SAFEIN
 Tutela Ambientale
 LA SENTENZA
Cessione onerosa di Materiali e qualifica di rifiuto
17 luglio 2018
fonte: 
area: Tutela ambientale
Cessione onerosa di Materiali e qualifica di rifiuto La qualificazione di rifiuto deve essere operata sulla base di elementi di carattere obiettivo, quali la oggettività dei materiali in questione, la loro eterogeneità, le condizioni in cui gli stessi sono detenuti e l'eventuale riferimento alle circostanze nelle quali l'originario produttore se ne era disfatto e alle modalità in cui ciò è avvenuto. È quanto si riporta nella sentenza della Cass. Pen. Sez. III, n. 3299 del 24 gennaio 2018.

Il commento è a cura di A.Quaranta (Environmental Risk and crisis manager).
Sulla Banca Dati Sicuromnia anche il testo completo della sentenza commentata.
Richiedi una settimana di accesso gratuito!.

Il fatto
Con un'ordinanza un Tribunale aveva disposto l'annullamento del sequestro preventivo alcune aree immobiliari di proprietà di una società che svolgeva attività di commercio di beni usati, per lo più acquisiti attraverso cessioni operate dalla CRI, la quale a sua volta riceveva, a titolo gratuito, beni in disuso a lei forniti da strutture pubbliche di vario genere; secondo il Tribunale, infatti, tale materiale non poteva essere qualificato alla stregua di un rifiuto.
Di parere opposto il PM, che proponeva ricorso per Cassazione: nel ricorso, l'organo della pubblica accusa ha rilevato che, una volta rilevata la iniziale volontà dell'originario produttore, di disfarsi di determinati beni, volontà che imprime su di loro la qualificazione dei medesimi alla stregua di rifiuto, incombe sull'eventuale successivo detentore l'onere di provare che la sua condotta è, viceversa, indirizzata verso una forma di riuso produttivo del bene e non semplicemente alla soddisfazione di una esigenza dismissiva degli stessi.

Secondo la Cassazione
La Cassazione, nel ritenere fondato il ricorso, ha ritenuto inaccettabile, secondo i principi generali ormai consolidati, ogni valutazione soggettiva in merito alla natura dei materiali da classificare o meno quali rifiuti, poiché è rifiuto non ciò che non è più di nessuna utilità per il detentore in base ad una sua personale scelta ma, piuttosto, ciò che è qualificabile come tale sulla scorta di dati obiettivi che definiscano la condotta del detentore in relazione a tale bene ovvero sulla scorte di un obbligo al quale lo stesso è comunque tenuto, inerente, appunto, alla necessità di disfarsi del suddetto materiale; la verifica di tale qualificazione deve essere operata sulla base di elementi di carattere obiettivo, quali la oggettività dei materiali in questione, la loro eterogeneità, non rispondente ad alcun ragionevole criterio merceologico, e le condizioni in cui gli stessi sono detenuti nonché con eventuale riferimento alle circostanze nelle quali l'originario produttore se ne era disfatto e alle modalità in cui ciò è avvenuto; a tal fine, pertanto, non rileva che detti materiali siano, almeno in parte, ancora suscettibili di utilizzazione economica attraverso la loro cessione a titolo oneroso, poiché tale evenienza non esclude comunque la loro natura di rifiuto.

Conosci la Banca Dati Sicuromnia?

La banca dati di Salute e Sicurezza, Antincendio, Ambiente contiene tutta l'informazione e l'aggiornamento per i professionisti ed le aziende che devono applicare la normativa in materia di prevenzione e protezione dai rischi

Ti aggiorna quotidianamente sulle norme e sulle sentenze di recente emanazione
Ti supporta nella gestione degli obblighi di legge attraverso le tabelle di adempimento, lo scadenzario, la modulistica e le schede rapide
Ti propone un servizio di analisi e commento attraverso la consultazione degli approfondimenti tratti dalle più importanti pubblicazione di settore
Ti mette a disposizione un esperto che risponde alle tue specifiche esigenze di chiarimento.
Ti offre inoltre un servizio di newsletter mensile che, direttamente sulla tua mail, ti segnala i più recenti contenuti inseriti in banca dati.
.
Richiedi una settimana di accesso gratuito!.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic