fbpx

Responsabile tecnico: i requisiti. La Deliberazione n.6/2017

331 0

Il Comitato gestori ha regolamentato la figura del Responsabile tecnico dei rifiuti in due Deliberazioni:

Di seguito, vediamo cosa dispone la Deliberazione n.6/2017 sui requisiti di questa figura.

La Deliberazione n.6/2017

L’atto regola i requisiti del responsabile tecnico individuati, per ciascuna categoria e classe d’iscrizione, nell’allegato “A” alla Deliberazione stessa.

L’esperienza del Responsabile tecnico

Ai fini dell’iscrizione prevista per i diversi settori di attività, l’esperienza richiesta al responsabile tecnico (art. 1) consiste nell’esperienza acquisita in almeno uno o più dei casi indicati dall’art. 1.

Le verifiche di idoneità per il Responsabile tecnico

All’Art. 2 si indica che le materie oggetto delle verifiche di idoneità sono riportate nell’allegato “C” mentre i quiz oggetto delle verifiche vengono approvati dal Comitato nazionale, pubblicati sul sito dell’Albo nazionale gestori e periodicamente aggiornati.

L’idoneità conseguita mediante verifica iniziale ha validità pari a cinque anni a decorrere dalla data del superamento della verifica stessa. In caso di mancato superamento, può sostenersi nuova modifica a sessanta giorni dalla comunicazione dell’esito negativo.
Viene dispensato dalle verifiche il legale rappresentante dell’impresa che abbia ricoperto e ricopra contemporaneamente anche il ruolo di responsabile tecnico e che, al momento della domanda, abbia maturato esperienza nel settore di attività oggetto dell’iscrizione per almeno venti anni.

Il periodo transitorio di cinque anni

Infine, in via transitoria, l’Art. 3 indica che il responsabile tecnico delle imprese e degli enti iscritti alla data di entrata in vigore della Delibera può continuare a svolgere la propria attività in regime transitorio per cinque anni dall’entrata in vigore dalla Delibera (che entra in vigore il 16 ottobre 2017, quando entra in vigore la disciplina degli articoli 12 e 13 del decreto 3 giugno 2014, n.120.)
Dalla data di entrata in vigore della deliberazione sono abrogate: la deliberazione n. 3 del 16 luglio 1999, l’allegato “I7” alla deliberazione n. 5 del 12 dicembre 2001, l’allegato “C” alla deliberazione n. 1 del 30 marzo 2004, l’articolo 2, commi 1 e 4, della deliberazione n. 1 dell’I 1 maggio 2005, la deliberazione n. 3 del 20 settembre 2005 e l’articolo 2 della deliberazione n. 2 del 15 dicembre 2010.

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore