ai sensi dell’articolo 57, lettera f), in ciascuna delle voci applicabili.

Le sostanze candidate all’autorizzazione


L’elenco delle sostanze candidate è un elenco di sostanze che possono avere gravi effetti sulla salute umana o sull’ambiente. Tali sostanze sono note anche come “sostanze estremamente preoccupanti”. L’obiettivo della pubblicazione di tale elenco è quello di informare il pubblico e l’industria che queste sostanze sono candidate per l’eventuale inserimento nell’elenco delle autorizzazioni. Una volta che si trovano nell’elenco di autorizzazione, le industrie dovranno richiedere l’autorizzazione a continuare a utilizzare la sostanza dopo la data di scadenza.
Le aziende possono avere poi obblighi legali a seguito dell’inserimento di una determinata sostanza nell’elenco dei candidati. Questi obblighi possono applicarsi alla sostanza elencata da sola, in miscele o in articoli. In particolare, qualsiasi fornitore di articoli contenenti una sostanza tra quelle nella lista delle candidate, al di sopra di una concentrazione dello 0,1% (peso in peso) ha obblighi di comunicazione specifici nei confronti dei clienti della catena di fornitura e dei consumatori.
Inoltre, gli importatori e i produttori di articoli contenenti quella sostanza hanno sei mesi dalla data di inserimento nell’elenco delle sostanze candidate (in questo caso, 7 luglio 2017) per informare l’ECHA.

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore