fbpx

Bonifiche siti contaminati: ultime dal portale MiTe

486 0

È online il  nuovo portale della Direzione generale per il risanamento ambientale dedicato al mondo delle bonifiche ambientali: https://bonifichesiticontaminati.mite.gov.it

Ha l’obiettivo di promuovere la partecipazione del pubblico nei processi decisionali in materia di accesso alle informazioni ambientali e di partecipazione a scopo collaborativo e si presenta come “spazio aperto e trasparente” per conoscere meglio le azioni del ministero per le bonifiche sull’intero territorio nazionale.

Vediamo cosa contiene il nuovo portale, con particolare riferimento all’anagrafe SIN, dei “siti orfani” e alla modulistica di riferimento con link utili di approfondimento sul mondo delle bonifiche.

Ultimi Aggiornamenti dal sito Bonifiche siti Contaminati del MiTE

In questa sezione riportiamo i più importanti provvedimenti riportati sul sito ministeriale dedicato alle bonifiche dei siti contaminati e orfani.

Online l’elenco dei siti orfani (agg.1/12)

La ex DG RiA con  Decreto prot.222 del 22 novembre 2021 ha approvato l’elenco dei siti orfani da riqualificare al fine dell’attuazione dell’investimento 3.4 (Bonifica di siti orfani) previsto nell’ambito di intervento 3 della componente C4 (Tutela del territorio e della risorsa idrica) della missione M2 (Rivoluzione verde e transizione ecologica) del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

I singoli siti ed i correlati interventi da realizzare per la riqualificazione dei siti orfani di cui al comma 1 del decreto, saranno definiti nel Piano d’azione di cui all’articolo 17 del decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152 (Disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose), nei limiti delle disponibilità economiche previste per la misura M2C4, investimento 3.4, del PNRR.

Sul portale sono riportati gli interventi di bonifica finanziati con i fondi PNRR su portale Bonifiche:

Accordi di Programma: disponibili per ogni SIN

Sul sito delle Boniche amianto è possibile dal 30 novembre, attraverso la form della sezione Ricerche del portale, ricercare e scaricare copie digitali degli atti di programmazione negoziata storici e vigenti (accordi di programma, atti integrativi e correlati protocolli di intesa), predisposti dai Ministeri che si sono succeduti nella responsabilità della governance dei SIN a partire dalla loro istituzione, sottoscritti con gli Enti locali e i soggetti a vario titolo coinvolti nell’attuazione di interventi pubblici.

Basta selezionare uno specifico SIN nel primo menu a tendina della form, e procedere con la selezione dell’attinenza Programmazione negoziata e l’attivazione del pulsante di ricerca; è comunque possibile specificare un intervallo temporale di ricerca.

L’interrogazione restituisce in forma tabellare i documenti corrispondenti alle selezioni; ogni documento è scaricabile cliccando sull’icona riportata in ultima colonna (File).

Cosa contiene il sito Bonifichesiticontaminati.mite.gov.it?

Al suo interno il nuovo portale contiene:

  • dati e report aree di intervento, programmazione e monitoraggio delle bonifiche ambientali, aggiornati costantemente (consultabili in formato tabellare e secondo una distribuzione territoriale);
  • l’Anagrafe dei Siti di interesse nazionale (Sin) da bonificare (riferimenti normativi, localizzazione geografica, perimetrazione
  • archivio dati su tutti i Sin, banca dati normativa, attività istituzionali della Direzione, all’amiantositi orfani,
  • indicazioni operative per la presentazione delle istanze da parte dei proponenti (la modulistica scaricabile, già codificata con specifici recenti decreti direttoriali), indicazioni e modulistica per la presentazione di osservazioni e istanze di accesso agli atti (da presentare esclusivamente in formato elettronico – via Pec o supporto digitale).

Cosa si intende per Bonifica di siti contaminati?

Un “Sito” viene definito come “l’area o porzione di territorio, geograficamente definita e determinata, intesa nelle diverse matrici ambientali (suolo, materiali di riporto, sottosuolo ed acque sotterranee) e comprensiva delle eventuali strutture edilizie e impiantistiche presenti”.
Il “Sito contaminato”, da intendere come quello in cui “i valori delle concentrazioni soglia di rischio (CSR), determinati con l’applicazione della procedura di analisi di rischio sulla base dei risultati del piano di caratterizzazione, risultano superati”.
Le Concentrazioni di Soglia di Rischio (CSR), sono quei livelli, o soglie, di contaminazione delle matrici ambientali, da determinare caso per caso con l’applicazione della procedura di analisi di rischio sito specifica (secondo i principi illustrati nell’Allegato 1 al titolo V, parte IV del TUA), e sulla base dei risultati del piano di caratterizzazione. Si differenziano dalle Concentrazioni di Soglia di Contaminazione (CSC), ovvero quei livelli, o soglie, oltre la quale si manifesta la contaminazione delle matrici ambientali.

[Leggi il nostro approfondimento sulle tecniche e procedure di bonifica dei siti contaminati]

Cosa si intende per siti orfani?

La definizione di sito orfano riconduce al Decreto n.269/2020 che detta il “Programma nazionale di finanziamento degli interventi di bonifica e ripristino ambientale dei siti orfani”: leggi il nostro approfondimento per una panoramica su cosa si intende per “siti orfani” e quali sono gli interventi per la bonifica dei siti orfani.

Modulistica per i SIN

La Direzione  Generale per il risanamento ambientale (RIA), con decreto direttoriale 18 agosto 2021, n. 137, ha adottato il modello delle istanze per l’avvio del procedimento di approvazione del Progetto Operativo di Bonifica, di Messa in Sicurezza Operativa e Permanente, e dei contenuti minimi della documentazione tecnica da allegare, in aree ricadenti all’interno dei perimetri di siti di interesse nazionale, ai sensi dell’articolo 252, comma 9-quater, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

[Leggi il nostro approfondimento sulla modulistica completa da compilare]

Bonifiche dei siti contaminati in Italia: i dati

In base agli ultimi dati forniti da ISPRA a marzo 2021 nel primo Rapporto su: Stato delle bonifiche dei siti contaminati: i dati regionali, il numero totale di procedimenti di bonifica è pari a 34.479 di cui 16.265 in corso e 17.862 conclusi. La superficie interessata dai procedimenti di bonifica è nota solo per una parte di essi (67%), è pari a 75.277 ettari (753 kmq) e rappresenta lo 0,25 % della superficie del territorio italiano; di questi 46.532 ettari sono relativi a procedimenti in corso e 28.745 ettari sono relativi a procedimenti conclusi.

[Leggi il nostro approfondimento sui dati completi del Rapporto ISPRA 2021 ]

Bonifiche siti contaminati: ricerche e approfondimenti correlati

Sull’argomento suggeriamo la consultazione di ulteriori aggiornamenti riguardanti:

INFORMAZIONE E APPROFONDIMENTO

Per approfondire sulle procedure di bonifica dei siti contaminati, in particolare sulla bonifica di amianto
VOLUME Epc Editore: La bonifica dell’amianto. Guida per la qualificazione delle imprese

Cavariani Fulvio, Di Francesco Marco, Angelini Alessia

Edizione: settembre 2020

Gli aspetti normativi, procedurali e metodologici necessari ad un’azienda per effettuare attività di rimozione dei materiali contenenti amianto.

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore