Documenti_appalti e digitale

Piano anticorruzione triennale: le PA hanno tempo fino al 31 gennaio 2024

763 0

Entro il 31 gennaio le PA devono predisporre e pubblicare il Piano anticorruzione 2024-2026 nell’ambito dell’adozione del PIAO, il Piano integrato di attività e organizzazione (da adottare entro il 15 aprile 2024) da parte degli Enti locali ai sensi dell’articolo 6 del decreto-legge 9 giugno 2021, n. 80.

Lo prevede un Comunicato del Presidente ANAC del 10 gennaio 2024 .

Piano anticorruzione: semplificazioni documentali

A proposito della redazione del Piano nazionale anticorruzione 2024-2026, l’ANAC ricorda le semplificazioni che furono introdotte già nel PNA 2022 per amministrazioni ed enti con meno di 50 dipendenti:

Se negli anni precedenti le PA avevano già predisposto un Piano anticorruzione, potevano confermarlo nel triennio successivo, con apposito atto motivato dell’organo di indirizzo.

Tuttavia, occorre che nell’anno precedente:

  • non siano emersi fatti corruttivi o ipotesi di disfunzioni amministrative significative;
  • non siano state introdotte modifiche organizzative rilevanti;
  • non siano stati modificati gli obiettivi strategici;
  • per chi è tenuto ad adottare il PIAO, non siano state modificate le altre sezioni del PIAO in modo significativo tale da incidere sui contenuti della sezione anticorruzione e trasparenza.

Piano anticorruzione: preliminare la Relazione dei Responsabili della Prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT)

L’ANAC ha ulteriormente ricordato che per consentire ai Responsabili della Prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT) di svolgere adeguatamente tutte le attività connesse alla predisposizione della sezione anticorruzione e trasparenza del PIAO o dei Piani triennali di prevenzione della corruzione e della trasparenza è necessario redigere una Relazione annuale sulla base della Scheda per la relazione annuale del RPCT 2023 pubblicata sul sito di ANAC e sulla base delle indicazioni del comunicato del presidente ANAC dell’8 novembre 2023.

La relazione va poi pubblicata sul sito dell’ente all’interno della sezione “Amministrazione trasparente”/”Società trasparente”, sotto-sezione “Altri contenuti – prevenzione della corruzione”.

Cos’è il Piano anticorruzione?

Il Piano Nazionale Anticorruzione – P.N.A, previsto con Legge 6 novembre 2012 n. 190 in vigore il 28 novembre 2012 è un sistema organico di prevenzione della corruzione, il cui aspetto caratterizzante consiste nell’articolazione del processo di formulazione e attuazione delle strategie di prevenzione della corruzione su due livelli:

  • quello “nazionale” sulla base di linee di indirizzo adottate da un Comitato interministeriale e approvato dalla C.I.V.I.T.,
  • “decentrato”, ogni amministrazione pubblica definisce un P.T.P.C., che, sulla base delle indicazioni presenti nel P.N.A., effettua l’analisi e valutazione dei rischi specifici di corruzione e conseguentemente indica gli interventi organizzativi volti a prevenirli

A cosa serve il Piano nazionale anticorruzione

La funzione principale del P.N.A. è quella di assicurare l’attuazione coordinata delle strategie di prevenzione della corruzione nella pubblica amministrazione, elaborate a livello nazionale e internazionale.

Come fare un Piano antincorruzione

Le indicazioni per l’articolazione del Piano sono contenute nella Legge 190/2012

  • Nella prima sezione (par. 2) sono esposti gli obiettivi strategici e le azioni previste, da implementare a livello nazionale;
  • Nella seconda sezione (par. 3) è dedicata all’illustrazione della strategia di prevenzione a livello decentrato, ossia a livello di ciascuna amministrazione, e contiene le direttive alle pubbliche amministrazioni per l’applicazione delle misure di prevenzione, tra cui quelle obbligatorie per legge ed in questo contesto è presta l’adozione del Piani Triennale di Prevenzione della Corruzione P.T.P.C., con il quale viene disegnata la strategia di prevenzione per ciascuna amministrazione;
  • Nella terza sezione (par. 4) sono previste le  indicazioni circa le comunicazioni dei dati e delle informazioni al D.F.P. e la finalizzazione dei dati successivamente alla raccolta per il monitoraggio e lo sviluppo di ulteriori strategie.

Codice dei Contratti pubblici: volumi e approfondimenti

InSic informa che EPC EDITORE ha pubblicato la nuova versione del Codice dei Contratti Pubblici alla luce dell’emanazione del nuovo Decreto Legislativo.

Il volume farà parte dei libri di EPC Editore su Appalti e Immobili

Il codice dei contratti pubblici, EPC Editore, aprile 2023 (VII ed.), Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo

Il codice dei contratti pubblici

Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo
Libro
Edizione: aprile 2023 (VII ed.)
Pagine: 592
Formato: 150×210 mm

D.Lgs. 31 marzo 2023 n. 36 completo di allegati
Completo di un puntuale indice analitico
Aggiornamenti SCARICABILI ON LINE

Contiene il nuovo Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 36/2023), dopo che le ipotesi correlate al PNRR e la Legge delega n. 78/2022 ne avevano previsto la formazione e la successiva emanazione entro il 1° aprile 2023

Corsi di formazione in materia di Appalti, DUVRI e sicurezza

All’interno dei corsi organizzati da Istituto Informa per i professionisti della sicurezza e degli appalti, segnaliamo i seguenti Corsi di formazione e E-learning

Formazione_aula

La gestione degli appalti in sicurezza – La corretta predisposizione del DUVRI
Esempi pratici con utilizzo di un SOFTWARE professionale per la predisposizione del DUVRI

Valido come Corso di Aggiornamento per RSPP, ASPP e Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) – 12 Crediti Formativi (CFP) CNI

formazione videconferenza

Corso e-learning: La gestione della sicurezza negli appalti e la predisposizione del D.U.V.R.I. – durata 1 ora

Corso valido come aggiornamento per RSPP – ASPP-DDL Coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori – Dirigenti – Preposti Docenti – Formatori in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Accordo Conferenza Stato Regioni del 7 luglio 2016 (G.U. n. 193 del 19/08/2016)
INFORMA- Roma

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore