SAFEIN
 Salute e Sicurezza
 FIGURE DELLA SICUREZZA
Il Datore di Lavoro e gli adempimenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori
2 novembre 2020
fonte: 
area: Salute e sicurezza sul lavoro
Il Datore di Lavoro e gli adempimenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori Secondo la normativa prevenzionistica, il datore di lavoro ha la funzione di primario garante dell'igiene e sicurezza sul lavoro.
In questa scheda rapida esaminiamo chi è il datore di lavoro, gli obblighi e le responsabilità che fanno capo a questa figura, l'effettuazione della Valutazione dei Rischi e la designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), la nomina degli altri componenti addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione, la formazione obbligatoria per svolgere questa funzione all'interno dell'azienda secondo il D.Lgs. 81/08 e s.m.






Chi è il datore di lavoro?

Quali sono gli obblighi e le responsabilità del datore di lavoro?

Quali sono gli obblighi di formazione del datore di lavoro?

Chi è il datore di lavoro?

Il datore di lavoro è il soggetto posto al vertice della scala gerarchica aziendale, chiamato a organizzare e gestire gli adempimenti prevenzionistici. L'individuazione del soggetto che riveste il ruolo di datore di lavoro è, pertanto, un'operazione di primaria importanza al fine della attribuzione di compita e responsabilità.
Nelle aziende private, il datore di lavoro è definito dall'art. 2 del D.Lgs. 81/2008 come il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l'assetto dell'organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell'organizzazione stessa o dell'unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa.
Nelle pubbliche amministrazioni, invece, il datore di lavoro è individuato nel dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest'ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale, individuato dall'organo di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dell'ubicazione e dell'ambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta l'attività, e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa. In caso di omessa individuazione, o di individuazione non conforme ai criteri sopra indicati, il datore di lavoro coincide con l'organo di vertice medesimo.
Datore di lavoro "di fatto": lo status di datore di lavoro per la sicurezza non necessariamente è subordinato al rilascio di una nomina formale da parte dell'organo di vertice: dapprima la giurisprudenza, poi lo stesso legislatore hanno stabilito che Le posizioni di garanzia relative ai soggetti di cui all'articolo 2, comma 1, lettere b), d) ed e) - cioè il datore di lavoro, il dirigente ed il preposto -, gravano altresì su colui il quale, pur sprovvisto di regolare investitura, eserciti in concreto i poteri giuridici riferiti a ciascuno dei soggetti ivi definiti. (art. 299 D.Lgs. 81/2008).

Quali sono gli obblighi e le responsabilità del datore di lavoro?

Il datore di lavoro deve adempiere a numerosi adempimenti, due dei quali non sono delegabili (art. 17 del D.Lgs. 81/08):
• l'effettuazione della Valutazione dei Rischi
• la designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP).
In merito alla nomina degli altri componenti addetti al servizio di prevenzione e protezione, (gli ASPP), e dello stesso medico competente non vige divieto di delega alla nomina: questi pertanto all'occorrenza possono essere designati anche da altre figure come i dirigenti.
L'art. 18, comma 1 del D.Lgs. 81/2008 prevede una serie di obblighi il cui adempimento spetta al datore di lavoro e al dirigente per cui il datore di lavoro e i dirigenti che organizzano e dirigono le stesse attività secondo le attribuzioni e competenze ad essi conferite, devono:
a. nominare il medico competente per l'effettuazione della sorveglianza sanitaria nei casi previsti dal presente decreto legislativo;
b. designare preventivamente i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza;
c. nell'affidare i compiti ai lavoratori, tenere conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza;
d. fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale (DPI), sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente;
e. prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico;
f. richiedere l'osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuali messi a loro disposizione;
g. richiedere al medico competente l'osservanza degli obblighi previsti a suo carico nel presente decreto;
h. adottare le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa;
i. informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;
j. adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento nei confronti dei lavoratori di cui agli artt. 36 e 37 D.Lgs. 81/2008;
k. astenersi, salvo eccezione debitamente motivata da esigenze di tutela della salute e sicurezza, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato;
l. consentire ai lavoratori di verificare, mediante il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, l'applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute;
m. consegnare tempestivamente al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, su richiesta di questi e per l'espletamento della sua funzione, copia del documento di valutazione dei rischi (art. 17, comma 1, lettera a), nonché consentire al medesimo rappresentante di accedere ai dati sulle misure adottate (art. 18, co. 1, lett. q);
n. elaborare il documento unico di valutazione dei rischi (il cd. DUVRI) di cui all'art. 26, comma 3, e, su richiesta di questi e per l'espletamento della sua funzione, consegnarne tempestivamente copia ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
o. prendere appropriati provvedimenti per evitare che le misure tecniche adottate possano causare rischi per la salute della popolazione o deteriorare l'ambiente esterno verificando periodicamente la perdurante assenza di rischio;
p. comunicare all'INAIL, o all'IPSEMA, in relazione alle rispettive competenze, a fini statistici e informativi, i dati relativi agli infortuni sul lavoro che comportino un'assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell'evento e, a fini assicurativi, le informazioni relative agli infortuni sul lavoro che comportino un'assenza dal lavoro superiore a tre giorni;
q. consultare il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza «nelle ipotesi di cui all'art. 50» D.Lgs. 81/2008, cioè la valutazione di rischi, la individuazione, realizzazione, programmazione e verifica della prevenzione nell'azienda o unità produttiva, la designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione e protezione, alla attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro, del medico competente, all'organizzazione della formazione;
r. adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell'evacuazione dei luoghi di lavoro, nonché per il caso di pericolo grave e immediato, secondo le disposizioni di cui all'art. 43 D.Lgs. 81/2008. Tali misure devono essere adeguate alla natura dell'attività, alle dimensioni dell'azienda o dell'unità produttiva, e al numero delle persone presenti;
s. nell'ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto e di subappalto, munire i lavoratori di apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l'indicazione del datore di lavoro;
t. nelle unità produttive con più di 15 lavoratori, convocare la riunione periodica di cui all'art. 35 D.Lgs. 81/2008;
u. aggiornare le misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione;
v. comunicare annualmente all'INAIL i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
w. vigilare affinché i lavoratori per i quali vige l'obbligo di sorveglianza sanitaria non siano adibiti alla mansione lavorativa specifica senza il prescritto giudizio di idoneità.
Inoltre, il comma 2 dello stesso articolo 18 stabilisce che il datore di lavoro (ma anche questo è un obbligo delegabile anche ai dirigenti) dovrà fornire al servizio di prevenzione e protezione ed al medico competente informazioni in merito: alla natura dei rischi, all'organizzazione del lavoro, la programmazione e l'attuazione delle misure preventive e protettive; alla descrizione degli impianti e dei processi produttivi; ai dati di cui al comma 1, lettera r (comunicazioni all'INAIL, o all'IPSEMA) e quelli relativi alle malattie professionali; ai provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza.

Quali sono gli obblighi di formazione del datore di lavoro?

In capo al datore di lavoro non sono posti particolari obblighi di formazione, salvo che egli non eserciti contestualmente anche il ruolo di RSPP nella propria azienda, o la sua azienda non svolga lavori particolari come le lavorazioni ambienti sospetti inquinamento o in ambienti confinati, caso quest'ultimo in cui anche il datore di lavoro dovrà effettuare specifici corsi di formazione e addestramento.
Nel primo caso, invece, (datore di lavoro - RSPP) egli dovrà partecipare a corsi di formazione, della durata minima di 16 ore e massima di 48 ore, adeguata alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativa alle attività lavorative. Dovrà inoltre aggiornare la propria formazione secondo quanto previsto nell'accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 - con periodicità quinquennale decorrenti dall'11 gennaio 2012 (data di pubblicazione della G.U. n. 8/2012), distribuendo preferibilmente la formazione nell'arco dei cinque anni. La durata dei corsi di aggiornamento è correlata ai tre livelli di rischio individuati nell'Accordo: 6 ore per le attività a rischio basso, di 10 ore per quelle a rischio medio e 14 ore per le attività a rischio alto.

Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic