CAM Edilizia: i criteri per l’affidamento dei lavori per interventi edilizi 2022

2971 0

Il DM 23 giugno 2022 n. 256 detta i Criteri ambientali minimi per l’Affidamento di servizi di progettazione e affidamento di lavori per interventi edilizi (GURI n. 183 del 6 agosto 2022) e sostituisce i CAM introdotti con Decreto 3 luglio 2019

Frutto della collaborazione tra UNI e Ministero della Transizione Ecologica, i nuovi Criteri Ambientali Minimi (CAM) per l’edilizia e gli arredi interni, sono stati redatti nell’ambito del “Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione”.

CAM Edilizia 2022: campo di applicazione

I nuovi CAM approvati con DM 23 giugno 2022 riguardano l’affidamento dei servizi di progettazione ed esecuzione dei lavori di interventi edilizi e la fornitura, noleggio ed estensione della vita utile di arredi per interni.

La formulazione dei nuovi criteri fa perno sui principi e modelli di sviluppo dell’economia circolare e della valutazione del ciclo di vita, in linea con gli indirizzi di sostenibilità comunitari. Gli approcci contenuti nei CAM sono codificati nelle norme UNI, e ricchi di riferimenti utili per le stazioni appaltanti che permettono di verificare l’applicazione corretta dei principi di sostenibilità da parte degli operatori o di organismi di valutazione della conformità accreditati (secondo quanto previsto dalla Infrastruttura per la Qualità).

CAM Edilizia e arredi 2022: le novità

Tra le principali novità introdotte dai CAM vi sono

  • i criteri sulla capacità tecnica dei posatori
  • la verifica della formazione del direttore operativo e dell’ispettore di cantiere per gli interventi edilizi (in conformità alla norma tecnica UNI per la singola professione).
  • affidamento degli incarichi a tecnici ed esperti riconosciuti e competenti sui sistemi di gestione ambientale e sulla progettazione sostenibile.
  • un nuovo capitolo relativo all’affidamento del servizio di estensione della vita utile dell’arredo: si prevede la riparazione o donazione degli arredi usati e il disassemblaggio non distruttivo per riciclare il materiale recuperato. Si promuovono in questo modo l’eco-progettazione degli arredi tramite l’impiego di materiali rinnovabili o riciclati, la modularità per incentivare il recupero di parti da utilizzare come ricambi, e la valorizzazione delle risorse materiali attraverso il riciclo di materiali in impianti autorizzati;
  • raccomandato il riferimento nei capitolati di gara, all’ultima versione disponibile delle norme UNI richiamate, o alle nuove norme che ad esse si sono sostituite per i medesimi fini, a garanzia di un costante aggiornamento con lo stato dell’arte tecnico e tecnologico riconosciuto dal mercato e di cui UNI si fa garante.

“Il ruolo delle norme tecniche si dimostra fondamentale per contribuire alla costruzione di un e all’insegna della sostenibilità. Attraverso la normazione sarà possibile verificare la corretta applicazione dei principi di sostenibilità, ma anche valutare la formazione dei professionisti chiamati a intervenire nella progettazione. Un grande passo in avanti per costruire percorsi dove la qualità sia sempre di più colonna portante dell’agire.
L’esperienza dei CAM testimonia quanto sia determinante l’approccio di co-regolamentazione tra legislazione e normazione tecnica: la prima fissa i requisiti essenziali, la seconda entra nel dettaglio tecnico di supporto. Un approccio che va nella direzione auspicata dalle Linee Strategiche UNI 2021-2024 e da una corretta applicazione della valutazione di conformità”.

Giuseppe Rossi, Presidente di UNI

Cosa sono i CAM?

I Criteri Ambientali Minimi (CAM) sono i requisiti ambientali definiti per le varie fasi del processo di acquisto, volti a individuare la soluzione progettuale, il prodotto o il servizio migliore sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita, tenuto conto della disponibilità di mercato.

I CAM sono obbligatori?

L’art. 18 della L. 221/2015 e, successivamente, l’art. 34 recante “Criteri di sostenibilità energetica e ambientale” del D.Lgs. 50/2016 “Codice degli appalti” (modificato dal D.Lgs 56/2017) hanno reso obbligatoria l’applicazione dei CAM da parte di tutte le stazioni appaltanti.

Perchè i CAM sono obbligatori?

La loro obbligatorietà garantisce che la politica nazionale in materia di appalti pubblici verdi sia incisiva non solo nell’obiettivo di ridurre gli impatti ambientali, ma nell’obiettivo di promuovere modelli di produzione e consumo più sostenibili, “circolari “ e nel diffondere l’occupazione “verde. Inoltre, l’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi risponde anche all’esigenza della Pubblica amministrazione di razionalizzare i propri consumi, riducendone ove possibile la spesa.

Quanti CAM esistono?

Al momento (ottobre 2022) sono stati adottati CAM per 18 categorie di forniture ed affidamenti.

Quali CAM sono in vigore

Una lista dei CAM in vigore è disponibile sul sito del Ministero della transizione ecologica.

A cosa servono i CAM?

La loro applicazione consente di diffondere le tecnologie ambientali e i prodotti ambientalmente preferibili e produce  un effetto leva sul mercato, inducendo gli operatori economici meno virtuosi ad adeguarsi alle nuove richieste della pubblica amministrazione.

CAM: dove trovare informazioni?

Per approfondire su tutti i CAM in vigore, si segnala la pagina del MiTE.

Per approfondire sul mondo degli appalti e dell’edilizia

InSic suggerisce i seguenti volumi in materia di appalti per approfondire sulle procedure di affidamento dei lavori:

La fase di esecuzione dell'appalto di lavori pubblici, EPC Editore, novembre 2018, Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Nunziata Massimo

La fase di esecuzione dell’appalto di lavori pubblici

Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Nunziata Massimo

Libro

Edizione: novembre 2018

Pagine: 432

Formato: 150×210 mm

Il codice dei contratti pubblici <i>pocket</i>, EPC Editore, febbraio 2022 (VI ed.), Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo

Il codice dei contratti pubblici pocket

Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo

Libro

Edizione: febbraio 2022 (VI ed.)

Pagine: 688

Formato: 115×165 mm

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore