Asfalto_bitume_lavori

End of Waste membrane bituminose: al via la consultazione pubblica sul nuovo Regolamento

589 0

A partire dal 14 febbraio è aperta la consultazione pubblica sul nuovo Schema di regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuti di membrane bituminose ai sensi dell’articolo 184-ter, comma 2 del Codice dell’Ambiente (cd. “End of Waste Membrane bituminose”).

Il Regolamento si porrà in continuità con la normativa End of waste di dettaglio, seguendo l’impostazione del recente DM n.152/2022 (cd. End of Waste Inerti).

Durante la fase di consultazione, che si concluderà entro 30 giorni, potranno essere inviate proposte di integrazione/modifica del testo, utilizzando l’apposita Scheda predisposta.

Ma in cosa consistono le membrane bituminose, e cosa prevedrà il futuro regolamento sottoposto all’attenzione pubblica?

Schema di Regolamento sulle sostanze bituminose: il testo in consultazione

L’adozione del decreto in esame consentirà di intercettare e gestire in maniera adeguata l’importante flusso di rifiuti proveniente dal settore edile, settore rilevante per l’economia nazionale.

Lo schema di regolamento è accessibile nella Sezione “Bandi e Avvisi”, oltre alla scheda di consultazione e la documentazione a corredo, per consentire a chiunque volesse partecipare alla consultazione di trasmettere eventuali osservazioni al testo.

Durante la fase di consultazione potranno essere inviate proposte di integrazione / modifica del testo, utilizzando le modalità e l’apposita scheda predisposta.

Cosa sono le membrane bituminose

Il Regolamento riguarda il “triturato” di membrana bituminosa (TMB), materiale estremamente ricco di bitume e derivante dal trattamento dei rifiuti di membrane impermeabilizzanti a base di bitume, che risulta un ottimo additivo in diversi utilizzi (es. per la produzione di asfalti).

Questi rifiuti, contrassegnati dal codice EER 170302 – Miscele bituminose, sono diversi da quelli di cui alla voce 170301, limitatamente alle membrane bituminose utilizzate in edilizia per impermeabilizzare superfici.

Cosa prevede il (futuro) Regolamento End of Waste Membrane bituminose

L’obiettivo del regolamento è ridurre i quantitativi di questi rifiuti da avviare in discarica ed i relativi costi smaltimento: il regolamento per l’appunto disciplina i casi di cessazione della qualifica di rifiuti di queste membrane bituminose.

Il testo è composto da 8 articoli e 3 allegati e riguarda:

  • il flusso di rifiuti interessato (codice EER 170302 – Miscele bituminose diverse da quelle di cui alla voce 170301, limitatamente alle membrane bituminose utilizzate in edilizia per impermeabilizzare superfici);
  • i criteri di conformità ai fini della cessazione della qualifica di rifiuto;
  • gli scopi specifici di utilizzabilità;
  • gli obblighi documentali.
  • I criteri end of waste da rispettare sono quindi contenuti in allegato 1 al regolamento, mentre in allegato 2 sono indicati gli scopi specifici per i quali è utilizzato il triturato di membrane bituminose (TMB).

Monitoraggio dei criteri end of waste

In analogia al DM n.152/2022 (cd. EoW inerti), anche in questo Schema di Regolamento il Ministero dell’Ambiente ha introdotto l’articolo 7 “monitoraggio”, che decorre dall’entrata in vigore del provvedimento, al fine di prevedere una verifica della operatività concreta dei criteri e dei parametri fissati per il recupero di questa tipologia di rifiuti.

In tal modo si intende revisionare i criteri posti dal decreto per la cessazione della qualifica di rifiuto per tenere conto, ove necessario, delle evidenze emerse in fase applicativa.

Rifiuti: aggiornamento e formazione per gli operatori della tutela ambientale

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti, EPC Editore, ottobre 2021 (III ed.), Sassone Stefano

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti

Sassone Stefano
Libro
Edizione: ottobre 2021 (III ed.)
Pagine: 304
Formato: 150×210 mm
€ 19,95

Il volume si rivolge a enti e imprese chiamate a gestire i rifiuti, offrendo un panorama completo delle competenze, responsabilità, procedure, operazioni e altre prescrizioni che essi devono attuare sotto il profilo documentale, richiamando la normativa vigente e la documentazione di riferimento. 

Vademecum dell'ambiente, EPC Editore, maggio 2020 (IV ed.), Sassone Stefano

Vademecum dell’ambiente

Sassone Stefano
Libro
Edizione: maggio 2020 (IV ed.)
Pagine: 472
Formato: 150×210 mm

Guida pratica agli adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese. Aggiornato con le novità del “Circular Economy Package” ed il “Green New Deal” rilasciati dalla Comunità Europea

Corsi di formazione per l’esperto ambientale in gestione dei rifiuti

RIFIUTI

Istituto Informa organizza il corso per professionisti della tutela ambientale e dell’energia:
La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti
Le novità su RENTRI e il nuovo Formulario Trasporto Rifiuti (Vi.Vi.FIR)
8 Crediti Formativi (CFP) CNI
INFORMA- Roma

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore