Infrazioni ambientali: le Procedure aperte, facciamo il punto!

3738 0

Dal Dipartimento delle politiche europee un nuovo aggiornamento sullo stato delle procedure di infrazione europee nel nostro Paese a seguito delle decisioni adottate dalla Commissione europea.

Seguiamo di seguito, in particolare, le cause aperte in materia di energia e ambiente.

L’elenco completo delle procedure aperte con le principali informazioni (numero di procedura, oggetto, fase della procedura, Direzione generale competente della Commissione europea, materia) è consultabile sulla banca dati EUR-Infra. Lo storico delle decisioni assunte nelle sessioni mensili dalla Commissione europea è disponibile nella pagina dedicata.

Infrazioni: tutte le cause aperte – Agg. Ottobre 2023

Le procedure di infrazione a carico del nostro Paese scendono a 69 di cui 57 per violazione del diritto dell’Unione e 12 per mancato recepimento di direttive. 

Infrazioni ambientali: le cause aperte – Agg. Dicembre 2023

L’ambiente con 15 casi è il settori dove più alta è l’incidenza delle infrazioni (erano 16 nell’Aprile 2023)

Spiccano ancora le cause relative all’applicazione della Direttiva 2008/50, oggetto di un Decreto, annunciato dal Governo che dovrebbe eseguire le sentenze di condanna dell’Italia per il superamento di taluni limiti inquinanti e sui Piani regionali di Qualità dell’aria.
Chiusa invece la Procedura di infrazione 2021/2016 sulla “Presunta violazione del Regolamento 1143/2014 recante disposizioni volte a prevenire e gestire l’introduzione e la diffusione delle specie esotiche invasive”.

2023_0152Mancato recepimento della direttiva delegata UE 2023/544 della Commissione del 16 dicembre 2022 che modifica la direttiva 2000/53/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le esenzioni relative all’uso del piombo nelle leghe di alluminio destinate a lavorazione meccanica, nelle leghe di rame e in determinati accumulatorENVIAmbienteMancato recepimentoMessa in mora Art. 258 TFUE
2021_2028Mancato completamento della designazione dei siti della rete Natura 2000ENVIAmbienteViolazione diritto dell’UnioneMessa in mora Art. 258 TFUE
2020_2299Cattiva applicazione in Italia della direttiva 2008/50/CE del 21 maggio 2008, relativa alla qualità dell’aria ambiente e per unaria più pulita in Europa, per quanto concerne i valori limite per il PM2,5ENVIAmbienteViolazione diritto dell’UnioneMessa in mora Art. 258 TFUE
2018_2249Monitoraggio della qualità delle acque, designazione delle zone vulnerabili ai nitrati e contenuto dei programmi d’azioneENVIAmbienteViolazione diritto dell’UnioneParere motivato Art. 258 TFUE
2017_2181Non conformità alla Direttiva 1991/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbaneENVIAmbienteViolazione diritto dell’UnioneParere motivato Art. 258 TFUE
2015_2163Mancata designazione delle Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e mancata adozione delle misure di conservazione. Violazione Direttiva Habitat.ENVIAmbienteDirettiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (c.d. direttiva Habitat)Violazione diritto dell’UnioneMessa in mora complementare Art. 258 TFUE
2015_2043Applicazione della direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell’aria ambiente ed in particolare obbligo di rispettare i livelli di biossido di azotoNO2ENVICausa C-573/19Ambientedirettiva 2008/50/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 258 TFUE
2014_2147Cattiva applicazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell’aria ambiente – Superamento dei valori limite di PM10 in Italia.ENVIC-644/18Ambientedirettiva 2008/50/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 258 TFUE
2014_2059Attuazione della direttiva 1991/271/CEE relativa al trattamento delle acque reflue urbane.ENVIC-668/19Ambientedirettiva 1991/271/CEEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 258 TFUE
2013_2177Stabilimento siderurgico ILVA di TarantoENVIAmbienteDirettiva 2008/1/CE sulla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento (c.d. direttiva IPPC),fino al 7 gennaio 2014; Direttiva 2010/75/UE sulle emissioni industriali (c.d. direttiva IED),a partire dal 7 gennaio 2014Violazione diritto dell’UnioneParere motivato Art. 258 TFUE
2011_2215Violazione dellarticolo 14 della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti in ItaliaENVIC-498/17Ambientedirettiva 1999/31/CEViolazione diritto dell’UnioneMessa in mora Art. 260 TFUE
2009_2034Cattiva applicazione della Direttiva 1991/271/CE relativa al trattamento delle acque reflue urbaneENVIC-85/13AmbienteDir. 1991/271Violazione diritto dell’UnioneDecisione ricorso Art. 260 TFUE
2007_2195Emergenza rifiuti in Campania.ENVIC-297/08 e C-653/13AmbienteDir. 2006/12/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 260 TFUE
2004_2034Cattiva applicazione degli articoli 3 e 4 della direttiva 91/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbane.ENVIC-251/17AmbienteDir.1991/271/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 260 TFUE
2003_2077Non corretta applicazione delle direttive 75/442/CE sui “rifiuti”, 91/689/CEE sui “rifiuti pericolosi” e 1999/31/CE sulle “discariche”.ENVIC-135/05 e C-196/13AmbienteDirr.75/442/CEE, 91/156/CEE, 91/689/CEE e 1999/31/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 260 TFUE

Infrazioni energia – le cause aperte

Restano 5 le infrazioni ancora aperte in materia energetica.

Nell’elenco spicca la Causa 2018_2044 sul mancato recepimento della Direttiva 2013/59/EURATOM relativamente alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti: la Direttiva è stata recepita con DECRETO LEGISLATIVO 31 luglio 2020, n. 101, il DECRETO RADIAZIONI IONIZZANTI 

ProceduraOggettoCausaNorma comunitariaViolazioneFase
021_0266Mancato recepimento della direttiva UE 2018/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell11 dicembre 2018, sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabilidirettiva 2018/2001Mancato recepimentoParere motivato Art. 258 TFUE
2021_0059Mancato recepimento della direttiva UE 2019/944 del Parlamento e del Consiglio del 5 giugno 2019 relativa a norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica e che modifica la direttiva 2012/27/UEdirettiva 2019/944Mancato recepimentoMessa in mora Art. 258 TFUE
2020_2266Mancata osservanza da parte dellItalia di alcune disposizioni della direttiva 2011/70/EURATOM del Consiglio con riferimento al programma nazionale per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi.direttiva 2011/70/EURATOMViolazione diritto dell’UnioneParere motivato Art. 258 TFUE
2020_2131Regolamento UE 2017/1938 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2017, concernente misure volte a garantire la sicurezza dell’approvvigionamento di gas e che abroga il regolamento UE n. 994/2010.Regolamento 2017/1938Violazione diritto dell’UnioneMessa in mora Art. 258 TFUE
2018_2044mancato recepimento della Direttiva 2013/59/EURATOM che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzantiC-744/19direttiva 2013/59/EURATOMMancato recepimentoMessa in mora Art. 260 TFUE

Infrazioni: tutte le cause aperte – Agg. Aprile 2023

Le procedure di infrazione a carico del nostro Paese sono in tutto 83 (erano 82 nel 2022), di cui 62 per violazione del diritto dell’Unione e 21 per mancato recepimento di direttive. Le cause ambientali aperte sono al momento 16 mentre sono 5 quelle relative all’energia, alcune persistenti da diversi anni ma in diminuzione rispetto alle 24 registrate nel 2020.

Infrazioni ambientali: le cause aperte – Agg. Aprile 2023

Rispetto alle 16 cause ambientali aperte, il Dipartimento delle politiche Comunitarie segnala che si è chiusa con successo la Procedura 2013/2022 sulla “Non corretta attuazione della direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale per quanto riguarda le Mappe acustiche strategiche“. Per approfondire su cosa sono le Mappe Acustiche e la loro normativa di riferimento, suggeriamo il nostro approfondimento.

Di seguito tutte le cause aperte, in materia ambientale

ProceduraOggettoCausaNorma comunitariaInadempienzaFase
2021_2028Mancato completamento della designazione dei siti della rete Natura 2000Violazione diritto dell’UnioneMessa in mora Art. 258 TFUE
2021_2016Presunta violazione del Regolamento 1143/2014 recante disposizioni volte a prevenire e gestire l’introduzione e la diffusione delle specie esotiche invasiveC-193/23Violazione diritto dell’UnioneRicorso Art. 258 TFUE
2020_2299Cattiva applicazione in Italia della direttiva 2008/50/CE del 21 maggio 2008, relativa alla qualità dellaria ambiente e per unaria più pulita in Europa, per quanto concerne i valori limite per il PM2,5Violazione diritto dell’UnioneMessa in mora Art. 258 TFUE
2018_2249Monitoraggio della qualità delle acque, designazione delle zone vulnerabili ai nitrati e contenuto dei programmi d’azioneViolazione diritto dell’UnioneParere motivato Art. 258 TFUE
2017_2181Non conformità alla Direttiva 1991/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbaneViolazione diritto dell’UnioneParere motivato Art. 258 TFUE
2015_2163Mancata designazione delle Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e mancata adozione delle misure di conservazione. Violazione Direttiva Habitat.Direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (c.d. direttiva Habitat)Violazione diritto dell’UnioneMessa in mora complementare Art. 258 TFUE
2015_2043Applicazione della direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell’aria ambiente ed in particolare obbligo di rispettare i livelli di biossido di azotoNO2Causa C-573/19direttiva 2008/50/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 258 TFUE
2014_2147Cattiva applicazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell’aria ambiente – Superamento dei valori limite di PM10 in Italia.C-644/18direttiva 2008/50/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 258 TFUE
2014_2059Attuazione della direttiva 1991/271/CEE relativa al trattamento delle acque reflue urbane.C-668/19direttiva 1991/271/CEEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 258 TFUE
2013_2177Stabilimento siderurgico ILVA di TarantoDirettiva 2008/1/CE sulla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento (c.d. direttiva IPPC),fino al 7 gennaio 2014; Direttiva 2010/75/UE sulle emissioni industriali (c.d. direttiva IED),a partire dal 7 gennaio 2014Violazione diritto dell’UnioneParere motivato Art. 258 TFUE
2011_2215Violazione dellarticolo 14 della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti in ItaliaC-498/17direttiva 1999/31/CEViolazione diritto dell’UnioneMessa in mora Art. 260 TFUE
2009_2034Cattiva applicazione della Direttiva 1991/271/CE relativa al trattamento delle acque reflue urbaneC-85/13Dir. 1991/271Violazione diritto dell’UnioneMessa in mora Art. 260 TFUE
2007_2195Emergenza rifiuti in Campania.C-297/08 e C-653/13Dir. 2006/12/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 260 TFUE
2004_2034Cattiva applicazione degli articoli 3 e 4 della direttiva 91/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbane.C-251/17Dir.1991/271/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 260 TFUE
2003_2077Non corretta applicazione delle direttive 75/442/CE sui “rifiuti”, 91/689/CEE sui “rifiuti pericolosi” e 1999/31/CE sulle “discariche”.C-135/05 e C-196/13Dirr.75/442/CEE, 91/156/CEE, 91/689/CEE e 1999/31/CEViolazione diritto dell’UnioneSentenza Art. 260 TFUE

InSic suggerisce fra i libri di EPC Editore in materia di tutela dell’ambiente ed energia

Vademecum dell’ambiente
Sassone Stefano
Libro
Edizione: maggio 2020 (IV ed.)

Testo Unico Ambiente: corso di formazione sulla normativa ambientale aggiornata

formazione videconferenza

Il Testo Unico Ambientale (TUA) dopo i decreti correttivi
24 Crediti formativi (CFP) CNI
INFORMA- Roma

Prof. Ing. Francesco LOMBARDI
Professore Associato di Ingegneria Sanitaria Ambientale Università di Roma Tor Vergata; Docente di impianti trattamento rifiuti e gestione degli Impianti Sanitari Ambientali

Dott. Andrea PEGAZZANO
Esperto tutela ambientale, Autorità di Bacino del Fiume Po

Magistrato del Tribunale, esperto nelle tematiche trattate

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore