Campagna europea Lavoro digitale sano e sicuro

Safe and healthy work in the digital age: al via la Campagna Ambienti di lavoro sani e Sicuri 2023-2025

752 0

Oggi, 13 novembre è partita ufficialmente la Campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri» 2023-2025 dal titolo: “Safe and healthy work in the digital ageche intende sensibilizzare in merito all’impatto delle nuove tecnologie digitali sul lavoro e sui luoghi di lavoro e alle correlate sfide e opportunità in materia di salute e sicurezza sul lavoro (SSL).

La Campagna organizzata dall’Agenzia europea per la sicurezza (Eu-Osha) mette inoltre a disposizione una piattaforma per lo scambio di buone prassi con news eventi e Documentazione tecnica, approfondimenti e ricerche su questa tematica.

Safe and healthy work in the digital age: la Campagna europea 2023-2025

La campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri» 2023-2025 sul lavoro digitale sano e sicuro fornisce informazioni utile sul tema del lavoro digitale, indica strumenti utili e pubblicazioni, casi di studio la legislazione e regolamentazione europea di riferimento, e risorse pratiche e riunire le parti interessate intorno ai temi della digitalizzazione nel mondo del lavoro.

È in linea con l’approccio «zero vittime» della Commissione europea per promuovere una cultura della prevenzione. Si basa inoltre sulla ricerca condotta dall’EU-OSHA per la panoramica sulla SSL e sulla digitalizzazione 2020-2023. La Campagna rientra, infine, nel Quadro strategico dell’UE in materia di salute e sicurezza sul lavoro 2021-2027.

La Campagna è collegata con eventi europei fondamentali come

Le cinque priorità della Campagna europea 2023-2025 sul lavoro digitale

La Campagna si articola in cinque priorità che verranno trattati progressivamente nell’ordine che segue:

  • lavoro su piattaforma digitale;
  • robotica avanzata e intelligenza artificiale;
  • telelavoro;
  • sistemi digitali intelligenti;
  • gestione dei lavoratori tramite l’intelligenza artificiale.

Su questi argomenti verranno realizzati centinaia di eventi durante i prossimi due anni, organizzati dai partner della Campagna.

Il Lancio italiano della Campagna “Salute e Sicurezza nel lavoro digitale”

Il 13 novembre, in contemporanea con le altre città europee, INAIL in qualità di Focal Point Italia dell’Eu-Osha ha organizzato l’evento di lancio nazionale della campagna “Ambienti di lavoro sani e sicuri” 2023-2025” con l’obiettivo di diffondere in tutti i Paesi membri la consapevolezza dell’impatto delle nuove tecnologie digitali, che stanno diventando parte sempre più integrante dei processi lavorativi.

In apertura i saluti del commissario straordinario dell’Istituto, Fabrizio D’Ascenzo. A seguire gli interventi di Ester Rotoli, direttore centrale Prevenzione Inail e manager del Focal Point Italia, e Maurizio Curtarelli, project manager Eu-Osha, mentre le conclusioni sono affidate a Claudio Durigon, sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Lavoro digitale: chi riguarda?

In Europa oltre l’80% delle imprese impiega computer, tablet, smartphone e altri dispositivi mobili, con una percentuale di lavoratori che li utilizza pari al 93% nelle grandi imprese e all’85% nelle microimprese.

Secondo l’indagine ESENER del 2019 dell’EU-OSHA, la vasta maggioranza delle imprese dell’UE ha integrato le tecnologie digitali nelle proprie operazioni, mentre solo il 6 % delle imprese dichiara di non utilizzarle. Tuttavia, nonostante l’uso crescente di robot, computer portatili, smartphone o, in meno di un luogo di lavoro su quattro (24 %) nell’UE si sta discutendo in merito al potenziale impatto di tali tecnologie sulla sicurezza e sulla salute dei lavoratori.

La Campagna, oltre a rivolgersi ai lavoratori e alle imprese, intende sensibilizzare i responsabili politici e decisionali dell’UE e nazionali, che sono responsabili della legislazione, delle strategie e delle azioni.

L’EU-OSHA ha inoltre invitato a partecipare la comunità tecnica e di ricerca in materia di SSL, i progettisti di software e industriali e le start-up.

Come gestire i rischi da lavoro digitale?

L’Agenzia europea ritiene che per gestire i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori dalla crescente digitalizzazione del lavoro e dalle nuove tecnologie, occorre:

  • adottare un approccio antropocentrico e con controllo umano;
  • garantire la parità di accesso alle informazioni da parte dei datori di lavoro, dei dirigenti, dei lavoratori e dei loro rappresentanti;
  • consultare i lavoratori e i loro rappresentanti e facendoli partecipare alle decisioni prese in merito allo sviluppo, all’introduzione e all’uso delle tecnologie e dei sistemi digitali;
  • mantenere la trasparenza sul funzionamento degli strumenti digitali e sui loro principali vantaggi e svantaggi;
  • promuovere un approccio olistico nella valutazione delle tecnologie digitali e dei loro effetti sui lavoratori e sulla società nel suo complesso.

La Campagna insiste sulla necessità di un controllo umano fondamentale per la trasformazione digitale. L’IA e le tecnologie digitali dovrebbero sostenere (ma non sostituire) il controllo e le decisioni umani e la consultazione e la partecipazione dei lavoratori.

Quanto ai problemi di salute e sicurezza: Eu OSHA sostiene che devono essere presi in considerazione anche nella fase di progettazione, coinvolgendo sin dall’inizio i programmatori e gli sviluppatori.

Resta informato con InSic – Newsletter

Newsletter InSic

Ogni settimana, InSic ti aggiorna sulle ultime news di attualità e news normative del mondo della salute e sicurezza sul lavoro, tutela ambientale, prevenzione incendi, edilizia dei cantieri e privacy!

Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita del Martedì per avere tutti gli aggiornamenti settimanali con tutte le notizie di approfondimento normativo sul mondo della Sicurezza!

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it