rifiuti_gestione_interpello

DECRETO ANTICIPI, Comunicazioni su rifiuti e obbligo di registro e formulario: sanzioni estese

847 0

Oltre alla proroga per lo smart working semplificato, il DECRETO ANTICIPI, DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2023, n. 145 coordinato con la legge di conversione 15 dicembre 2023, n. 191 contiene altre misure urgenti in materia economica e fiscale ed anche ambientale!

L’articolo 8-quater, introdotto al Senato, modifica l’articolo 258 del decreto legislativo n. 152/2006 estendendo temporalmente le sanzioni per la violazione degli obblighi di comunicazione e di tenuta dei registri obbligatori e dei formulari per il trasporto dei rifiuti.

Vediamo in cosa consiste l’obbligo e cosa prevede il DECRETO ANTICIPI per le sanzioni.

Obblighi di comunicazione e tenuta dei registri di rifiuti secondo il Codice Ambiente

L’articolo 258 del Testo Unico Ambiente stabilisce le violazioni per gli obblighi di comunicazione e di tenuta dei registri obbligatori e dei formulari per quanto attiene al trasporto dei rifiuti.

Il comma 9 prevede che chiunque viola le disposizioni contenute nell’articolo stesso, soggiace alla sanzione amministrativa prevista per la violazione più grave, aumentata sino al doppio. La stessa sanzione si applica inoltre, a chi con più azioni od omissioni,  esecutive di un medesimo disegno, commette, anche in tempi diversi, più violazioni della stessa o di diverse disposizioni di cui all’articolo 258.

ViolazioneSanzioneNote
Mancata comunicazione€ 2.000 – € 10.000Sanzione ridotta risolta entro il sessantesimo giorno dalla scadenza del termine, € 26 – € 160
Omessa o incompleta tenuta del registro di carico e scarico€ 2.000 – € 10.000€ 10.000 – € 30.000 se il registro è relativo a rifiuti pericolosi
Imprese con meno di 15 dipendenti€ 1.400 – € 6.200 per i rifiuti non pericolosi€ 2.700 – € 12.400 per i rifiuti pericolosi
Trasporto di rifiuti senza formulario€ 1.600 – € 10.000Reato di contraffazione (art. 483 c.p.) se il trasporto riguarda rifiuti pericolosi
Dati incompleti o inesatti nel formulario€ 1.600 – € 10.000Sanzione ridotta se le informazioni sono rinvenibili in altre scritture contabili
Mancata invio o conservazione dei registri o del formulario€ 260 – € 1.550Sanzione ridotta se i registri o il formulario sono comunque presenti
Omessa o incompleta tenuta dei registri da parte del produttore€ 260 – € 1.550Se sono presenti i formulari di trasporto e la data di produzione è dimostrabile
Mancata comunicazione€ 2.000 – € 10.000**Se entro il sessantesimo giorno dalla scadenza del termine, € 26 – € 160
Mancata comunicazione€ 2.000 – € 10.000**Se entro il sessantesimo giorno dalla scadenza del termine, € 26 – € 160
Violazione di obblighi previsti da art. 184, commi 5-bis.1 e 5-bis.2, e art. 241-bis, commi 4-bis, 4-ter e 4-quater€ 3.000 – € 10.000€ 5.000 – € 20.000 in caso di violazione reiterata

Obblighi comunicazioni e registro rifiuti, le sanzioni: cosa prevede il Decreto Anticipi 2023

In base alla modifica apportata dall’art.8-quater del DL 145/2023 convertito in Legge 191/2023, le disposizioni di cui al comma 9 si applicano a tutte le violazioni commesse anteriormente al 26 settembre 2020 data di entrata in vigore del decreto legislativo n. 116/2020, per le quali non sia già intervenuta sentenza passata in giudicato.

Decreto 116/2020 – decreto sul Pacchetto Economia circolare e modifiche 2023

Il Decreto 116/2020, uno dei decreti attuativi del Pacchetto Economia Circolare, attua in Italia la normativa europea relativa ai rifiuti e per gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio della

  • direttiva (UE) 2018/851 che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti e attuazione della direttiva (UE);
  • 2018/852 che modifica la direttiva 1994/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

Approfondisci nell’articolo successivo la normativa italiana di attuazione dei principi europei.

Ricordiamo che è entrato in vigore il 16 giugno 2023 il DECRETO LEGISLATIVO 23 dicembre 2022, n. 213 di modifica e integrazione del Decreto 116/2020 che contiene anch’esso una serie di modifiche alla Parte IV del Codice Ambiente (decreto legislativo 152/2006) nei titoli I, II e III, volte a garantire un coordinamento e una coerenza normativa in seguito alle modifiche e alle abrogazioni che nel corso degli ultimi anni hanno interessato il Codice dell’ambiente.

Rifiuti: aggiornamento e formazione per gli operatori della tutela ambientale

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti, EPC Editore, ottobre 2021 (III ed.), Sassone Stefano

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti

Sassone Stefano
Libro
Edizione: ottobre 2021 (III ed.)
Pagine: 304
Formato: 150×210 mm
€ 19,95

Il volume si rivolge a enti e imprese chiamate a gestire i rifiuti, offrendo un panorama completo delle competenze, responsabilità, procedure, operazioni e altre prescrizioni che essi devono attuare sotto il profilo documentale, richiamando la normativa vigente e la documentazione di riferimento. 

Vademecum dell'ambiente, EPC Editore, maggio 2020 (IV ed.), Sassone Stefano

Vademecum dell’ambiente

Sassone Stefano
Libro
Edizione: maggio 2020 (IV ed.)
Pagine: 472
Formato: 150×210 mm

Guida pratica agli adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese. Aggiornato con le novità del “Circular Economy Package” ed il “Green New Deal” rilasciati dalla Comunità Europea

Corsi di formazione per l’esperto ambientale in gestione dei rifiuti

RIFIUTI

Istituto Informa organizza il corso per professionisti della tutela ambientale e dell’energia:
La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti
Le novità su RENTRI e il nuovo Formulario Trasporto Rifiuti (Vi.Vi.FIR)
8 Crediti Formativi (CFP) CNI
INFORMA- Roma

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it