Norme tecniche per le Costruzioni 2018
TRACCIABILITÀ RIFIUTI
Conversione Milleproroghe: sanzioni SISTRI, rinvio al 1 gennaio 2015
fonte: 
Redazione Insic
area: 
Tutela ambientale
Conversione Milleproroghe: sanzioni SISTRI, rinvio al 1 gennaio 2015 Con la conversione in legge (L. 15 del 27/2/2014) del DL Milleproroghe (DL 30 dicembre 2013, n. 150 -G.U. n.304 del 30/12/2013), si conferma quanto anticipato nei giorni scorsi in materia di SISTRI (a proposito di un emendamento sorto in sede di conversione), ovvero:

-proroga del regime transitorio sino al 31 dicembre 2014: in attesa della piena operatività dovranno essere rispettati i vecchi adempimenti "cartacei" (registri e formulari) e osservate anche le prescrizioni previgenti in materia di registri di carico e scarico e formulari di trasporto e le relative sanzioni
-rinvio delle sanzioni per il SISTRI che si applicheranno dal 1 gennaio 2015.

Nulla cambia invece per i soggetti tenuti ad aderire al Sistema di tracciabilità (come riportato dalla circolare 1/2013 del Ministero dell'Ambiente): ricordiamo infatti che:
-dal 3 marzo 2014 sono tenuti ad aderire al sistema i produttori di rifiuti speciali pericolosi nonché i comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani del territorio della regione Campania.
-già dal 1 ottobre 2013 il SISTRI deve essere osservato
a)dagli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale, compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale;
b) in caso di trasporto intermodale, dai soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali pericolosi in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell'impresa navale o ferroviaria o dell'impresa che effettua il successivo trasporto;
c)dagli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti speciali pericolosi;
d)dai nuovi produttori, che trattano o producono rifiuti pericolosi.

Decreto Milleproroghe convertito: ecco le modifiche

Vediamo nel dettaglio le modifiche apportate dalla Legge 15/2014 al Dl 150/2013 (cd. Decreto Milleproroghe 2013) che impattano su alcuni termini temporali in materia di SISTRI, contenuti nel DL 101/2013 (Decreto sulla razionalizzazione della PA)
L'articolo 3 bis dell'articolo 10 del DL 150/2013, come convertito in legge, modifica il primo periodo del comma 3-bis dell'articolo 11 del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101 che ora così recita:
«3-bis. Fino al 31 dicembre 2014 continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonche' le relative sanzioni. Durante detto periodo, le sanzioni relative al SISTRI di cui agli articoli 260-bis e 260-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, non si applicano. Con il decreto di cui al comma 4, il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare provvede alla modifica e all'integrazione della disciplina degli adempimenti citati e delle sanzioni relativi al SISTRI, anche al fine di assicurare il coordinamento con l'art. 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come modificato dal comma 1 del presente articolo».

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: