fbpx

Processionarie della quercia: come proteggere i lavoratori in primavera e in estate

200 0

Le processionarie della quercia sono parassiti diffusi in tutta Europa, soprattutto in primavera e in estate . Nella sua forma di bruco, questa specie invasiva non è solo dannosa per gli alberi, ma rappresenta anche un rischio per le persone.
I lavoratori dei settori forestale, della costruzione e manutenzione stradale, della disinfestazione e della gestione del verde pubblico sono particolarmente esposti a questo pericolo, che può causare reazioni allergiche variabili .

In questo articolo a firma di Andrzej Palka, Marketing Manager EMEA per DuPont Personal Protection, prenderemo in esame in che modo i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) svolgano un ruolo primario nella prevenzione del contatto umano con le processionarie, proteggendo in tal modo i lavoratori da eventuali danni alla salute.

Perché le processionarie della quercia sono un rischio per la salute?

Le processionarie della quercia hanno peli sottili sul corpo, che contengono una proteina chiamata taumetopoeina. Questa proteina può scatenare reazioni allergiche quando entra in contatto con la pelle umana o animale. I sintomi includono prurito e infiammazione della pelle. Inoltre, in alcuni casi si verificano febbre e vertigini, nonché irritazione agli occhi e alle vie respiratorie.

Contatto con la processionaria: cosa fare?

Le persone che entrano in contatto con le processionarie dovrebbero richiedere assistenza medica poiché la gravità delle reazioni allergiche varia da persona a persona. Sfortunatamente, la sensibilità alla taumetopoeina e l’intensità della reazione allergica aumentano con ogni esposizione. Per questo motivo, dovrebbero essere intraprese tutte le azioni necessarie per evitare il contatto con le processionarie anche quando l’esposizione è di durata e frequenza limitate.

Processionaria della quercia: quali lavoratori sono a rischio di esposizione?

I lavoratori dei settori forestale, della costruzione e manutenzione stradale e della gestione del verde urbano sono quelli maggiormente a rischio di esposizione alle processionarie.

Processionaria: quali attività sono maggiormente pericolose?

Alcune attività mettono i lavoratori in contatto diretto con i bruchi, come ad esempio la rimozione dei nidi per controllarne la popolazione. Le processionarie si limitano quasi esclusivamente alle querce. Pertanto, è importante essere vigili quando si lavora vicino o sopra a questi alberi, facendo attenzione ad eventuali bruchi o nidi sul tronco e sui rami.

Inoltre, i bruchi perdono i peli sotto stress. Questi peli possono essere trasportati dal vento o cadere a terra. Pertanto, i lavoratori potrebbero essere vulnerabili alle reazioni allergiche da taumetopoeina senza nemmeno entrare in contatto con un bruco. Ciò rende l’uso dei DPI fondamentale per i lavoratori che operano in aree in cui potrebbero essere presenti le processionarie.

Quale protezione dei lavoratori contro le processionarie della quercia?

I dispositivi di protezione individuale sono l’ultima linea di difesa contro l’esposizione ai peli delle processionarie. I lavoratori devono indossare indumenti protettivi che coprano tutto il corpo per rimuovere tutti i potenziali punti di contatto. Le soluzioni per DPI realizzate con DuPont™ Tyvek® e Tychem® i materiali sono progettati per fornire il massimo livello di protezione. Ecco alcuni degli elementi chiave da prendere in considerazione quando si selezionano i DPI per la protezione dalle processionarie.

Tute Tyvek® 600 Plus da Dupont

Le tute Tyvek® 600 Plus uniscono le prestazioni di Tipo 4 e la durata, la protezione e il comfort di un indumento in Tyvek®. I passanti per il pollice mantengono le maniche in posizione, mentre le parti elastiche consentono ai lavoratori di muoversi liberamente. Queste tute sono disponibili anche con calze.

Le tute Tyvek® 800 J offrono protezione di tipo 3 in un tessuto traspirante. Queste tute proteggono i lavoratori dalle sostanze chimiche inorganiche a base d’acqua in condizioni di pressione. Come le tute Tyvek® 600 Plus, le tute Tyvek® 800 J hanno lembi autoadesivi sul mento.

Calzature DuPont

I copriscarpe DuPont™ Tyvek® IsoClean® IC458 hanno suole antisdrucciolo per offrire ai lavoratori una buona presa in tutte le condizioni. 

I copristivali in Tyvek® 500 sono copristivali al ginocchio facili da indossare e che massimizzano il comfort e la protezione grazie alla parte superiore elasticizzata, ai lacci di fissaggio e alle cuciture interne rinforzate. Inoltre, questi copristivali sono disponibili in versione antiscivolo grazie alle suole antisdrucciolo.

Processionaria della Quercia: un rischio per cui occorre consapevolezza

Le processionarie della quercia rappresentano un rischio per la salute dei lavoratori dei settori forestale, edile e di altro tipo, soprattutto in primavera e in estate. I lavoratori devono essere consapevoli dell’ambiente circostante e indossare i dispositivi di protezione individuale appropriati per prevenire l’esposizione. Questa protezione è fondamentale poiché le reazioni allergiche possono intensificarsi, all’aumentare della frequenza di esposizione.

Informazioni su DuPont

DuPont (NYSE: DD) è un’azienda innovatrice leader a livello mondiale che sviluppa e produce materiali e soluzioni tecnologiche che contribuiscono alla trasformazione sia delle industrie sia della vita di ogni giorno. Il personale della società sfrutta le conoscenze scientifiche e le competenze acquisite per aiutare i clienti a sviluppare le loro idee più innovative e creare innovazioni fondamentali in mercati chiave tra cui elettronica, trasporti, edilizia e costruzioni, acqua, sanità e sicurezza dei lavoratori.
Ulteriori informazioni sono disponibili all’indirizzo: www.dupont.com.
Gli investitori possono accedere alle informazioni incluse nella sezione Investor Relations all’indirizzo investors.dupont.com

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore