Donne_violenza_lavoro

Violenze/Molestie sul lavoro: i compiti della Commissione di inchiesta sul femminicidio

2128 0

In Gazzetta la LEGGE 9 febbraio 2023, n. 12 che istituisce la Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere.

La Commissione dovrà svolgere indagini sulle reali dimensioni, condizioni, qualità e cause del femminicidio ma viene investita anche di un compito importante: verificare la possibilità di una revisione delle attuali norme in materia di molestie sul lavoro.

Quali sono i compiti della Commissione nel dettaglio? qual è la portata del fenomeno delle violenze e molestie sul lavoro e quali strumenti normativi di tutela esistono?

Commissione di inchiesta sul femminicidio e luoghi di lavoro

All’articolo 2 della Legge 12/2023, dove si citano tutti i compiti della Commissione, si fa espresso riferimento alla possibilità della Commissione di

  • accertare le possibili incongruità e carenze della normativa vigente rispetto al fine di tutelare la vittima della violenza e gli eventuali minori coinvolti.
  • operare una rivisitazione sotto il profilo penale della fattispecie riferita alle molestie sessuali, con particolare riferimento a quelle perpetrate in luoghi di lavoro.
  • In tema di prevenzione e contrasto del femminicidio potrà proporre soluzioni di carattere legislativo e amministrativo contro ogni forma di violenza maschile contro le donne, nonché per tutelare le vittime delle violenze e gli eventuali minori coinvolti.

In ottica statistica, la Commissione potrà anche analizzare gli episodi di femminicidio, verificatisi a partire dal  2016,  per  accertare  se  siano  riscontrabili   condizioni   o comportamenti ricorrenti, valutabili sul piano statistico, allo scopo di orientare l’azione di prevenzione.

Monitoraggio dei fenomeni di violenza sul lavoro

Altro Compito della Commissione sarà quello di monitorare l’effettiva applicazione da parte delle regioni del Piano antiviolenza e delle  linee  guida  nazionali  per  le  aziende sanitarie  e  ospedaliere  in   tema   di   soccorso   e   assistenza sociosanitaria alle vittime di violenza e ai  loro  parenti  fino  al terzo grado vittime di violenza assistita.

Prevenzione del femminicidio nei contesti di vita e lavoro

In base ai dati ISTAT 2022 sono 1 milione 404 mila le donne che nel corso della loro vita lavorativa hanno subito molestie fisiche o ricatti sessuali sul posto di lavoro. Rappresentano l’8,9% per cento delle lavoratrici attuali o passate, incluse le donne in cerca di occupazione.  Fra 2013 e il 2016 avevano subito questi episodi oltre 425 mila donne (il 2,7%).

Dati INAIL 2021 riportano che sono 1.404.000 le donne tra 15 e 65 anni che hanno dichiarato di aver subito molestie fisiche da parte di un collega o di un datore di lavoro, o ricatti sessuali sul posto di lavoro.

In tema di prevenzione, INAIL ha realizzato un volume di approfondimento a carattere gratuito dal titolo: “RI-CONOSCERE PER PREVENIRE I FENOMENI DI MOLESTIA E VIOLENZA SUL LUOGO DI LAVORO” realizzato dal Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (Cug).

Violenza e Molestie sul lavoro: la normativa di sicurezza sul lavoro

La violenza di genere è da sempre al centro dell’attenzione internazionale in un’ottica di prevenzione e contrasto del fenomeno del femminicidio e delle violenze di genere diffuse sia nei contesti di vita e di lavoro.

Violenze e molestie: le Convenzioni ILO e la protezione internazionale

Nel giugno 2019, la Conferenza del Centenario dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) ha adottato la Convenzione sulla violenza e sulle molestie del 2019 (C190) – CONVENZIONE SULL’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA E DELLE MOLESTIE NEL MONDO DEL LAVORO e la relativa Raccomandazione (R206). Si affianca alle altre norme internazionali già adottate dall’OIL in materia di tutela della salute psicofisica dei lavoratori e delle lavoratrici, tra cui:

  • la Convenzione n. 155 del 1981 sulla salute e la sicurezza dei lavoratori) e la Raccomandazione n. 164 del 2002 di accompagnamento ed il Protocollo n. 155 del 2002;
  • la Convenzione n. 161 del1985 sui servizi sanitari sul lavoro e  la Raccomandazione n. 171 di accompagnamento ;
  • la Raccomandazione n. 194 del 2002 sulle malattie professionali: elenco e registrazione;
  • la Convenzione n. 187 del 2006 sul quadro promozionale per la salute e la sicurezza sul lavoro e la Raccomandazione n. 197 di accompagnamento.

La convenzione OIL 190/2019 – ratifica Italia

In vigore in itala dal 29 ottobre 2021 la Convenzione ILO OIL 190/2019, rappresenta la prima norma internazionale definita per prevenire e contrastare la violenza e le molestie nel mondo del lavoro; è stata ratificata con Legge 4/2021 e resa operativa dal Novembre 2022 .

Prevede che ciascun Membro si impegni ad adottare leggi e regolamenti (e sistemi di verifica e controllo) che definiscano e proibiscano la violenza e le molestie nel mondo del lavoro, inclusi violenza e molestie di genere e rispettare, promuovere e attuare i principi e i diritti fondamentali sul lavoro.

Nella Convenzione è stata chiarita la nozione di «violenza e molestie» nel mondo del lavoro: indica un insieme di pratiche e di comportamenti inaccettabili, o la minaccia di porli in essere, sia in un’unica occasione, sia ripetutamente, che si prefiggano, causino o possano comportare un danno fisico, psicologico, sessuale o economico, e include la violenza e le molestie di genere.

Molestie sul lavoro: il tema nel Quadro Strategico europeo 2021-2026

L’UE nel Quadro Strategico europeo 2021-2026,  si è prefissa di proporre un’iniziativa legislativa

  • sulla prevenzione e la lotta contro la violenza di genere nei confronti delle donne e la violenza domestica entro la fine del 2021.
  • sostenere le attività di sensibilizzazione sulle molestie sul luogo di lavoro e sui pregiudizi di genere;

Secondo la Commissione la violenza, le molestie o le discriminazioni sul luogo di lavoro, basate sul sesso, l’età, la disabilità, la religione o le convinzioni personali, l’origine razziale o etnica e l’orientamento sessuale, possono incidere sulla sicurezza e sulla salute dei lavoratori e avere pertanto conseguenze negative per gli interessati, le loro famiglie, i loro colleghi, le loro organizzazioni e la società in generale.

Per questo la Commissione intende

  • rafforzare l’efficacia della direttiva sulle sanzioni nei confronti dei datori di lavoro (2009/52/CE), anche per quanto riguarda le ispezioni sul lavoro destinate a gruppi di lavoratori particolarmente vulnerabili;
  • autorizzare gli Stati membri a ratificare, nell’interesse dell’UE, la Convenzione sulla violenza e sulle molestie del 2019 (n. 190 60 ) dell’Organizzazione internazionale del lavoro le cui norme specifiche sulla violenza di genere e sulle molestie sul luogo di lavoro, saranno rafforzate con la prossima proposta legislativa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza di genere nei confronti delle donne e la violenza domestica, come annunciato nella strategia per la parità di genere 2020-2025 61 .

Violenze e molestie sul lavoro: la valutazione dei rischi

Le violenze sui luoghi di lavoro rappresentano rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori; richiedono quindi una valutazione del rischio, e che il datore di lavoro individui e implementi misure atte a controllare il rischio della loro verificazione sui luoghi di lavoro e le correlate misure di prevenzione e protezione. Le violenze sul luogo di lavoro sono un fattore psicosociale di rischio, ricadono cioè nel perimetro dei fattori di incertezza derivanti dalle relazioni e dall’appartenenza a gruppi o a organizzazioni.

A livello di sistema di gestione, si occupa di loro lo standard internazionale ISO 45003 che ha fornito le linee guida per la gestione del rischio psicosociale all’interno di un sistema di gestione della salute e sicurezza, chiarendo quali sono i pericoli, cos’è il rischio, quali sono le azioni per eliminare o ridurre tali fattori.

Gestione del rischio volenza sul lavoro – Esempio e caso di specie dalla Rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro

Il Sistema di gestione degli atti di violenza a danno del personale: dall'analisi del fenomeno alla creazione del DVR specifico, EPC Editore, Ambiente & Sicurezza sul Lavoro - set/ott 2022,

InSic suggerisce il seguente articolo della rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro che fa luce sul percorso mirato alla gestione del rischio di atti di violenza a danno del personale intrapreso dal Servizio Prevenzione e Protezione dell’Azienda Ospedaliera Universitaria dal 2016.

Il Sistema di gestione degli atti di violenza a danno del personale: dall’analisi del fenomeno alla creazione del DVR specifico

Articoli in pdf

Rischi psicosociali e stress lavoro correlato: l’informazione per la sicurezza dei lavoratori

Abc contro lo stress lavoro correlato <br><i>versione online</i>, EPC Editore, febbraio 2022, De Santis Daniela

Abc contro lo stress lavoro correlato
versione online

De Santis Daniela

Manualistica per i lavoratori

Edizione: febbraio 2022

Pagine: 91 slide in versione digitale

Formato: fruibile online da www.manuali-abc.it – valido 12 mesi dalla data di acquisto

Abc contro lo stress lavoro correlato, EPC Editore, ristampa aggiornata giugno 2021, De Santis Daniela

Abc contro lo stress lavoro correlato

De Santis Daniela

Manualistica per i lavoratori

Edizione: ristampa aggiornata giugno 2021

Pagine: 64

Formato: 115×165 mm

RILASSAMENTO e MEDITAZIONE per superare ansia e stress, EPC Editore, aprile 2021, Ausilio Roberto

RILASSAMENTO e MEDITAZIONE per superare ansia e stress

Ausilio Roberto

Libro

Edizione: aprile 2021

Pagine: 280

Formato: 150×210 mm

Dallo stress al technostress, EPC Editore, giugno 2019, Servadio Massimo

Dallo stress al technostress

Servadio Massimo

Libro

Edizione: giugno 2019

Pagine: 104

Formato: 150×210 mm

Stress sul lavoro, EPC Editore, Aprile 2010,

Stress sul lavoro

Poster

I poster EPC sono disponibili in formato 50×70, 70×100 su carta patinata. Sono possibili personalizzazioni e creazioni ad hoc su specifica richiesta delle aziende.

Rischi psicosociali e stress lavoro correlato: la formazione per la sicurezza dei lavoratori

Tecnostress

Il nuovo rischio professionale nel lavoro moderno

Valido come corso di Aggiornamento per RSPP e ASPP, Datori di lavoro, Dirigenti, Preposti, RLS e Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

INFORMA- Roma

Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro-correlato

alla luce dell’esperienza pandemica

Valido come corso di Aggiornamento per RSPP, ASPP, Datori di lavoro, Dirigenti, Preposti, RLS e Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

INFORMA- Roma

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it