SIEMENS
 Edilizia
 DAL MIT
Cantieri: integrato il Protocollo di sicurezza anti-COVID19
27 aprile 2020
fonte: 
area: Edilizia
Cantieri: integrato il Protocollo di sicurezza anti-COVID19 A breve distanza dalla integrazione del Protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro, viene pubblicato in data 25 aprile 2020 anche il nuovo "Protocollo di regole per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid19 nei cantieri" del 24 aprile 2020.
Siglato dalle ministre delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli e delle Politiche Sociali Nunzia Catalfo con i rappresentanti di ANCI, UPI, Anas, RFI, ANCE, Alleanza delle Cooperative, Feneal Uil, Filca CISL e Fillea CGIL, il Protocollo integra i contenuti del precedente Protocollo adottato nel mese di marzo, definendo nuove misure in vista della progressiva riapertura nei cantieri, ed è aggiornato sulla base del Protocollo siglato dal Governo relativo a tutti i settori produttivi.

Il Contenuto del Protocollo
Nel Protocollo vengono infatti fornite indicazioni operative per incrementare in tutti i cantieri l'efficacia delle misure precauzionali di contenimento dell'epidemia, seguendo la logica della precauzione e le indicazioni dell'Autorità sanitaria non solo per i lavoratori ma anche per i titolari del cantiere e tutti i subappaltatori e subfornitori. Sono inoltre previste verifiche dell'adozione da parte dei datori di lavoro delle prescrizioni stabilite dal protocollo con i rappresentanti sindacali e attraverso l'Ispettorato del Lavoro e l'Inail.
Per quel che riguarda il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), la Ministra De Micheli sottolinea l'impegno del Governo di fissare al 15 giugno il termine di validità di tutti quelli in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, attraverso un'apposita modifica di legge che sarà inserita nel prossimo Decreto Legge di fine aprile.

Le Indicazioni della Scheda di Sintesi
Nella Scheda di Sintesi sono riportate indicazioni sugli obblighi che attendono gli operatori di cantiere: il controllo della temperatura corporea, il mantenimento delle distanze di sicurezza. Indicazioni sugli accessi (obbligo di informare tempestivamente il datore di lavoro su qualsiasi sintomo influenzale).
Quanto sempre all'accesso ai cantieri il tentativo è di ridurre le occasioni di contatto con il personale presente, contingentato l'accesso a spazi comuni e mense. Inoltre, va assicurata dal datore di lavoro la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica degli spogliatoi e delle aree comuni. Si fa espresso riferimento ad una riorganizzazione del cantiere e del cronoprogramma delle lavorazioni anche attraverso la turnazione dei lavoratori con l'obiettivo di diminuire i contatti, di creare gruppi autonomi, distinti e riconoscibili e di consentire una diversa articolazione degli orari del cantiere.
Non c'è un obbligo di adozione dei DPI vista la scarsa disponibilità in commercio ma risulta "necessario" qualora sia impossibile lavorare a distanza interpersonale minore di un metro e non siano possibili altre soluzioni organizzative.
Il protocollo individua nel dettaglio le ragioni di emergenza da Covid-19 al fine di escludere le penali per tutte le imprese che abbiano accumulato ritardi o inadempimenti rispetto ai termini contrattuali.

PROTOCOLLO CONDIVISO DI REGOLAMENTAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL COVID - 19 NEI CANTIERI

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.mit.gov.it 
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic