SAFEIN
 Salute e Sicurezza
 INTERPELLO
Avvicendamento medici competenti: a chi spetta la comunicazione dei dati di rischio
18 dicembre 2019
fonte: 
area: Salute e sicurezza sul lavoro
Avvicendamento medici competenti: a chi spetta la comunicazione dei dati di rischio La Commissione interpelli risponde con l'Interpello n.8/2019 del 2/12/2019 alla Associazione sindacale CIMO (Sindacato dei medici) che pone due diversi quesiti circa l'eventualità di un avvicendamento di medici competenti: in primo luogo si chiede a quale medico (uscente o entrante spetti la comunicazione obbligatoria dei dati aggregati e di rischio dei lavoratori (articolo 40 del decreto legislativo 81/2008) e, in secondo luogo, se l'invio dei dati debba essere effettuato anche qualora nell'anno precedente non sia stata svolta alcuna attività di sorveglianza sanitaria.

Interpello n.8/2019: la Commissione Interpelli su comunicazione dati di medici in avvicendamento

Quanto alla domanda circa quale dei medici in avvicendamento sia destinatario degli obblighi di comunicazione dei dati, la Commissione interpelli rileva che l'articolo 40 del Testo Unico di Sicurezza non disciplina il caso specifico dell'avvicendamento ai fini della trasmissione delle informazioni relative ai dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria, ma sul punto l'INAIL ha indicato che: "L'obbligo sussiste in capo al medico competente risultante in attività allo scadere dell'anno interessato dalla raccolta delle informazioni, che devono essere trasmesse entro il trimestre dell'anno successivo".

Interpello n.8/2019: la Commissione Interpelli su comunicazione in caso di assenza di visite

Quanto al quesito circa chi debba inviare i dati qualora nell'anno precedente non sia stata svolta alcuna attività di sorveglianza sanitaria, la Commissione sostiene che l'obbligo permane anche nel caso in cui non sia stata effettuata sorveglianza sanitaria nell'anno di riferimento, tenuto conto che il modello 3B prevede l'inserimento di ulteriori informazioni anche di carattere più generale. E richiama l'INAIL che evidenzia: «Dal momento che l'art. 40 prescrive l'invio delle informazioni relative ai dati collettivi aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria nell'anno, dovendosi intendere per sorveglianza sanitaria "l'insieme degli atti medici finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori in relazione all'ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell'attività lavorativa" anche nel caso di non effettuazione di visite mediche nell'anno, vige l'obbligo di invio dei dati inerenti l'esposizione ai rischi lavorativi specifici».

INTERPELLO del 02/12/2019 - n. 8 / 2019

Istanza: Art. 12, d.lgs. n. 81/2008 - risposta da interpello -Medico comp. -comunicazione delle informazioni ex art. 40, c. 1-avvicendamento nel corso dell'anno -obbligo trasmissione informazioni-mancanza sorveglianza anno prec.-seduta della Commissione 2.12.2019
Destinatario: Associazione sindacale CIMO

Per approfondire sul Medico competente...

In uscita il 9 gennaio 2019 il Volume EPC: "Il medico competente. Guida pratica alla professione"
Una guida pensata per aiutare il medico competente a sviluppare la professione "secondo i principi della medicina del lavoro" e a orientarsi nelle norme che ne regolano, in Italia, figura e ruolo.
La guida si compone di due parti: la prima illustra le funzioni del medico competente, la seconda l'approccio ai rischi specifici (ivi compresi quelli non ancora inclusi nelle leggi attuali). Completano il volume informazioni utili per il lavoro di tutti i giorni: il riferimento agli enti, le società scientifiche e professionali, le riviste scientifiche ove attingere gli aggiornamenti in tempo reale e una raccolta delle norme e di modulistica facilmente adattabile alle esigenze di ciascuno, dopo l'opportuno download.

Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic