Rifiuti demolizioni

Fondo Demolizioni: ultime notizie – programmati 19 interventi, risorse dal MiT

3992 0

In questa pagina riportiamo le ultime news sul Fondo Demolizioni e sui suoi contributi concessi dal Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità sostenibili.

Per approfondirei vedi la Scheda di InSic sul Fondo Demolizioni.

Fondo demolizioni: risorse per 19 interventi

Matteo Salvini ha firmato un nuovo provvedimento di stanziamento di risorse per il “Fondo Demolizioni”: 19 interventi (12 in Sicilia, 1 in Lombardia, Calabria ed Emilia Romagna e 4 in Puglia) per i Comuni che procedano alle demolizioni di strutture e opere abusive in genere e per il ripristino e il reintegro di aree urbane. 

Fondo Demolizioni: Bandi pubblici

In questa sezione riportiamo le notizie di Avvisi pubblici pubblicati dal Ministero Infrastrutture per le pubbliche amministrazioni destinatarie delle risorse del Fondo per la demolizione delle opere abusive.
Per ulteriori info si rimanda alla sezione dedicata alla presentazione delle istanze su: https://fondodemolizioni.mit.gov.it

Bando Fondo Demolizioni 2022: domande dal 14 novembre

In Gazzetta del 10 novembre l’Avviso del Bando pubblico promosso dal Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili per i Comuni che vogliano accedere alle risorse del Fondo per la demolizione delle opere abusive.

Le domande possono essere inviate dalle ore 12,00 del 14 novembre 2022 e fino alle ore 12,00 del 14 dicembre 2022

  1. Chi può presentare domanda di contributo al Fondo Demolizioni?

    Possono presentare istanza di contributo anche comuni che abbiano già partecipato ai precedenti bandi o che risultino vincitori degli stessi ai sensi dei provvedimenti di assegnazione fondi reperibili sulla sezione Amministrazione trasparente del sito internet del Ministero

  2. Come presentare la domanda di contributo?

    La domanda di contributo è presentata va presentata attraverso la compilazione del modulo on-line che sarà disponibile alla pagina web https://fondodemolizioni.mit.gov.it -a partire dalle ore 12,00 del 14 novembre 2022

  3. Bando Fondo Demolizioni: informazioni

    Informazioni utili sul Bando sono disponibili sulla sezione Amministrazione trasparente del sito internet del Ministero all’indirizzo http://trasparenza.mit.gov.it/archivio28_provvedimenti-amministrativi _0_209604_725_1.html nella quale sono stati stabiliti i criteri di utilizzazione e ripartizione del Fondo demolizioni.

  4. Contributi Fondo Demolizioni: per quali interventi?

    I contributi riguardano interventi ancora da eseguire e sono concessi a copertura del 50% del costo degli interventi di rimozione o di demolizione delle opere o degli immobili realizzati in assenza o totale difformità dal permesso di costruire per i quali è stato adottato un provvedimento definitivo di rimozione o di demolizione non eseguito nei termini stabiliti. Sono incluse:-le spese tecniche e amministrative,-quelle connesse alla rimozione, trasferimento e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle demolizioni.

Fondo Demolizioni: Bando pubblico (scaduto il 2 giugno 2022)

Dalle ore 12,00 del 2 maggio 2022 e fino alle ore 12,00 del 2 giugno 2022 i Comuni posso presentare domanda di accesso al Fondo per la demolizione delle opere abusive: lo ricorda un Comunicato del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili (in GU n.100 del 30-4-2022)

La domanda di contributo va presentata attraverso la compilazione del modulo on line che sarà disponibile alla pagina web https://fondodemolizioni.mit.gov.it/

Possono presentare istanza di contributo anche comuni che abbiano già partecipato ai precedenti bandi o che risultino già vincitori degli stessi.

I contributi riguardano interventi ancora da eseguire e sono concessi a copertura del 50% del costo degli interventi di rimozione o di demolizione delle opere o degli immobili realizzati in assenza o totale difformità dal permesso di costruire per i quali è stato adottato un provvedimento definitivo di rimozione o di demolizione non eseguito nei termini stabiliti. Sono incluse le spese tecniche e amministrative, nonché quelle connesse alla rimozione, trasferimento e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle demolizioni.

Ai sensi del decreto interministeriale n. 254 del 23 giugno 2020, in caso di insufficienza di fondi, l’ordine cronologico di presentazione delle istanze è rilevante ai fini dell’ammissione al finanziamento.

NEWS dal Fondo Demolizioni

Istituita la Banca Dati nazionale sull’abusivismo edilizio (Febbraio 2022)

Il MIMS informa della istituzione della Banca Dati nazionale sull’abusivismo edilizio, con apposito decreto (in passaggio alla Conferenza delle Regioni).

Censirà i manufatti abusivi presenti sul territorio nazionale e verrà alimentata dai Comuni.

Leggi il nostro approfondimento sul funzionamento della Banca Dati nazionale sull’abusivismo edilizio.

Opere abusive: l’elenco degli interventi in Gazzetta – DM 9 settembre 2021 (agg 10/21)

Con DECRETO 9 settembre 2021 il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili ha approvato gli interventi di demolizione di opere abusive.

Il Decreto segue il precedente decreto interministeriale del 23 giugno 2020 (infrastrutture-ambiente-economia e finanze), che ha definito i criteri per l’utilizzazione e per la ripartizione del Fondo Demolizioni (istituito con l’art. 1, comma 26, della citata legge, n. 205 del 2017).

L’elenco degli interventi di demolizione delle opere abusive, con i relativi importi ammessi al contributo a valere sulle risorse del Fondo Demolizioni sono riportate all’allegato 1 del Decreto 9 settembre 2021.

  • Gli importi ammessi al contributo sono assegnati ai comuni ad integrazione delle risorse necessarie alla realizzazione degli interventi di demolizione delle opere abusive approvati.
  • Gli oneri sono pari ad euro 2.991.167,64 e sono a valere sulle risorse del Fondo (previste dall’art. 1, comma 26, della legge n. 205 del 2017), come integrate dall’art. 46-ter, comma 1, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104.
  • Sono iscritte sul capitolo 7446 «Fondo per l’integrazione delle risorse necessarie agli interventi di demolizione di opere abusive», piano gestionale 1, dello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili in qualità di residui di lettera f) per un importo di euro 5 milioni, con esercizio finanziario di provenienza 2019, e per un importo di euro 1 milione, con esercizio finanziario di provenienza 2020.

Contributi del Fondo Demolizioni: al via la quarta campagna

Domande di contributo per il Fondo Demolizioni: come procedere?

La domanda di contributo è presentata ai sensi del Decreto Interministeriale n. 254 del 23/06/2020 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 19 agosto 2020 n. 206 e sulla sezione Amministrazione trasparente del sito internet del Ministero, con il quale sono stati stabiliti i criteri di utilizzazione e ripartizione del Fondo demolizioni.

Chi può accedere ai contributi?

Possono presentare istanza di contributo anche Comuni che abbiano già partecipato ai bandi di cui agli avvisi prot. 9159 del 12 agosto 2020 e prot. 4546 del 10 maggio 2021 o che risultino vincitori degli stessi ai sensi dei provvedimenti di assegnazione fondi reperibili sulla sezione Amministrazione trasparente del sito internet del Ministero all’indirizzo link decreto di approvazione degli interventi purché l’istanza abbia ad oggetto ulteriori interventi di demolizione identificati attraverso il codice CUP.

Quante sono le risorse della terza Campagna del Fondo Demolizioni?

Il Ministro delle Infrastrutture e delle Mobilità sostenibili ha firmato il decreto che assegna 3 milioni di euro (esattamente 2,99 milioni) a 32 Comuni in 13 Regioni per agevolarli nell’abbattimento delle opere realizzate senza i necessari permessi in aree a rischio sismico, idrogeologico o sottoposte a tutela e per le quali sono state emanate ordinanze di demolizione.

Sono incluse le spese tecniche e amministrative, nonché quelle connesse alla rimozione, trasferimento e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle demolizioni. Ai sensi del Decreto interministeriale n. 254 del 23/06/2020, in caso di insufficienza di fondi, l’ordine cronologico di presentazione delle istanze è rilevante ai fini dell’ammissione al finanziamento.

Quali costi sono coperti dal Fondo Demolizioni?

Le risorse, sulla base dei criteri di ripartizione del cosiddetto ‘Fondo demolizioni’, vengono assegnate ai Comuni a copertura del 50% del costo degli interventi di abbattimento o rimozione delle opere abusive, incluse le spese tecniche e amministrative e quelle connesse al trasferimento e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle demolizioni.

Il nuovo decreto fa seguito a quello già emanato a dicembre 2020 che attribuiva a 32 Comuni in 14 Regioni circa 3,4 milioni di euro per supportali nella lotta all’abusivismo e nell’attività di recupero di suolo.  Il 13 settembre si aprirà una nuova campagna, la terza, che durerà fino al 13 ottobre. 

Il Decreto 9 dicembre 2020: la seconda campagna di contributi del Fondo Demolizioni

Il ministero delle infrastrutture con Decreto del 9 dicembre 2020 approva l’elenco degli interventi di demolizione delle opere abusive, con i relativi importi ammessi al contributo a valere sulle risorse stanziate nella Legge di bilancio 2018.
L’elenco degli interventi da ammettere al contributo assicura, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto 254 del 23 giugno 2020, la realizzazione di almeno un intervento di demolizione in ciascuna delle quattordici regioni, individuato a partire dalla maggiore volumetria dello stesso.
Il Decreto 254/2020 è lo stesso decreto che ha proceduto a regolamentare il cd “Fondo Demolizioni” e che individua i criteri di ripartizione delle risorse del Fondo e le modalità di presentazione del contributo da parte degli interessati.

Vediamo cosa prevede il nuovo Decreto, cos’ il Fondo Demolizioni e come viene regolamentato nell’accesso alle risorse ivi contenute.

Legge di Bilancio 2018: le risorse per le demolizioni di opere abusive per i Comuni

L’art. 1, comma 26, della citata Legge di Bilancio 2018 istituisce nello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti un fondo finalizzato all’erogazione di contributi ai comuni per l’integrazione delle risorse necessarie agli interventi di demolizione di opere abusive, con una dotazione di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018 e 2019 e demandava ad un decreto interministeriale successivo la definizione dei criteri per l’utilizzazione e per la ripartizione del fondo che fu poi incrementato di un milione di euro per l’anno 2020 dal Decreto Rilancio convertito Decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, art. 46-ter.

Fondo Demolizioni: il Decreto 254/2020

L’art. 3 (Criteri di ripartizione delle risorse attribuite al fondo) prevede «2. La ripartizione delle risorse assicura la realizzazione di almeno un intervento di demolizione in ciascuna regione, individuato a partire dalla maggiore volumetria dello stesso, fermo restando quanto indicato all’art. 2 del presente decreto. Per gli interventi di pari cubatura, i comuni ne indicano l’ordine prioritario. 3. Le somme assegnate ai comuni per ciascun intervento sono pari al 50% del costo totale dello stesso, indicato al momento della presentazione della domanda e risultante dal quadro tecnico economico. […] 5. Entro tre mesi dal termine per la presentazione delle domande di contributo, con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, è approvato l’elenco degli interventi ammessi al contributo ai sensi dell’art. 1, comma 26, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 e del presente decreto, con indicazione delle relative somme assegnate poste a carico del “Fondo demolizioni”.».
Il comma 1 dell’art. 6 sulle Modalità di presentazione delle domande di contributo ricorda invece che «Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti rende disponibile, su dedicata sezione del proprio sito internet, apposito sistema informatico per la presentazione delle domande di contributo poste a carico del “Fondo demolizioni”. Nel sistema sono altresì resi noti i termini per la presentazione delle domande e gli elementi amministrativi e contabili da indicare».

Per ulteriori informazioni consultare la pagina del MIT dedicata al FONDO DEMOLIZIONI.

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore