PACCHETTO ECONOMIA CIRCOLARE
Veicoli fuori uso, Pile e RAEE: modifiche alle direttive UE in materia
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Tutela ambientale
Veicoli fuori uso, Pile e RAEE: modifiche alle direttive UE in materia Con direttiva del 30 maggio 2018, n. 2018/849 del Parlamento e del Consiglio viene apportata modifica alle direttive 2000/53/ce relativa ai veicoli fuori uso, 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori e 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.
Fa parte del Pacchetto normativo dell'Economia Circolare, che comprende quattro direttive: Dir. 2018/849, Dir. 2018/850, Dir. 2018/581 e Dir. 2018/852 su rifiuti, RAEE, pile e discariche (in GUUE L 150, 14 giugno 2018). Entrano in vigore il 4 luglio 2018 e dovranno essere recepite dagli Stati membri entro il 5 luglio 2020.


La Direttiva 2018/849 nelle intenzioni dei proponenti dovrebbe ridurre gli oneri regolamentari per enti o imprese di piccole dimensioni portando ad una semplificazione degli obblighi di autorizzazione e di registrazione a loro imposti.
Fra le semplificazioni: vengono soppresse le disposizioni che obbligano gli Stati membri a presentare (ogni tre anni) le relazioni sullo stato di attuazione: la verifica della conformità dovrebbe essere basata solo sui dati che gli Stati membri comunicano ogni anno alla Commissione.
Il Parlamento e Consiglio ritengono poi opportuno migliorare la qualità, l'affidabilità e la comparabilità dei dati, introducendo un punto di ingresso unico per tutti i dati relativi ai rifiuti, sopprimendo obblighi obsoleti in materia di comunicazione, mettendo a confronto i metodi nazionali di comunicazione e introducendo una relazione di controllo della qualità dei dati.
Quanto alla direttiva 2008/98/CE, le modifiche riguardano la garanzia del rispetto della gerarchia dei rifiuti da parte degli Stati membri in materia di prevenzione e gestione dei rifiuti stessi.

Quanto alle direttive 2000/53/CE, 2006/66/CE e 2012/19/UE, le modifiche riguardano la definizione di obiettivi per materiali specifici contenuti nei flussi di rifiuti pertinenti; in particolare per la direttiva 2000/53/CE si prende in considerazione il problema dei veicoli fuori uso non contabilizzati, comprese le spedizioni di veicoli usati sospettati di essere veicoli fuori uso. Per la direttiva 2006/66/CE, si dovrebbe inoltre tenere in considerazione l'evoluzione tecnica di nuovi tipi di batterie che non utilizzano sostanze pericolose.
Nei Considerando si specifica ulteriormente che la Commissione viene chiamata a intervenire sulla base del principio di sussidiarietà per migliorare la gestione dei rifiuti nell'Unione visto che la tutela e il miglioramento della qualità dell'ambiente e l'utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali, non possono essere conseguiti in misura sufficiente dagli Stati membri e pertanto si garantisce alla Comkissione tale possibilità modificando i testi delle direttive 2000/53/CE, 2006/66/CE e 2012/19/UE.

Riferimenti normativi:
Direttiva (UE) 2018/849 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che modifica le direttive 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso, 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori e 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche
(GU L 150 del 14.6.2018).

Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: