Riaperture e restrizioni: la Mappa epidemiologica da rischio COVID-19

4980 0
In questo articolo aggiorniamo la Mappa epidemiologica da rischio COVID-19 alla luce delle misure restrittive e delle riaperture previste dalle istituzioni. Al suo interno la progressione dei DPCM e dei DL emanati ed ancora in vigore e le ordinanze del Ministero della Salute che variano la colorazione regionale in base ai dati del Monitoraggio epidemiologico. Nella scheda:
  1. Tutti gli aggiornamenti sulle aree epidemiologiche di rischio con le variazioni della Mappa Epidemiologica nazionale. Agg. del 10 maggio 2021
  2. Il DECRETO-LEGGE 22 aprile 2021, n. 52, il cd Decreto RIAPERTURE “Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19”Leggi il nostro approfondimento sulle riaperture a partire dal 26 aprile 2021;
  3. Il DPCM del 2 marzo 2021 con gli allegati di riferimento per il mondo della salute e sicurezza contenuti nel DPCM del 2 marzo 2021; Decreto prorogato dal 1° maggio al 31 luglio 2021;
  4. Il contenuto del Decreto Legge COVID n.44/2021 di Aprile con le indicazioni fino al 30 aprile 2021 (DL Sospeso dal DL 52/2021);
  5. Il Contenuto del DECRETO-LEGGE 30/2021 valido fino al 6 aprile (DL Sospeso dal DL 52/2021).
Per approfondire sulle misure anti COVID-19:

ULTIMI AGGIORNAMENTI sulle aree epidemiologiche di rischio COVID-19 – Agg. 10 maggio 2021

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia del 7 maggio 2021 (vedi Monitoraggio settimanale 26 aprile – 2 maggio 2021), ha firmato nuove Ordinanze che entreranno in vigore a partire da lunedì 10 maggio. La ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle diverse aree in base ai livelli di rischio a partire dal 10 maggio 2021 è la seguente: Obbligo vaccinale del personale medico
  • Nuove disposizioni volte ad assicurare l’assolvimento dell’obbligo vaccinale da parte del personale medico e sanitario, prevedendo una dettagliata procedura per la sua operatività e adeguate misure in caso di inottemperanza (assegnazione a diverse mansioni ovvero sospensione della retribuzione);
Somministrazione vaccino a soggetti incapaci
  • Estensione delle previsioni già vigenti per i soggetti incapaci ricoverati presso strutture sanitarie assistite in merito alla manifestazione del consenso alla somministrazione del vaccino anti-SARS-CoV-2 anche alle persone che, pur versando in condizioni di incapacità naturale, non siano ricoverate nelle predette strutture sanitarie assistite o in altre strutture analoghe;
Attività giudiziaria
  • Proroga al 31 luglio 2021 per alcune disposizioni in materia di giustizia civile, penale, amministrativa, contabile e tributaria, prevede norme sullo svolgimento dell’attività giudiziaria in periodo di emergenza pandemica e reca modifiche al codice della giustizia contabile;

Assunzioni

  • Proroga al 31 maggio 2021 del termine concernente le procedure di assunzione a tempo indeterminato dei lavoratori socialmente utili (LSU) e dei lavoratori impegnati in attività di pubblica utilità (LPU) (Basilicata, Calabria, Campania e Puglia) nonché i contratti a tempo determinato degli LSU e LPU (Calabria), con oneri a carico del Ministero del lavoro e delle politiche sociali;

Terzo settore

  • Estensione agli enti del Terzo settore (ONLUS, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale) della disciplina prevista per lo svolgimento delle assemblee ordinarie con modalità semplificate per le società sino al 31 luglio 2021;
Rendicontazioni
  • Proroga il termine per la rendicontazione della spesa sanitaria regionale al fine di consentire alle Regioni e alla Province autonome di completare le relative operazioni;

Concorsi pubblici e concorso per magistratura

  • Deroghe per lo svolgimento dei concorsi pubblici prevedendo lo svolgimento di una sola prova scritta e una orale , con modalità decentrate. Si prevedono inoltre modalità ulteriormente semplificate (prova orale facoltativa) per i concorsi relativi al periodo dell’emergenza sanitaria e la possibilità a regime per le commissioni di suddividersi in sottocommissioni. È esclusa l’applicazione delle procedure derogatorie per il personale in regime di diritto pubblico.
  • Inoltre, dal 3 maggio 2021 i concorsi riprenderanno in presenza nel rispetto delle linee guida del Comitato tecnico-scientifico;

    Il Contenuto del DECRETO-LEGGE 13 marzo 2021, n. 30 (prorogato dal DL 44 e sospeso dal DL 52/2021)

    Il DL 30/2021 introduce misure urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del COVID-19 e stabilisce misure di maggiore intensità rispetto a quelle già in vigore.
Zone di rischio: quali sono le restrizioni a partire dal 6 aprile?
  • l’applicazione, nei territori in zona gialla , delle misure attualmente previste per la zona arancione;
  • l’applicazione delle misure attualmente previste per la zona rossa alle Regioni, individuate con ordinanza del Ministro della salute, in cui si verifichi una incidenza cumulativa settimanale dei contagi superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti , a prescindere dagli altri parametri riferiti al colore della zona;
  • la facoltà per i Presidenti delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano di applicare le misure previste per la zona rossa , o ulteriori motivate misure più restrittive tra quelle previste dal decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, nelle Province in cui si verifichi un’incidenza cumulativa settimanale dei contagi superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti o nelle aree in cui la circolazione di varianti di SARS-CoV-2 determini alto rischio di diffusività o induca malattia grave.
DL 30/2021: quali restrizioni agli spostamenti fino al 6 aprile? Dal 15 marzo al 2 aprile e il 6 aprile 2021, nelle zone gialle e arancioni, sarà possibile recarsi in altre abitazioni private abitate solo una volta al giorno, tra le ore 5.00 e le 22.00, restando all’interno dello stesso Comune. Si potranno spostare al massimo due persone, che potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi.

Quali restrizioni anti-covid19 nei giorni di Pasqua?

Infine , nei giorni 3, 4 e 5 aprile 20212 (Festività Pasquali) , sull’intero territorio nazionale, ad eccezione delle Regioni o Province autonome i cui territori si collocano in zona bianca, si applicheranno le misure stabilite per la zona rossa . In tali giorni, nelle zone interessate dalle restrizioni, gli spostamenti verso altre abitazioni private abitate saranno possibili solo una volta al giorno, tra le ore 5.00 e le 22.00, restando all’interno della stessa Regione.
Avatar

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it

Articoli correlati