SafetyExpo 2018
MONDO CHEMICALS
Revisione REACH: via libera dalla Commissione Europea
fonte: 
Redazione InSic.it
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Revisione REACH: via libera dalla Commissione Europea La Commissione europea con una Relazione generale sul funzionamento del regolamento REACH ha imposto anche un riesame del Sistema alla luce del successo, comunque riconosciuto dalla normativa sui chemicals, che in dieci anni ha migliorato sensibilmente la protezione della salute umana e dell'ambiente e ha promosso alternative alla sperimentazione animale.
Ecco cosa si vuole migliorare e le aspettative dell'Agenzia europea per le sostanze chimiche, coinvolta in questa importante revisione.

L'annuncio arriva proprio in prossimità dell'importante scadenza del 31 maggio 2018 in cui scadranno i termini per la registrazione al REACH delle sostanze da parte di tutte le imprese che producono o importano sostanze chimiche nei paesi dell'Unione Europea.

La revisione 2 del REACH: obiettivi e finalità
Per tutelare ancora meglio i consumatori, i lavoratori e l'ambiente, la Commissione europea propone diverse misure concrete per migliorare l'attuazione della normativa REACH. Queste misure sono volte a
migliorare la qualità dei fascicoli di registrazione presentati dalle imprese,
semplificare il processo generale di autorizzazione e
garantire condizioni di parità tra le imprese dell'UE e quelle di paesi terzi.
La Commissione intende continuare a sostenere le PMI nel loro sforzo di conformarsi alla normativa e di rafforzare l'applicazione di quest'ultima da parte delle autorità nazionali.
Inoltre, auspica di aumentare la coerenza del regolamento REACH con la normativa in materia di tutela dei lavoratori e sui rifiuti.
La Commissione discuterà i risultati e le azioni di follow-up del secondo riesame del REACH con il Parlamento europeo, gli Stati membri e le parti interessate nel quadro di una conferenza pubblica prevista per il mese di giugno 2018.

REACH cosa migliorare
La seconda revisione REACH ha individuato una serie di settori che potrebbero essere ulteriormente semplificati, compresi i requisiti informativi, le schede di dati di sicurezza estese, la procedura di autorizzazione e i requisiti per le sostanze nei prodotti. La Commissione propone di:
• Migliorare la conformità dei fascicoli di registrazione: le lacune dei dati nei fascicoli di registrazione devono essere affrontate attraverso una migliore conformità e procedure di valutazione.
Semplificare il processo di autorizzazione: l'autorizzazione è ancora un processo relativamente nuovo in ambito REACH che ha affrontato le sfide in quanto è diventato operativo e deve diventare più facile e prevedibile per le imprese.
• Garantire parità di condizioni tra le società UE e non-UE: i produttori dell'UE sono svantaggiati rispetto alle società non UE quando producono prodotti contenenti sostanze di grande preoccupazione (SVHC) che sono soggette ad autorizzazione. La Commissione sta esaminando i modi per affrontare questo svantaggio.
• Rafforzare l'applicazione da parte delle autorità nazionali, compresi i controlli delle importazioni da parte delle autorità doganali.
• Garantire la coerenza chiarendo l'interfaccia tra REACH e la legislazione sulla protezione dei lavoratori (SSL) nonché la legislazione sui rifiuti.
• Sostenere la conformità delle PMI: ci sono preoccupazioni circa la vulnerabilità delle PMI. La Commissione chiede all'ECHA e agli Stati membri di intensificare i loro sforzi per sviluppare strumenti di orientamento e di sostegno mirati alle PMI per aiutarli a rispettare il requisito REACH.

Le aspettative dell'ECHA
Il secondo esame REACH della Commissione europea afferma ECHA, parte dal presupposto che il regolamento REACH dopo 10 anni di applicazione è ancora del tutto efficace, ma, comunque, c'è ancora spazio per miglioramenti per rendere la legislazione più efficiente, in particolare per i processi di valutazione, restrizione e autorizzazione.
L'Agenzia sottolinea le sfide che REACH deve affrontare, fra i quali, in particolare, l'alto tasso di non conformità dei fascicoli di registrazione che deve essere migliorato. Secondo Bjorn Hansen, direttore esecutivo dell'ECHA "la revisione ci fornisce informazioni utili su dove noi - l'ECHA, la Commissione, gli Stati membri e l'industria - dobbiamo migliorare. Stiamo già lavorando su molte delle aree identificate nella relazione. L'input della revisione arriva in un momento positivo poiché stiamo modellando la nostra strategia futura. Attendiamo con impazienza i nuovi compiti e le opportunità di utilizzare la nostra competenza nella gestione delle sostanze chimiche in futuro. "
Per quanto riguarda il futuro ruolo dell'ECHA, la Commissione si aspetta che l'Agenzia diventi un centro di riferimento europeo e globale per la gestione sostenibile delle sostanze chimiche, in grado di attuare altri atti legislativi dell'UE. La relazione sottolinea inoltre la necessità di una stabilità finanziaria a lungo termine per l'ECHA dopo la riduzione delle entrate delle tasse di registrazione.

La Storia del REACH
Il regolamento REACH riguarda la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche a livello europeo. È entrato in vigore nel 2007, quando ha sostituito il precedente quadro legislativo per le sostanze chimiche nell'UE, che era stato adottato tra la fine degli anni '60 e gli anni '70. Il REACH si applica a pressoché tutte le sostanze chimiche.
In linea con il principio "chi inquina paga", il REACH ha spostato l'onere della prova sull'industria, rendendola responsabile della sicurezza delle sostanze chimiche lungo la catena di approvvigionamento. Le imprese devono individuare e gestire i rischi legati alle sostanze chimiche e dimostrare in che modo sia possibile utilizzare tali sostanze in sicurezza. Ciò richiede nuove forme di cooperazione tra le imprese, un miglioramento della comunicazione lungo la catena di approvvigionamento e lo sviluppo di strumenti per guidare e assistere le imprese e le autorità pubbliche nell'attuazione del regolamento.
La procedura di registrazione ha avuto inizio nel 2009, e il primo termine per la registrazione era fissato al 2010. La fase di preregistrazione (indispensabile per poter registrare le sostanze esistenti entro i termini scaglionati) ha avuto luogo nel 2008. La data del 31 maggio 2018 è fissata come termine ultimo entro cui le imprese possono registrare le sostanze chimiche che producono, importano o immettono sul mercato dell'UE in quantità superiori a una tonnellata l'anno. Questa relazione rappresenta il secondo riesame del REACH.
Da quando è stata istituita, nel 2007, l'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) ricopre un ruolo fondamentale nell'attuazione di tutte le procedure REACH. L'ECHA ospita la più grande banca dati sulle sostanze chimiche al mondo e consente il facile accesso online ai dati relativi alla sicurezza chimica. L'ECHA partecipa inoltre all'attuazione di altre normative dell'UE riguardanti le sostanze chimiche ed è destinata a diventare un riferimento per la gestione sostenibile delle sostanze chimiche.

Per saperne di più:
Sulla valutazione del rischio chimico, EPC Editore propone
PROGETTO SICUREZZA LAVORO: modulo A.R.Chi.Me.D.E.
Il software per la valutazione del rischio chimico e cancerogeno-mutageno
D'Orsi FulvioGuerriero GiacomoPietrantonio Eva
Edizione: aggiornamenti/assistenza gratuiti fino a 31/12/18
Formato: In download

Per maggiori informazioni  
consulta il sito europa.eu 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: