NORMATIVA
Veicoli fuori uso: modifiche alle norme UE sul divieto di uso del piombo
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Tutela ambientale
Veicoli fuori uso: modifiche alle norme UE sul divieto di uso del piombo Con Direttiva UE 2017/2096 la Commissione apporta alcune modifiche alla direttiva 2000/53/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa ai veicoli fuori uso, sostituendone l'allegato II in cui è contenuto un elenco dei materiali e dei componenti dei veicoli cui non si applica il divieto dell'uso di piombo, mercurio, cadmio e cromo esavalente.
Gli stati avranno tempo fino al 6 giugno 2018 per adeguarvisi.

Le modifiche all'Allegato II della Direttiva 200/53

L'articolo 4, paragrafo 2, lettera a), della direttiva 2000/53/CE contiene il divieto di utilizzo di piombo, mercurio, cadmio e cromo esavalente nei materiali e nei componenti dei veicoli immessi sul mercato dopo il 1 luglio 2003.
L'allegato II della direttiva elenca i materiali e i componenti dei veicoli cui non si applica tale divieto; l'allegato viene però periodicamente modificato così da tener conto del progresso tecnico e scientifico, e così vengono riesaminate anche le esenzioni 2. c), 3 e 5 relative all'uso del piombo.
La Commissione sostiene, sulla base del progresso tecnico e scientifico del settore, che che l'uso del piombo resta inevitabile per i materiali e i componenti interessati dall'esenzione 2 c). Tuttavia, i sostituti del piombo potrebbero essere disponibili prossimamente per alcuni materiali e componenti, pertanto si è ritenuto opportuno scindere l'esenzione 2 c) in due sottovoci con date di riesame diverse, a seconda del progresso nello sviluppo di tali sostituti.
L'uso del piombo resta poi inevitabile per i materiali e i componenti interessati dall'esenzione 3: i sostituti esistono ma devono essere ulteriormente sviluppati, pertanto è opprtuno fissare una nuova data entro cui riesaminare tale esenzione alla luce del progresso tecnico.
Infine, la Commissione ritiene che per taluni materiali e componenti interessati dall'esenzione 5 esistono già le alternative al piombo ma che queste non sono ancora utilizzabili in tutti i veicoli interessati dall'esenzione. Per gli altri materiali e componenti interessati dall'esenzione 5, l'uso di piombo resta inevitabile.
Risulta quindi opportuno dividere anche tale esenzione in due sottovoci: per i materiali e i componenti per i quali esistono alternative, si intende fissare una data di scadenza dell'esenzione che offra il tempo necessario a garantire che l'uso del piombo sia evitabile in tutti i veicoli interessati. Per quanto riguarda l'esenzione relativa ai materiali e ai componenti per i quali l'uso di piombo resta inevitabile, si intendere fissare una nuova data per il riesame, tenendo conto del progresso nello sviluppo dei sostituti.

Riferimenti normativi:
DIRETTIVA (UE) 2017/2096 DELLA COMMISSIONE del 15 novembre 2017
recante modifica dell'allegato II della direttiva 2000/53/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa ai veicoli fuori uso

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: