fbpx

Rischio chimico nei luoghi di lavoro, un documento guida ministeriale

289 0
Nella seduta del 28 novembre 2012, la Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ha approvato un documento che fornisce indicazioni complete per la valutazione e gestione del rischio chimico negli ambienti di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 81/2008.
Il datore di lavoro, si trova sia a dovere rispondere agli obblighi previsti dalla normativa vigente in materia di sicurezza e salute negli ambienti di lavoro, ma anche a svolgere i compiti che gli derivano dai Regolamenti REACH, CLP e SDS.
Il documento approvato è quindi focalizzato sull’esame degli aspetti toccati dai Regolamenti REACH, CLP e SDS e va ad incidere su obblighi e procedure nell’ambito del sistema prevenzionistico. Intende quindi fornire un indirizzo tecnico necessario per la lettura delle norme nell’ambito della valutazione del rischio derivante da agenti chimici pericolosi, e cancerogeni e mutageni.
Il documento fa quindi il punto sugli aggiornamenti degli obblighi e delle procedure conseguenti alle ricadute dei Regolamenti REACH e CLP e del Regolamento (UE) n.453/2010, sul sistema prevenzionistico definito dal Titolo IX, Capi I e II, del Testo Unico di Sicurezza e si rende necessario in vista dell’applicazione dei nuovi parametri di classificazione ed etichettatura del Regolamento CLP, obbligatori per le sostanze dal 1° dicembre 2010, e per le miscele dal 1° g giugno 2015 (vedi approfondimento di ieiti con tutte le scadenze in materia chemicals) nonché sulla redazione delle Schede Dati di Sicurezza.

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore