fbpx

Conversione DL Riaperture (DL 24/2022): formazione in sicurezza anche a distanza in modalità sincrona

453 0

In Gazzetta Ufficiale la Legge di conversione (LEGGE 19 maggio 2022, n. 52) del DL Riaperture DL 24/2022 del 24 marzo 2022 (qui il testo definitivo) al cui interno troviamo l’Articolo 9-bis (Disciplina della formazione obbligatoria in materia di salute e sicurezza sul lavoro).

L’articolo, introdotto in Senato, consente ai fini della formazione obbligatoria in materia di salute e sicurezza sul lavoro lo svolgimento della formazione con la modalità in presenza e la modalità a distanza, attraverso la metodologia della videoconferenza in modalità sincrona.

Ciò vale

  • in attesa dell’aggiornamento degli Accordi per la formazione (previsti entro Giugno 2022 dal DL Fiscale) ed
  • esclusi i casi in cui le attività formative che richiedono un addestramento o una prova pratica, che devono svolgersi obbligatoriamente in presenza (sulla base di leggi o accordi adottati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano).

Art. 9-bis Decreto Riaperture 2022 – testo

L’articolo 9-bis al DL 24/2022 è stato aggiunto nel corso dell’esame svoltosi in prima lettura al Senato. Lo riportiamo per esteso.

Articolo 9-bis.

(Disciplina della formazione obbligatoria in materia di salute e sicurezza sul lavoro)

Nelle more dell’adozione dell’accordo di cui all’articolo 37, comma 2, secondo periodo, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, la formazione obbligatoria in materia di salute e sicurezza sul lavoro può essere erogata sia con la modalità in presenza sia con la modalità a distanza, attraverso la metodologia della videoconferenza in modalità sincrona, tranne che per le attività formative per le quali siano previsti dalla legge e da accordi adottati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano un addestramento o una prova pratica, che devono svolgersi obbligatoriamente in presenza.

Formazione per la sicurezza in presenza e a distanza sincrona

Il dibattito intorno allo svolgimento dei corsi di formazione per la sicurezza sul lavoro in modalità a distanza risale al DL Fiscale (DL 146/2021) che all’art.13 modifica l’art.37 del Testo Unico di Sicurezza, dedicato alla formazione.

Formazione del preposto e riforma del DL Fiscale

Il DL Fiscale ha introdotto il controverso comma 7-ter nell’art. 37 del Testo Unico di Sicurezza: Il comma prevedeva che, per assicurare l’adeguatezza e la specificità della formazione nonché l’aggiornamento periodico dei preposti (ai sensi del comma 7 dell’art. 37 del TUS), le relative attività formative venissero svolte interamente con modalità in presenza e ripetute con cadenza almeno biennale e comunque ogni qualvolta sia reso necessario in ragione dell’evoluzione dei rischi o all’insorgenza di nuovi rischi.

Ciò aveva causato un dibattito circa la modalità di formazione del preposto: andava svolta con le nuove indicazioni del comma 7-ter  o con quelle degli Accordi per la Formazione del 2011?

Formazione del preposto e chiarimenti INL Circolare 1 su modalità sincrona

A dirimere la questione è arrivato l’Ispettorato Nazionale del Lavoro che con circolare n. 1 del 16 febbraio 2022 ha spiegato che il nuovo comma 7-ter

  • non fa venir meno l’obbligo formativo a carico dei dirigenti e preposti;
  • In assenza dei nuovi Accordi per la Formazione (previsti a Giugno ‘22), dirigenti e preposti dovranno pertanto essere formati secondo quanto già previsto dal vigente accordo n. 221 del 21 dicembre 2011 (che non è stato interessato dalle modifiche introdotte dal D.L. n. 146/2021).

Pertanto, non veniva messa in discussione la formazione anche a distanza del preposto e dirigente.

Formazione in modalità sincrona: il parere della Commissione Parlamentare Lavoro

Successivamente anche la Commissione Parlamentare di Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia nella sua Relazione Intermedia del maggio scorso, in un passaggio è tornata sulla formazione del preposto, confermando che l’obbligatoria modalità “in presenza” deve essere considerata validamente attuata, alternativamente, sia come presenza fisica sia come videoconferenza sincrona.

Secondo la Commissione, ciò che caratterizza effettivamente la formazione in presenza rispetto alla formazione e-learning, sarebbe la possibilità di cui dispone il discente, di avere un rapporto diretto con il docente e poter interloquire con lui in tempo reale.

Pertanto, per la Commissione è del tutto ininfluente, ai fini del rispetto della norma che parla solo di “presenza”, il fatto che l’interlocuzione in tempo reale venga realizzata in presenza fisica o in video conferenza sincrona”.

Per la formazione in salute e sicurezza sul lavoro delle figure della Sicurezza in azienda

Formazione in Sicurezza sul lavoro, corsi

In materia di formazione in salute e sicurezza, InSic suggerisce la consultazione del vasto catalogo di Istituto informa che spaziano dai corsi sulla valutazione del rischio ai percorsi formativi per le diverse figure della sicurezza.

Il Preposto: obblighi, compiti e responsabilità: per approfondire

Per conoscere le novità introdotte alla figura del preposto con il DL Fiscale, InSic suggerisce i seguenti volumi di EPC Editore

Il preposto, il datore di lavoro ed i dirigenti nella sicurezza sul lavoro

Abc della sicurezza ad uso dei preposti e dei dirigenti

Compiti, obblighi e responsabilità secondo il secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. aggiornato al D.L. 146/2021 convertito con la L. 215/2021

Corso di formazione e aggiornamento per PREPOSTI

365 diapositive totali in PowerPoint personalizzabili – note e istruzioni per il docente – esercitazioni – test di apprendimento – attestati di partecipazione secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m. (D.L. 146/2021 conv. con L. 215/2021) e l’Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011

Per approfondire la normativa del Testo Unico di Salute e Sicurezza sul Lavoro

EPC ha recentemente aggiornato il Manuale per l’applicazione del D.Lgs. 81/2008 alle più recenti novità normative relative al rischio COVID-19 sui luoghi di lavoro (protocolli per attività produttive, valutazione del rischio, vaccinazione e GREEN PASS) e agli agenti chimici (D.M. 18/05/2021)

Manuale per l’applicazione del D.Lgs. 81/2008Il manuale, dal taglio pratico, costituisce un’analisi sistematica della principale normativa vigente in materia di salute e sicurezza del lavoro. Tutto sul DLgs 81 08.

Scopri ABC, la collana della manualistica per i lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008, art. 36

Si tratta di una Collana di manuali che soddisfa l’obbligo di informazione per la sicurezza sul lavoro in azienda: i manualetti, dalle 32 alle 128 pagine a colori, sono ricchi di schemi ed illustrazioni, in formato tascabile, consentono all’Azienda di assolvere al dovere di fornire un’adeguata informazione in materia di sicurezza sul lavoro ai sensi dell’art. 36 del D.Lgs. 81/2008.

Sono inoltre personalizzabili col nome dell’azienda.

ABC, la collana della manualistica per i lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008, art. 36ABC, la collana della manualistica per i lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008, art. 36

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it