Governo

DECRETO FISCALE in Gazzetta: sicurezza sul lavoro, arriva la stretta sui controlli

3801 0

In Gazzetta il testo del DECRETO FISCALE decreto-legge 21 ottobre 2021, n. 146 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 21 ottobre 2021, n. 252), coordinato con la Legge di conversione 17 dicembre 2021, n. 215 “Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili”(GU n.252 del 21-10-2021) . Il Decreto convertito è entrato in vigore dal 21 dicembre 2021.

All’interno del Decreto il Governo ha introdotto diverse previsioni in materia di controlli e verifiche sulla regolarità delle imprese in materia di lavoro e di salute e sicurezza sul lavoro, anche in modifica del Testo Unico di Sicurezza sul lavoro (D.Lgs. n.81/2008).

DL FISCALE: il testo e le misure per la sicurezza

Il provvedimento contiene

  • una parte dedicata al fisco
  • una parte dedicata al mondo del lavoro e delle imprese Capo II (Misure urgenti in materia di lavoro) e Capo III (Rafforzamento della disciplina in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro)

Abbiamo visto nei giorni scorsi le 4 direttrici dell’iniziativa di Governo, per la parte di Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro:

  1. Stretta sulle condizioni in base alle quali scatta la sospensione dell’attività per violazioni in materia di lavoro e sicurezza sul lavoro;
  2. Aumento delle sanzioni per le imprese non in regola;
  3. Maggiori competenze, poteri e strumenti all’INL;
  4. Rafforzamento della banca dati SINP.

DECRETO FISCALE: le novità per la salute e sicurezza sul lavoro

Le novità riguardano la semplificazione dell’attività di vigilanza e ruotano su quattro assi:

  1. Stretta sulle condizioni in base alle quali scatta la sospensione dell’attività per violazioni in materia di lavoro e sicurezza sul lavoro;
  2. Aumento delle sanzioni per le imprese non in regola;
  3. Maggiori competenze, poteri e strumenti all’INL;
  4. Rafforzamento della banca dati SINP.

Scopri tutte le novità per la salute e sicurezz sul lavoro a seguito della conversione in Legge del Decreto

Come incentivare e semplificare la vigilanza in materia di salute e sicurezza?

Il Governo intende incentivare e semplificare l’attività di vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro intervenendo con maggiore efficacia sulle imprese che non rispettano le misure di prevenzione o che utilizzano lavoratori in nero.

Violazioni sul lavoro e sospensione dell’attività imprenditoriale: quando?

Il Governo modifica le condizioni necessarie per l’adozione del provvedimento cautelare della sospensione dell’attività imprenditoriale interessata dalle violazioni in materia di lavoro.

  • Il provvedimento può essere preso in caso di presenza del 10% (e non più 20%) del personale “in nero” sul luogo di lavoro.
  • Non è più richiesta alcuna “recidiva” ai fini della adozione del provvedimento che scatterà subito a fronte di gravi violazioni prevenzionistiche.
  • L’impresa destinataria del provvedimento, non potrà più contrattare con la pubblica amministrazione per tutto il periodo di sospensione.

Violazione delle norme di sicurezza: quali sanzioni?

Nel caso in cui vengano accertate gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoro, è prevista la sospensione dell’attività, anche senza la necessità di una reiterazione degli illeciti.

Per poter riprendere l’attività produttiva è necessario

  • il ripristino delle regolari condizioni di lavoro;
  • il pagamento di una somma aggiuntiva di importo variabile a seconda delle fattispecie di violazione. L’importo è raddoppiato se, nei cinque anni precedenti, la stessa impresa ha già avuto un provvedimento di sospensione.

INL: più controlli e più ispettori

Il Governo ha quindi esteso competenze e strumenti all’INL- Ispettorato Nazionale del Lavoro:

  • maggiori competenze di coordinamento negli ambiti della salute e sicurezza del lavoro;
  • un aumento dell’organico (nuove 1.024 unità);
  • oltre 3,7 milioni di euro nel biennio 2022/2023 di investimento in tecnologie di per dotare il nuovo personale ispettivo della strumentazione informatica necessaria a svolgere l’attività di vigilanza;
  • l’aumento del personale dell’Arma dei Carabinieri dedicato alle attività di vigilanza sull’applicazione delle norme in materia di diritto del lavoro, legislazione sociale e sicurezza sui luoghi di lavoro(da 570 a 660 unità dal 1° gennaio 2022).

SINP: maggiore condivisione delle informazioni

In Governo intende rafforzare la banca dati dell’INAIL, il Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione nei luoghi di lavoro (SINP): in vista la definitiva messa a regime e a una maggiore condivisione delle informazioni in esso contenute.

Fra le novità:

  • gli organi di vigilanza dovranno alimentare un’apposita sezione della banca dati, dedicata alle sanzioni applicate nell’ambito dell’attività di vigilanza svolta nei luoghi di lavoro.
  • l’INAIL dovrà rendere disponibili alle Aziende sanitarie locali e all’Ispettorato nazionale del lavoro i dati relativi alle aziende assicurate e agli infortuni denunciati.

Per approfondire sulla riforma del Preposto

Il Preposto: obblighi, compiti e responsabilità: per approfondire

Per conoscere le novità introdotte alla figura del preposto con il DL Fiscale, InSic suggerisce i seguenti volumi di EPC Editore

Il preposto, il datore di lavoro ed i dirigenti nella sicurezza sul lavoro

Abc della sicurezza ad uso dei preposti e dei dirigenti

Compiti, obblighi e responsabilità secondo il secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. aggiornato al D.L. 146/2021 convertito con la L. 215/2021

Corso di formazione e aggiornamento per PREPOSTI

365 diapositive totali in PowerPoint personalizzabili – note e istruzioni per il docente – esercitazioni – test di apprendimento – attestati di partecipazione secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m. (D.L. 146/2021 conv. con L. 215/2021) e l’Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011

Per approfondire la normativa del Testo Unico di Salute e Sicurezza sul Lavoro

EPC ha recentemente aggiornato il Manuale per l’applicazione del D.Lgs. 81/2008 alle più recenti novità normative relative al rischio COVID-19 sui luoghi di lavoro (protocolli per attività produttive, valutazione del rischio, vaccinazione e GREEN PASS) e agli agenti chimici (D.M. 18/05/2021)

Manuale per l’applicazione del D.Lgs. 81/2008Il manuale, dal taglio pratico, costituisce un’analisi sistematica della principale normativa vigente in materia di salute e sicurezza del lavoro. Tutto sul DLgs 81 08.

Scopri ABC, la collana della manualistica per i lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008, art. 36

Si tratta di una Collana di manuali che soddisfa l’obbligo di informazione per la sicurezza sul lavoro in azienda: i manualetti, dalle 32 alle 128 pagine a colori, sono ricchi di schemi ed illustrazioni, in formato tascabile, consentono all’Azienda di assolvere al dovere di fornire un’adeguata informazione in materia di sicurezza sul lavoro ai sensi dell’art. 36 del D.Lgs. 81/2008.

Sono inoltre personalizzabili col nome dell’azienda.

ABC, la collana della manualistica per i lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008, art. 36ABC, la collana della manualistica per i lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008, art. 36

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it