SIEMENS
 Salute e Sicurezza
 DAL SAFETY EXPO
Nuovo Regolamento Europeo 2016/425 sui DPI: questa volta le cose cambiano davvero
30/10/2018
fonte: 
area: Salute e sicurezza sul lavoro
Nuovo Regolamento Europeo 2016/425 sui DPI: questa volta le cose cambiano davvero Assosistema Safety ha partecipato all'edizione 2018 del Forum Sicurezza sul Lavoro, che si è svolta all'interno del Safety Expo a Bergamo lo scorso 20 e 21 settembre.
Un appuntamento di riferimento in Italia per l'Associazione che quest'anno ha raggiunto quota 20 aziende associate espositrici all'interno dell'area collettiva di Assosistema Safety e per l'occasione ha organizzato il convegno: "Nuovo Regolamento Europeo 2016/425 sui DPI: questa volta le cose cambiano davvero. L'impatto sul mercato e gli scenari futuri per il settore della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro".
Sono intervenuti: Moderatore Andrea Pancani (Vice Direttore TGLa7), Dott. Filippo Tommaso (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli); Dr. Henk Vanhoutte (ESF); Dr. Renaud Derbin
(Synamap)

"Come per le passate edizioni del Forum - ha commentato Cesare Lucca, Presidente di Assosistema Safety - anche quest'anno abbiamo organizzato un momento di approfondimento dei temi che stanno a cuore all'Associazione e sui quali stiamo convogliando i nostri sforzi e il nostro lavoro.
Il convegno del 20 settembre 2018 "Nuovo Regolamento Europeo 2016/425 sui DPI: questa volta le cose cambiano davvero. L'impatto sul mercato e gli scenari futuri per il settore della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro", ha analizzato, infatti, i cambiamenti portati dal nuovo Regolamento approfondendone vari aspetti, con la collaborazione di alcuni dei relatori delle scorse edizioni ma anche con l'inserimento di nuovi provenienti dal mondo istituzionale italiano ed europeo.
Il convegno, moderato dal giornalista di La7 Andrea Pancani, ha confermato il successo delle scorse edizioni, registrando circa 300 partecipanti e molte domande dal pubblico.
Quest'anno abbiamo, infatti, optato per una moderazione più interattiva dell'evento che ha consentito una maggiore partecipazione e maggior coinvolgimento degli spettatori, oltre a un taglio più internazionale, grazie alla partecipazione di ESF ma anche dell'Associazione francese, Synamap".

I temi affrontati
Il convegno è cominciato con la presentazione di Filippo Tommaso, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che ha spiegato il ruolo dell'Agenzia nell'attività di vigilanza dei prodotti alle frontiere. "Il nostro approccio nel settore della sicurezza dei Dispositivi di protezione individuale ha lo scopo di realizzare un sistema di controlli veloce, efficace ed efficiente, dove è fondamentale la collaborazione tra soggetti privati e pubblici.
La nostra strategia si fonda su tre cardini: l'informazione; la formazione e l'azione. Nell'ambito del Memorandum siglato nel 2016 con Assosistema Confindustria abbiamo organizzato molti eventi formativi e informativi dedicati agli addetti ai controlli proprio per fornire esempi pratici con dei relatori molto competenti e preparati.
Ho notato con piacere che l'interesse ai corsi è stato molto elevato. Nel corso di quest'anno, inoltre, con Assosistema abbiamo rafforzato la cooperazione, individuato i punti di ingresso critici e definito delle check list, le schede utili al funzionario doganale per svolgere il proprio lavoro. Continueremo nella nostra futura collaborazione per aumentare la consapevolezza e conoscenza della sicurezza sui prodotti e tenere alto il livello dei controlli".

A seguire, Henk Vanhoutte, ESF (European Safety Federation, ha spiegato che il Regolamento 2016/425 è entrato in vigore il 20 aprile 2016 e viene applicato dal 21 aprile 2018.
Per l'anno successivo, tuttavia, la nuova normativa coesisterà con la Direttiva 89/686 che verrà definitivamente abrogata il 21 aprile 2019: "Ciò vuol dire che durante questo anno di transizione, le aziende potranno immettere sul mercato indistintamente prodotti conformi alla Direttiva o conformi al Regolamento.
Per immissione sul mercato va intesa la prima messa a disposizione del DPI sul mercato Europeo. Dopo questo primo anno, i DPI dovranno essere immessi solamente se conformi al Regolamento. La classificazione della nuova normativa è basata non più sul prodotto, ma sul rischio; nel caso un DPI protegga da più di un rischio rientrerà nella categoria corrispondente al pericolo più "alto" che può prevenire.
L'introduzione della nuova normativa, inoltre, comporterà anche un cambiamento di categoria per alcune tipologie di prodotti; è il caso, ad esempio, dei Dispositivi di protezione contro il rumore nocivo, che nella nuova classificazione rientrano nella categoria III.
Importante è anche il certificato UE del tipo, che, con l'ingresso del Regolamento, avrà durata non superiore ai cinque anni".

Ultimo intervento è stato quello di Renaud Derbin, Synamap, l'Associazione francese di riferimento, che si è concentrato sul mercato europeo e l'impatto del nuovo Regolamento su di esso. "Il settore dei DPI e della sicurezza sul lavoro in Francia è caratterizzato da uno spirito dinamico, con grandi distributori e produttori, piccole e medie imprese ed è un mercato in crescita. Sono stati fatti degli importanti passi avanti in termine di collaborazione tra paesi europei, ma c'è ancora molto lavoro da fare.
Per quanto riguarda l'impatto del nuovo Regolamento sui DPI in Francia devo dire che la nuova entrata in vigore ha suscitato una serie di dubbi e domande, ad esempio, sulla validità della certificazione che avrà probabilmente un impatto in termini economici.
La nostra preoccupazione è che il nuovo Regolamento possa favorire i grandi operatori economici a discapito di quelli più piccoli che non trovano conveniente la ri-certificazione. E questa di favorire i grandi operatori è una tendenza dell'Unione Europea.
Concludendo, vorrei ricordare che è importante per gli operatori del nostro settore essere attivi a livello nazionale ed internazionale perché così facendo, si evitano blocchi e rallentamenti nell'attività produttiva, che possono avere conseguenze sull'intera filiera fino agli utenti finali".


----------------------------
CHI È ASSOSISTEMA SAFETY

ASSOSISTEMA rappresenta le imprese di produzione, distribuzione, manutenzione dei dispositivi di protezione individuali e collettivi e di servizi di sanificazione e sterilizzazione dei dispositivi tessili e medici utilizzati in ospedali, case di cura, cliniche private, hotel, ristoranti, industrie e ambienti confinati.
Suoi obiettivi statutari sono la protezione, la diffusione e il miglioramento dell'attività del settore, nonché la tutela e il coordinamento delle istanze e degli interessi degli Associati.
Socio diretto di Confindustria, ASSOSISTEMA a livello europeo, aderisce all'ETSA (European Textile Services Association) e all'ESF (European Safety Federation).

Assosistema Safety
Produzione e distribuzione di Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) e Collettivi (DPC) e di Sistemi di Sicurezza sul lavoro; Fornitura, noleggio, ricondizionamento, mantenimento in stato di efficienza dei Dispositivi di Protezione Individuale e collettivi.
I principali mercati di sbocco di queste imprese sono il sanitario, l'industria, il commercio, l'agricoltura, l'edilizia, i servizi, la logistica, le forze armate, i Vigili del Fuoco e gli ambienti confinati.
----------------------------

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.safetyexpo.it 
oppure scrivi a info@safetyexpo.it  
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic