Cava_cave e miniere

Cave: come assicurare la sicurezza dei lavoratori? normativa, buone prassi e documenti informativi INAIL

3086 0

Il settore delle cave e miniere è fra quelli ad alto rischio di infortuni: qual è la normativa di riferimento per la salute e sicurezza degli operatori? Come garantirla in questi contesti?

INAIL ha per questo realizzato nel tempo Opuscoli e Factsheet per illustrare le possibili misure di prevenzione e protezione basate su buone prassi sviluppate a livello locale e raccolte in pubblicazioni aggiornate allo stato dell’evoluzione della tecnica e della normativa, soprattutto tra 2019 e 2023.

Cave: la normativa di salute e sicurezza dei lavoratori

La sicurezza dei lavoratori che operano nelle cave riferisce principalmente al

Cave e Miniere: come si applica il Decreto 81/2008

Cave e miniere

Il Decreto 81/2008, Testo Unico di Salute e Sicurezza si applica con esplicite esclusioni. Prevista la valutazione dei rischi per salute e la sicurezza dei lavoratori, in relazione all’ attività svolta e la conseguente individuazione delle misure e modalità operative al fine di eliminare il rischio o comunque ridurlo (rischio residuo) adottando misure preventive che fanno diminuire la probabilità che un determinato danno atteso si verifichi e misure protettive che ne circoscrivano gli effetti.

Inoltre, il Testo Unico (d.lgs. 81/08) prevede l’adozione delle “buone prassi” definite all’art. 2, comma 1, lettera v) come “soluzioni organizzative o procedurali coerenti con la normativa vigente e con le norme di buona tecnica, adottate volontariamente e finalizzate a promuovere la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro attraverso la riduzione dei rischi e il miglioramento delle condizioni di lavoro”. Una di queste è rappresentata dalla Deliberazione della Giunta Regionale toscana 17/05/2016, n. 458 che ha approvato
il Piano straordinario per la sicurezza nella lavorazione del marmo nel distretto Apuo-Versiliese, oggi divenuto “Piano mirato di prevenzione” di Asl Toscana nord ovest.

Cave: le buone prassi regionali raccolte da INAIL

Factsheet Cave

Nello sforzo di individuare delle buone prassi applicative, INAIL ha diffuso una prima pubblicazione nel 2019 “La gestione della sicurezza nelle cave a cielo aperto”: una scheda informativa sulla produzione nel settore estrattivo delle cave e un breve excursus sulle attività estrattive di pietre ornamentali, da costruzione, calcare, pietra da gesso, creta e ardesia (Ateco B0811) e di ghiaia, sabbia, argilla e caolino (Ateco B0812).

Nel corso del 20233 ASL Toscana Nord, lnail e Comitati paritetici per il marmo di Massa Carrara e di Lucca hanno deciso di aggiornare tale lavoro.

factsheet

Nel volume “Illustrazioni delle dinamiche infortunistiche in cava. Dall’analisi alla prevenzione” (INAIL 20203) si analizzano 11 nuovi infortuni gravi e mortali accaduti nel comparto negli ultimi anni e introducendo anche le linee di indirizzo che nel frattempo la Regione ha validato ai fini prevenzionali inerenti le modalità esecutive delle varie fasi lavorative presenti in cava e che determinano le maggiori criticità in materia di infortuni. Il progetto rientra nelle attività previste dal “Piano strategico regionale 2016-2020 per la sicurezza del lavoro” approvato con delibera della Regione Toscana 151 del 1.3.2016 e in particolare dalla delibera della Regione Toscana 458 del 17.5.2016 “Piano straordinario per la sicurezza nella lavorazione del marmo nel distretto apuo-versiliese“.

Il Volume riporta

  • analisi degli infortuni nel settore, con particolare attenzione alla Toscana
  • Otto capitoli con riferimenti a casi di infortunio e riferimenti alla normativa di sicurezza per le attività pericolose: in particolare:
    • Avanzamento al monte;
    • Ribaltamento bancate;
    • Riquadratura – sezionamento;
    • Abbattimento diaframmi spondali;
    • Utilizzo macchine tagliatrici a filo diamantato;
    • Movimentazione in cava;
    • Uso degli esplosivi in cava;
    • Contesti o lavorazioni particolare.
Cava_impianti

Questo volume, dice INAIL vuole rappresentare

un nuovo punto di ripartenza per informare e sensibilizzare tutti gli addetti ai lavori, dando valore alle esperienze del passato, attraverso l’analisi delle dinamiche avvenute, le possibili azioni per evitare l’infortunio ed incoraggiare i protagonisti affinché si adoperino attivamente per migliorare la sicurezza propria e dei propri colleghi.

Cave – Rischi e fenomeno infortunistico, dati e figure coinvolte

Nel 2019 INAIL riconosceva che le Cave rappresentano un settore caratterizzato da un alto rischio: gli infortuni accertati risultavano essere 2.246 dei quali 2.122 avvenuti in occasione di lavoro e 124 in itinere.
Su 160 casi di infortunio nel 2017 nella classe B0811 le qualifiche professionali più coinvolte risultano essere i conduttori di impianti e macchinari, i brillatori ed i conduttori di macchine: qualifiche riconducibili all’addetto di cava.

Dal 2000 al 2021 gli infortuni avvenuti in Toscana nel settore estrattivo e riconosciuti da Inail sono stati 2569, di cui 2516 avvenuti in occasione di lavoro (di questi 16 sono con mezzo di trasporto), e 53, invece, avvenuti in itinere (Fonte Flussi Inail-Regioni).

Cave e figure della sicurezza

Già nel volume del 2019 INAIL aveva individuato le figure responsabili della sicurezza nel settore cave:

  • L’addetto di cava nello svolgimento di tali attività utilizza esplosivi, perforatrici, martelli pneumatici, macchine tagliatrici a filo e a catena, macchine movimento terra, mezzi per la movimentazione dei materiali, frantumatrici, spacca-rocce e altre attrezzature.
    Egli concentra in sé diverse qualifiche professionali.
  • Il titolare di cava può coincidere col datore di lavoro e il sorvegliante. Il datore di lavoro è tenuto a valutare tutti i rischi presenti sul luogo di lavoro e ad assicurare le relative misure generali di tutela previste dal d.lgs. 624/1996 e dal d.lgs. 81/2008. Egli provvede affinché i luoghi di lavoro siano sicuri, le attrezzature e gli impianti siano progettati, utilizzati e mantenuti in efficienza e in modo sicuro e siano sottoposti alle verifiche periodiche. Prima dell’inizio dei lavori egli predispone o aggiorna annualmente una relazione sulla stabilità dei fronti, sui rischi di caduta di massi e di franamento. Considerando la natura e lo stato del terreno nonché i macchinari impiegati, egli indica nella stessa relazione l’altezza, la pendenza dei fronti di coltivazione e il metodo di coltivazione impiegato.
  • Il direttore responsabile pianifica affinché gradoni e vie di carreggio siano adeguati alla circolazione, in assoluta sicurezza, del personale e delle macchine e affinché non sussistano instabilità al piede dei fronti di scavo;
  • Il sorvegliante è una figura designata dal titolare per la sorveglianza sul luogo di lavoro. Egli vigila sull’osservanza delle norme di sicurezza nonché sull’utilizzo di indumenti protettivi e DPI da parte dei lavoratori, vieta l’accesso alle aree pericolose e compila il piano di attività di cava. Prima dell’esecuzione di attività pericolose, o che interagendo con altre attività possono originare rischi gravi, rilascia ai lavoratori un incarico scritto contenente le indicazioni sui comportamenti da adottare prima, durante e dopo i lavori.

Il DSS (documento di sicurezza e salute)

Documentazione_cantiere_sicurezza
  • Valutati tutti i rischi, il datore di lavoro predispone il DSS (documento di sicurezza e salute) e lo trasmette all’autorità di vigilanza. La trasmissione deve avvenire prima dell’inizio delle attività, in caso di aggiornamenti e di modifiche o in caso di incidente. Nel DSS egli indica le misure di tutela dei lavoratori, gli indumenti di protezione del corpo, i sistemi di protezione e i DPI (dispositivi di protezione individuale) per la testa, l’udito, gli occhi e il volto, le vie respiratorie, le mani e le braccia, i piedi, per la tutela contro il rischio di cadute dall’alto. Inoltre, riporta le indicazioni sull’attività di formazione e informazione dei lavoratori. Egli predispone il piano di gestione dell’emergenza e dell’evacuazione, indicando nel DSS i sistemi di comunicazione e informazione necessari.

Egli inoltre espone sul luogo di lavoro istruzioni scritte, opportunamente ubicate e comprensibili a tutti i lavoratori; le stesse contengono le norme a garanzia:

  • della sicurezza e della salute dei lavoratori;
  • dell’impiego del materiale in condizioni di sicurezza;
  • dell’uso delle attrezzature di salvataggio;
  • delle azioni da intraprendere in caso di emergenza sul posto di lavoro o nelle sue vicinanze.

Testo Unico di Salute e Sicurezza: la normativa aggiornata ed il commento degli esperti

Per approfondire sulla normativa del TUS alla luce delle modifiche introdotte dal DL Fiscale suggeriamo i seguenti volumi di EPC Editore

Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro <i>pocket</i>, EPC Editore, ristampa aggiornata maggio 2022 (X ed. 1/22),
Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro pocket

Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro pocket

Libro
Edizione: ristampa aggiornata maggio 2022 (X ed. 1/22)
Pagine: 708
Formato: 115×165 mm

TUTTO81 il testo unico di salute e sicurezza sul lavoro, EPC Editore, settembre 2019 (II ed.), Talarico Giuseppe
TUTTO81 il testo unico di salute e sicurezza sul lavoro

TUTTO81 il testo unico di salute e sicurezza sul lavoro
Talarico Giuseppe

Libro
Edizione: settembre 2019 (II ed.)
Pagine: 1232
Formato: 170×240 mm

Manuale per l'applicazione del D.Lgs. 81/2008, EPC Editore, settembre 2021 (V ed.), D’Apote Michele, Oleotti Alberto
Manuale per l’applicazione del D.Lgs. 81/2008

Manuale per l’applicazione del D.Lgs. 81/2008
D’Apote Michele, Oleotti Alberto

Libro
Edizione: settembre 2021 (V ed.)
Pagine: 928
Formato: 150×210 mm

formazione videconferenza
  • InSic suggerisce il seguente corso di formazione di Istituto Informa SULLE ULTIME Novità NORMATIVE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA
    Il mondo della sicurezza tra modifiche normative e novità giurisprudenziali
    IN VIDEOCONFERENZA
    Valido come corso di Aggiornamento per RSPP, ASPP, Datori di Lavoro, Dirigenti, Preposti, Coordinatori sicurezza nei cantieri (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)
    con R.Guariniello

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore