fbpx

Pittogrammi e simboli di pericolosità GHS e CLP

649 0

Un pittogramma di pericolo fornisce informazioni sui danni che una particolare sostanza o miscela può causare alla salute o all’ambiente.

I pittogrammi: significato

Un pittogramma di pericolo è definito come una composizione grafica comprendente un simbolo e altri elementi grafici, quali un bordo, motivo o colore di fondo, destinata a comunicare informazioni specifiche sul pericolo in questione.

I pittogrammi sono riportati sulle etichette e sulle schede di dati sulla sicurezza.

Nel 2009 il Regolamento CLP della UE ha introdotto nuovi pittogrammi di pericolo.

Regolamento CLP e Sistema GHS

Il Regolamento (CE) n. 1272/2008 (meglio noto con l’acronimo CLP), ha introdotto un nuovo sistema di classificazione ed etichettatura relativo alle sostanze chimiche pericolose nell’Unione europea.

Il Regolamento CLP, entrato in vigore il 20 gennaio 2009, si applica a tutte le sostanze e le miscele fornite nella Comunità europea, senza limiti di quantità prodotte per anno, tranne nei casi in cui disposizioni più specifiche circa la classificazione e l’etichettatura siano contenute in altre norme della legislazione comunitaria.

Il Regolamento CLP nasce per avviare una fase di armonizzazione delle classificazioni ed etichettature a livello globale trasponendo il sistema GHS ONU (Global Harmonization System of Classification and Labelling of Chemicals) sul territorio comunitario.

A partire dal 1° giugno 2015, è l’unica norma in vigore nell’UE per la classificazione ed etichettatura delle sostanze e delle miscele (ECHA).

Come sono e quali sono i nuovi pittogrammi CLP?

I pittogrammi sono cambiati e sono oggi in linea con il Sistema Globale Armonizzato (GHS) delle Nazioni Unite.

Dal 1° giugno 2017 i vecchi simboli raffiguranti un quadrato arancione non sono più ammessi.

I nuovi pittogrammi di pericolo hanno la forma di un diamante rosso con uno sfondo bianco.

Pittogramma: Esplosivo

Classe e categoria di pericolo

  • Esplosivi instabili
  • Esplosivi delle divisioni 1.1, 1.2, 1.3 e 1.4
  • Sostanze e miscele autoreattive, tipi A e B
  • Perossidi organici, tipi A e B

Pittogramma: Infiammabile

Classe e categoria di pericolo

  • Gas infiammabili, categoria di pericolo 1
  • Aerosol infiammabili, categorie di pericolo 1 e 2
  • Liquidi infiammabili, categorie di pericolo 1, 2 e 3
  • Solidi infiammabili, categorie di pericolo 1 e 2
  • Sostanze e miscele autoreattive, tipi B, C, D, E, F
  • Liquidi piroforici, categoria di pericolo 1
  • Solidi piroforici, categoria di pericolo 1
  • Sostanze e miscele autoriscaldanti, categorie di pericolo 1 e 2
  • Sostanze e miscele che a contatto con l’acqua emettono gas infiammabili, categorie di pericolo 1, 2 e 3
  • Perossidi organici, tipi B, C, D, E, F

Pittogramma: Comburente

Classe e categoria di pericolo

  • Gas comburenti, categoria di pericolo 1
  • Liquidi comburenti, categorie di pericolo 1, 2 e 3
  • Solidi comburenti, categorie di pericolo 1, 2 e 3

Pittogramma: Gas sotto pressione

Classe e categoria di pericolo

  • Gas sotto pressione:
  • Gas compressi;
  • Gas liquefatti;
  • Gas liquefatti refrigerati;
  • Gas disciolti.

Pittogramma: Corrosivo

Classe e categoria di pericolo

  • Corrosivo per i metalli, categoria di pericolo 1

Pittogramma: Tossicità acuta

Classe e categoria di pericolo

Tossicità acuta (per via orale, per via cutanea, per inalazione), categorie di pericolo 1, 2 e 3

Pittogramma: Pericoloso per la salute – pericoloso per lo strato di ozono

Classe e categoria di pericolo

  • Tossicità acuta (per via orale, per via cutanea, per inalazione), categoria di pericolo 4
  • Irritazione cutanea, categoria di pericolo 2
  • Irritazione oculare, categoria di pericolo 2
  • Sensibilizzazione cutanea, categoria di pericolo 1
  • Tossicità specifica per organi bersaglio – esposizione singola, categoria di pericolo 3
  • Irritazione delle vie respiratorie
  • Narcosi

Pittogramma: Grave pericolo per la salute

Classe e categoria di pericolo

  • Sensibilizzazione delle vie respiratorie, categoria di pericolo 1
  • Mutagenicità sulle cellule germinali, categorie di pericolo 1A, 1B e 2
  • Cancerogenicità, categorie di pericolo 1A, 1B, 2
  • Tossicità per la riproduzione, categorie di pericolo 1A, 1B e 2
  • Tossicità specifica per organi bersaglio – esposizione singola, categorie di pericolo 1 e 2
  • Tossicità specifica per organi bersaglio – esposizione ripetuta, categorie di pericolo 1 e 2
  • Pericolo in caso di aspirazione, categoria di pericolo 1

Pittogramma: Pericoloso per l’ambiente

Classe e categoria di pericolo

Pericoloso per l’ambiente acquatico

  • pericolo acuto, categoria 1
  • pericolo cronico, categorie 1 e 2

È sempre necessario il simbolo di pricolosità?

Non è necessario un pittogramma per le seguenti classi e categorie di pericoli:

  • Esplosivi della divisione 1.5;
  • Esplosivi della divisione 1.6;
  • Gas infiammabili, categoria di pericolo 2;
  • Sostanze e miscele autoreattive, tipo G;
  • Perossidi organici, tipo G;
  • Tossicità per la riproduzione, effetti sull’allattamento o attraverso l’allattamento, categoria di pericolo supplementare;
  • Pericoloso per l’ambiente acquatico − Pericolo cronico, categorie 3 e 4.

Per approfondire

Per approfondire l’argomento ti segnaliamo alcuni dei prodotti realizzati da EPC Editore:

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore