Tutela Ambientale
 LA SENTENZA
Cessazione qualifica di rifiuto: i criteri non possono essere stabiliti in autorizzazione
30 luglio 2018
fonte: 
area: Tutela ambientale
Cessazione qualifica di rifiuto: i criteri non possono essere stabiliti in autorizzazione La disciplina della cessazione della qualifica di "rifiuto" è riservata alla normativa comunitaria. Nondimeno questa consente che, in assenza di proprie previsioni, gli Stati membri possano valutare caso per caso tale possibile cessazione, dandone informazione alla Commissione. La stessa Direttiva UE, quindi, non riconosce il potere di valutazione "caso per caso" ad enti e/o organizzazioni interne allo Stato, ma solo allo Stato medesimo, posto che la predetta valutazione non può che intervenire, ragionevolmente, se non con riferimento all'intero territorio di uno Stato membro.

È quanto stabilisce il Consiglio di Stato, Sez. IV, nella sentenza n. 1229 del 28.02.2018, citata anche dalle Regioni, durante l'incontro con il ministro Costa: una sentenza che, stabilendo un precedente ha statuito che i criteri per la cessazione di qualifica di rifiuto "caso per caso" non possono essere definiti dalle Regioni.


Il commento è a cura di S. Casarrubia, tratto dalla rubrica "Rassegna della Giurisprudenza" su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro.
Il testo della sentenza è disponibile sulla nostra Banca Dati Sicuromnia
Richiedi una settimana di accesso gratuito!

Il Caso
Il gestore di un impianto è autorizzato ad attività di stoccaggio e di R12 di rifiuti costituiti da pannolini, pannoloni ed assorbenti igienici, per cui le due frazioni recuperate dal processo di sanificazione (frazione composta di cellulosa in fiocchi e frazione composta di plastica in foglia) continuavano ad essere classificate come rifiuti. Presenta domanda di modifica dell'autorizzazione al fine di ottenere la classificazione delle frazioni riciclabili, recuperate attraverso il processo di trattamento, come materie prime secondarie.
La Regione nega l'autorizzazione, ma il T.A.R. accoglie il ricorso del gestore in quanto, sebbene per il caso specifico non sussista una previsione comunitaria o nazionale sui criteri di cessazione della qualifica, ai sensi dell'art. 184 ter del T.U. Amb., spetta all'ente compente al rilascio dell'autorizzazione il potere e il dovere di valutare, in via residuale, se ricorrano le condizione per la cessazione della qualifica e di precisarli nel provvedimento (cfr. circolare Ministero dell'Ambiente 1.07.2016).

Secondo il Consiglio di Stato
Il Consiglio di Stato, in sede di appello, riforma la sentenza di primo grado esprimendo il principio in massima, riservando, pertanto, solo alla normativa comunitaria ovvero a quella secondaria dettata dal Ministero dell'Ambiente la possibilità di esprimere i criteri per la cessazione della qualifica del rifiuto.

Conosci la Banca Dati Sicuromnia?

La banca dati di Salute e Sicurezza, Antincendio, Ambiente contiene tutta l'informazione e l'aggiornamento per i professionisti ed le aziende che devono applicare la normativa in materia di prevenzione e protezione dai rischi

Ti aggiorna quotidianamente sulle norme e sulle sentenze di recente emanazione
Ti supporta nella gestione degli obblighi di legge attraverso le tabelle di adempimento, lo scadenzario, la modulistica e le schede rapide
Ti offre un'occasione di analisi e commento attraverso la consultazione degli approfondimenti tratti dalle più importanti pubblicazione di settore
Ti mette a disposizione un esperto che risponde alle tue specifiche esigenze di chiarimento.
Ti offre inoltre un servizio di newsletter mensile che, direttamente sulla tua mail, ti segnala i più recenti contenuti inseriti in banca dati.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!