DAI VIGILI DEL FUOCO
Disastri in mare: a La Spezia l'esercitazione internazionale di SAR acquatico
fonte: 
Vigili del Fuoco
area: 
Prevenzione incendi
Disastri in mare: a La Spezia l'esercitazione internazionale di SAR acquatico L'esercitazione che si è svolta dall'1 al 5 novembre, presso la base navale "Teseo Tesei" del Gruppo Operativo Palombari della Marina Militare (COMSUBIN), fa parte del progetto europeo JFWEDROP(Joint Force Water Environment Disaster Relief Operation Platform), avviato nel 2013 dal Dipartimento di Protezione Civile Italia dopo il naufragio Costa Concordia, per creare, nel contesto europeo, un modulo operativo di ricerca e recupero di dispersi nei grandi disastri in mare. Coinvolte le organizzazioni di protezione civile dei paesi partner Italia, Regno Unito, Svezia ed Olanda.

In rappresentanza per l'Italia i palombari del GOS Marina Militare, i sommozzatori dei Carabinieri e della Guardia Costiera, i sommozzatori e i SAF (Speleo Alpino Fluviale) dei Vigili del Fuoco e del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico.
Il modulo prevede tre livelli di configurazione operativa:
1. intelligence team con sommozzatori in assetto scuba
2. sommozzatori in assetto palombaro leggero
3. SAF

Nella prima fase dell'esercitazione "table top", sono stati ipotizzati quattro scenari emergenziali (naufragio nave passeggeri, naufragio nave traghetto, naufragio nave porta container, crollo della torre di controllo portuale) analizzati dalle squadre di intelligence.
Nella seconda fase "full scale" le squadre hanno operato in cinque differenti postazioni (a simulazione di altrettanti scenari realisticamente affrontati nell'emergenza Costa Concordia), effettuando tecniche e manovre congiunte tra SAF e sommozzatori dei paesi partner.
L'esercitazione è servita alla verifica delle linee guide operative, già elaborate nei precedenti workshop svolti a Roma, Karlscrona (Svezia), Maidstone (UK), alla presenza di osservatori della Commissione europea.

I team dei vigili del fuoco sono intervenuti a tutti i livelli dell'esercitazione con la presenza di personale VF nelle fasi strategiche, tattiche ed operative secondo il protocollo previsto dal meccanismo europeo di protezione civile.
L'esercitazione è stata l'occasione per attuare sinergie anche tra gli enti civili e militari italiani confermando il modello di soccorso messo in campo nell'emergenza Costa Concordia.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.vigilfuoco.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS