Operatori sanitari: più tutela dagli atti di violenza sui luoghi di lavoro

9924 0

Ancora più tutela per gli operatori sanitari: con il DECRETO-LEGGE 30 marzo 2023, n. 34, che contiene le misure per imprese e famiglie, si inasprisco le pene per coloro che compiono atti di violenza contro i professionisti della sanità attraverso una modifica diretta all’art. 583-quater che regola i casi di violenze su operatori sanitari, pubblici ufficiali in servizio.

Nell’articolo seguiamo i provvedimenti emanati a tutela degli operatori sanitari a partire dalla LEGGE 14 agosto 2020, n. 113: le sanzioni introdotte per coloro che usano atti di violenza contro i professionisti della sanità e le misure di prevenzione e contrasto alla violenza sui luoghi di lavoro sanitari previste e le ultime news sull’argomento e le sue evoluzioni normative.

Sull’argomento segnaliamo:

Professionisti sanitari: cosa si rischia chi causa lesioni o minacce?

Sul profilo penale, la Legge 113/2020 interveniva sull’art. 583-quater c.p. per aggravare le pene (per le lesioni gravi, reclusione da 4 a 10 anni, e per le lesioni gravissime, reclusione da 8 a 16 anni)
• a chiunque cagioni lesioni gravi o gravissime procurate in danno di personale esercente una professione sanitaria o socio-sanitaria nell’esercizio o a causa delle funzioni o del servizio,
• ovvero in danno di chiunque svolga attività di cura, assistenza sanitaria o di soccorso, nell’esercizio o a causa di tali attività.
Il testo inserisce, tra le circostanze aggravanti comuni del reato – che comportano un aumento di pena fino a un terzo – l’avere agito, nei delitti commessi con violenza e minaccia, in danno degli esercenti le professioni sanitarie o socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni ovvero in danno di chiunque svolga attività di cura, assistenza sanitaria o di soccorso, nell’esercizio o a causa di tali attività (art. 5).
Nel testo si stabilisce anche che i reati di percosse (art. 581 c.p.) e lesioni (art. 582 c.p.) siano procedibili d’ufficio quando ricorre la nuova aggravante (art. 6).

Protocolli operativi anti-violenza e aggressione

La Legge 113/2020 impone alle strutture sanitarie di prevedere nei propri piani per la sicurezza misure volte ad inserire specifici protocolli operativi con le forze di polizia (per prevenire episodi di aggressione e di violenza) al fine di garantire interventi tempestivi (art. 7) e fissa la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 500 a euro 5.000 per chiunque tenga condotte violente, ingiuriose, offensive, ovvero moleste nei confronti di personale esercente una professione sanitaria o socio-sanitaria nonché nei confronti di chiunque svolga attività di cura, assistenza sanitaria o di soccorso presso strutture sanitarie e socio sanitarie pubbliche o private (art. 9).

Decreto 34/2023: aumento di pene per chi causa violenza sugli operatori sanitari

Nel 2023 il DECRETO-LEGGE 30 marzo 2023, n. 34 inasprisce le pene con una nuova modifica all’articolo 583-quater del codice penale:

  • il titolo del reato elimina la distinzione fra lesione “grave” e “gravissimo” ai danni del pubblico ufficiale/operatore sanitario
  • Modifica il secondo comma e assegna per le lesioni ad operatori sanitari o a chi svolge attività ausiliaria
    • la reclusione da due a cinque anni per le lesioni grave
    • la reclusione da 4 a 10 anni per la lesione gravissima

Quindi, alla luce della modifica ultima il testo del reato di cui all’art. 583-quater è così definito:

Art. 583-quater.
(Lesioni personali gravi o gravissime  a  un  pubblico  ufficiale  in servizio di ordine pubblico in occasione di  manifestazioni  sportive (( , nonche’  a  personale  esercente  una  professione  sanitaria  o socio-sanitaria e a chiunque  svolga  attivita’  ausiliarie  ad  essa funzionali)) ).

  Nell’ipotesi di lesioni personali cagionate a un pubblico ufficiale in  servizio  di  ordine  pubblico  in  occasione  di  manifestazioni sportive, le lesioni gravi sono punite con la reclusione da quattro a dieci anni; le lesioni gravissime, con la reclusione da otto a sedici anni.

  ((Le stesse pene si applicano in caso di lesioni personali gravi  o gravissime cagionate a personale esercente una professione  sanitaria o socio-sanitaria nell’esercizio o  a  causa  delle  funzioni  o  del

servizio, nonche’ a chiunque svolga  attivita’  ausiliarie  di  cura, assistenza sanitaria o soccorso, funzionali allo svolgimento di dette professioni, nell’esercizio o a causa di tali attivita’)).

2. Nell’ipotesi di lesioni cagionate al personale esercente una professione sanitaria o socio-sanitaria nell’esercizio o a causa delle funzioni o del servizio, nonché a chiunque svolga attività ausiliarie di cura, assistenza sanitaria o soccorso, funzionali allo svolgimento di dette professioni, nell’esercizio o a causa di tali attività, si applica la reclusione da due a cinque anni. In caso di lesioni personali gravi o gravissime si applicano le pene dì cui al comma primo.

La Legge 113/2020 a tutela degli operatori sanitari

La LEGGE 14 agosto 2020, n. 113 in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie, è in vigore dal 24 settembre 2020.

LEGGE 14 agosto 2020, n. 113: sintesi degli articoli

Il Decreto istituisce un
Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie presso il Ministero della salute (ne definisce compiti e funzioni – art.2) e
• una Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari (art.8), il 12 marzo di ogni anno.
• Richiede al ministero della Salute di promuovere iniziative di informazione sull’importanza del rispetto del lavoro del personale utilizzando le risorse disponibili per la realizzazione di progetti di comunicazione istituzionale (art.3) ma soprattutto
• (art. 4-6 ) stabilisce un aumento della sanzioni penali in caso di violenza o aggressione al professionista sanitario, modificando l’articolo 583-quater del codice penale e l’art. 61 e in materia di procedibilità (artt. 581 e 582).
• L’art. 7 richiede alle strutture di prevedere nei propri piani per la sicurezza, misure volte a stipulare specifici protocolli operativi con le forze di polizia, per garantire il loro tempestivo intervento a tutela degli operatori .

• Infine, (art.8) introduce una sanzione amministrativa: il pagamento di una somma da euro 500 a euro 5.000 per chiunque tenga condotte violente, ingiuriose, offensive o moleste nei confronti del professionista sanitario.

Legge 113/2020 – Violenza sugli operatori sanitari: la Giornata Nazionale per la prevenzione il 12 marzo di ogni anno

Firmato il 28 gennaio 2022 il decreto che indice la Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari, il 12 marzo di ogni anno.

Alle Amministrazioni pubbliche, anche in coordinamento con gli enti e gli organismi interessati, spetta, in occasione della giornata, organizzare iniziative di comunicazione per promuovere una cultura che condanni ogni forma di violenza nei confronti dei lavoratori della sanità.

Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti per le professioni sanitarie e socio-sanitarie – cosa fa? istituzione

Fra le novità spicca l’istituzione, presso il Ministero della salute, di un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie, composto per metà da donne, per monitorare (art. 2):
• gli episodi di violenza commessi nell’esercizio delle funzioni;
• gli eventi sentinella che possano dar luogo ai suddetti fatti;
• l’attuazione delle misure di prevenzione e protezione previste dalla disciplina in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, anche promuovendo l’utilizzo di strumenti di videosorveglianza;
• la promozione di studi per la formulazione di proposte e misure idonee a ridurre i fattori di rischio negli ambienti più esposti; la diffusione delle buone prassi in materia di sicurezza;
• corsi di formazione per il personale medico e sanitario, finalizzati alla prevenzione e gestione di situazioni di conflitto nonché a migliorare la qualità della comunicazione con gli utenti
• Sarà anche fissata una data per la “Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari”.

Violenze contro il personale sanitario: come prevenire il fenomeno?

Il Sistema di gestione degli atti di violenza a danno del personale: dall'analisi del fenomeno alla creazione del DVR specifico, EPC Editore, Ambiente & Sicurezza sul Lavoro - set/ott 2022,

Il Sistema di gestione degli atti di violenza a danno del personale: dall’analisi del fenomeno alla creazione del DVR specifico

Articolo tratto dalla rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro
settembre/ottobre 2022

Il Servizio Prevenzione e Protezione dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi ha attivato, sin dal 2016, un percorso mirato alla gestione del rischio di atti di violenza a danno del personale.

Articoli in pdf

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore