Mascherine, DPI e prodotti tessili: aggiornati i Criteri ambientali minimi – il DM 7/2/2023

2491 0

Con DECRETO 7 febbraio 2023 il MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ENERGETICA fissa i “Criteri ambientali minimi per le forniture ed il noleggio di prodotti tessili ed il servizio di restyling e finissaggio di prodotti tessili”.

Il Decreto sostituisce il DM 30 giugno 2021 che era stato adottato per favorire la sostenibilità ambientale e ridurre l’inquinamento causato dalla diffusione di dispositivi di protezione individuale monouso e sul quale Assosistema aveva espresso un commento sui camici riutilizzabili.

In questa pagina:

  1. L’analisi del Decreto: gli obiettivi di riciclo, la definizione di “prodotto tessile” oggetto del Decreto e gli obblighi della PA.
  2. Il commento di Assostema Confidustria per la pubblicazione del provvedimento in particolare sui camici in tessuto riutilizzabili per gli operatori sanitari
  3. Focus sui criteri ambientali minimi: cosa sono e quali sono gli ultimi emanati.

Decreto 7 febbraio 2023: CAM (criteri ambientali minimi) per mascherine filtranti, dispositivi di protezione individuale e dispositivi medici

Il precedente decreto del Ministro della transizione ecologica 30 giugno 2021 che riportava i CAM per le forniture ed il noleggio di prodotti tessili e il servizio di restyling e finissaggio, si concentrava sulle mascherine filtranti, i dispositivi di protezione individuale e dispositivi medici, con l’obiettivo di promuovere, conformemente ai parametri di sicurezza dei lavoratori e di tutela della salute, una filiera di prodotti riutilizzabili più volte e confezionati, per quanto possibile, con materiali idonei al riciclo o biodegradabili.

La sostituzione del Decreto rileva la necessità di apportare lievi integrazioni ed aggiornamenti di carattere tecnico, finalizzati essenzialmente a promuovere più incisivamente l’accesso nelle forniture pubbliche di prodotti realizzati con fibre riciclate nelle forniture pubbliche.

Ricordiamo che il Codice Appalti all’art. 34 dispone che le stazioni appaltanti contribuiscono al conseguimento degli obiettivi ambientali previsti dal Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione attraverso l’inserimento nella documentazione progettuale e di gara almeno delle specifiche tecniche e delle clausole contrattuali contenute nei criteri ambientali minimi adottati con decreto del Ministro dell’ambiente e della sicurezza energetica.

Cosa prevedeva il Decreto 30 giugno 2021

Con DECRETO 30 giugno 2021 il Ministero della Transizione ecologica adotta, per le pubbliche amministrazioni, i criteri ambientali minimi

  • per forniture e noleggio di prodotti tessili: mascherine filtranti, dispositivi medici e dispositivi di protezione individuale;
  • per il servizio integrato di ritiro, restyling e finissaggio dei prodotti tessili.

Il Decreto


  • entra in vigore a 60 giorni dalla pubblicazione (avvenuta in GU del 14/7/2021) e
  • abroga il DM 11 gennaio 2017 del Ministro dell’ambiente in base al progresso tecnico e all’evoluzione della normativa ambientale e dei mercati di riferimento.

Dispositivi filtranti: obiettivo, renderli idonei al riciclo

Il Decreto intende favorire la sostenibilità ambientale e ridurre l’inquinamento causato dalla diffusione di dispositivi di protezione individuale monouso.

Ha dunque lo scopo di promuovere, conformemente ai parametri di sicurezza dei lavoratori e di tutela della salute, una filiera di prodotti riutilizzabili più volte e confezionati, per quanto possibile, con materiali idonei al riciclo o biodegradabili.

I nuovi requisiti ambientali minimi consentono, dunque, di migliorare la qualità ambientale dei prodotti tessili acquisiti dalla pubblica amministrazione e di perseguire pertanto con maggiore efficacia gli obiettivi ambientali connessi ai contratti pubblici relativi a tali categorie di forniture.

Cosa si intende per prodotto tessile?

Il decreto considera nei “prodotti tessili”:

  • l’abbigliamento e accessori composti per almeno l’80% in peso da fibre tessili;
  • prodotti tessili per uso in ambienti interni, composti per almeno l’80% in peso da fibre tessili;
  • stoffe ed altri articoli tessili composti per almeno l’80% in peso da fibre tessili destinati all’uso in ambienti esterni.

Cos’è il servizio integrato di ritiro?

L’attività comprende il ritiro degli articoli della stazione appaltante o acquistati dalla stazione appaltante usati; la relativa trasformazione per mezzo di tutti o parte dei seguenti processi: la modifica del taglio, la nobilitazione, la finitura, l’aggiunta di eventuali componenti nuovi, il confezionamento, la successiva consegna degli articoli rinnovati. L’attività è finalizzata al recupero del tessuto originale per quanto tecnicamente possibile.

Criteri ambientali minimi: gli obblighi delle PA

In base all’art. 34 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (nuovo Codice Appalti), le stazioni appaltanti devono contribuire al conseguimento degli obiettivi ambientali previsti dal «Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione». Per farlo devono inserire nella documentazione progettuale e di gara, almeno delle specifiche tecniche e delle clausole contrattuali contenute nei criteri ambientali minimi adottati con specifici decreti del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, come nel caso in questione, il DM 30 giugno 2021 per i prodotti tessili.

Decreto tessili: il commento di Assosistema sui camici riutilizzabili

“Con questo Decreto, grazie all’intervento puntuale che Assosistema Confindustria ha fatto in sede parlamentare sul provvedimento n. 27 del 2020 e successivamente sul Ministero della Transizione Ecologica – commenta il Presidente Egidio Paoletti – i camici riutilizzabili per gli operatori sanitari, siano essi Dispositivi Medici o Dispositivi di Protezione Individuale, trovano finalmente la giusta connotazione nel panorama della sostenibilità ambientale rappresentando la prima scelta rispetto al monouso”.

Nelle specifiche tecniche che la stazione appaltante inserirà nella documentazione progettuale di gara, il Decreto dispone al punto 3, lettera C) che i camici classificati come Dispositivi Medici o Dispositivi di Protezione Individuale dovranno essere in tessuto tecnico riutilizzabile e che dovranno essere utilizzati in via prioritaria rispetto al monouso. Quest’ultimo potrà essere impiegato dalle strutture sanitarie e socio sanitarie solo in presenza di specifiche tipologie di interventi operatori per le quali vi siano “controindicazioni” all’utilizzo di tessuto tecnico riutilizzabile sanificato.

“Questo provvedimento – conclude Paoletti – segna un passaggio importante per la sostenibilità del nostro settore e in direzione della transizione ecologica in quanto ha l’obiettivo di ridurre gli impatti ambientali connessi ai contratti pubblici per le forniture di prodotti tessili in sanità nonché la riduzione della produzione di rifiuti attraverso l’utilizzo dei camici riutilizzabili”.

Cosa sono i Criteri ambientali minimi?

I Criteri Ambientali Minimi (CAM) sono i requisiti ambientali definiti per le varie fasi del processo di acquisto, volti a individuare la soluzione progettuale, il prodotto o il servizio migliore sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita, tenuto conto della disponibilità di mercato. I CAM sono definiti nell’ambito di quanto stabilito dal Piano per la sostenibilità ambientale dei consumi del settore della pubblica amministrazione e sono adottati con Decreto del Ministro dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del mare. In Italia, l’efficacia dei CAM è stata assicurata grazie all’art. 18 della L. 221/2015 e, successivamente, all’art. 34 recante “Criteri di sostenibilità energetica e ambientale” del D.Lgs. 50/2016“Codice degli appalti” (modificato dal D.Lgs 56/2017), che ne hanno reso obbligatoria l’applicazione da parte di tutte le stazioni appaltanti.

I CAM hanno una struttura comune e riporta nella sezione “Verifiche”, i mezzi di prova per dimostrarne la conformità.

Sul sito del Ministero Ambiente è disponibile una lista:

Gli ultimi CAM approvati dal Ministero della Transizione ecologica

Codice dei Contratti pubblici: volumi e approfondimenti

InSic informa che EPC EDITORE ha pubblicato la nuova versione del Codice dei Contratti Pubblici alla luce dell’emanazione del nuovo Decreto Legislativo.

Il volume farà parte dei libri di EPC Editore su Appalti e Immobili

Il codice dei contratti pubblici, EPC Editore, aprile 2023 (VII ed.), Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo

Il codice dei contratti pubblici

Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo

Libro

Edizione: aprile 2023 (VII ed.)

Pagine: 592

Formato: 150×210 mm

D.Lgs. 31 marzo 2023 n. 36 completo di allegati
Completo di un puntuale indice analitico
Aggiornamenti SCARICABILI ON LINE

Contiene il nuovo Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 36/2023), dopo che le ipotesi correlate al PNRR e la Legge delega n. 78/2022 ne avevano previsto la formazione e la successiva emanazione entro il 1° aprile 2023

Corsi di formazione in materia di Appalti, DUVRI e sicurezza

All’interno dei corsi organizzati da Istituto Informa per i professionisti della sicurezza e degli appalti, segnaliamo i seguenti Corsi di formazione e E-learning

Formazione_aula

La gestione degli appalti in sicurezza – La corretta predisposizione del DUVRI
Esempi pratici con utilizzo di un SOFTWARE professionale per la predisposizione del DUVRI

Valido come Corso di Aggiornamento per RSPP, ASPP e Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) – 12 Crediti Formativi (CFP) CNI

formazione videconferenza

Corso e-learning: La gestione della sicurezza negli appalti e la predisposizione del D.U.V.R.I. – durata 1 ora

Corso valido come aggiornamento per RSPP – ASPP-DDL Coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori – Dirigenti – Preposti Docenti – Formatori in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Accordo Conferenza Stato Regioni del 7 luglio 2016 (G.U. n. 193 del 19/08/2016)
INFORMA- Roma

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it