Norme tecniche per le Costruzioni 2018
DAL MISE
Strategia energetica nazionale: consultazione nazionale prorogata al 12 settembre
fonte: 
Redazione InSic.it
area: 
Edilizia
Strategia energetica nazionale: consultazione nazionale prorogata al 12 settembre AGGIORNAMENTO
Il Ministero dello Sviluppo economico annuncia la proroga al 12 settembre 2017 della Consultazione sulla Strategia energetica nazionale (SEN) di cui era stata diffusa una bozza!
Dal 12 giugno, è possibile inviare commenti, segnalazioni e proposte - sui siti www.mise.gov.it e www.minambiente.it - che saranno valutate per la predisposizione del documento finale.

Il prolungamento del termine consentirà maggior tempo per inviare commenti e presentare osservazioni che saranno analizzate congiuntamente dai due Ministeri per giungere all'approvazione definitiva della Strategia.

Gli obiettivi della Strategia energetica nazionale

Nel messaggio congiunto dei ministri dell'Ambiente e dello Sviluppo economico Galletti e Calenda si leggono gli obiettivi: aumentare la competitività del Paese allineando i prezzi energetici a quelli europei, migliorare la sicurezza dell'approvvigionamento e della fornitura, decarbonizzare il sistema energetico in linea con gli obiettivi di lungo termine dell'Accordo di Parigi, definito dal Ministro dell'Ambiente come ormai "irreversibile".
"I progressi tecnologici compiuti sulle fonti rinnovabili, sui mezzi di trasporto, sui sistemi di accumulo, sull'efficienza energetica, sulle tecnologia della comunicazione offrono una rinnovata possibilità di risolvere il conflitto tra prezzi concorrenziali dell'energia e sostegno alla decarbonizzazione", scrivono i Ministri.Per tale ragione questa strategia intende accettare pienamente questa sfida, confermando un ruolo di leadership dell'Italia e dando al Paese obiettivi al 2030 che in alcuni casi sono ancor più sfidanti di quelli europei.
La strategia energetica rappresenta, infatti, un tassello importante per l'attuazione della più ampia Strategia Nazionale per lo sviluppo sostenibile, contribuendo in particolare all'obiettivo della de-carbonizzazione dell'economia e della lotta ai cambiamenti climatici.

Italia e mercato dell'energia: a che punto siamo?

Sebbene, dunque, le analisi di scenario eseguite a supporto di questa proposta di strategia evidenziano che l'Italia rispetterebbe gli impegni europei al 2030 con una quota di rinnovabili del 24%, riteniamo che si possa e si debba andare oltre e abbiamo indicato per le rinnovabili un obiettivo minimo del 27%, che si tradurrà, per il settore elettrico, nella copertura di almeno la metà del consumo con fonti rinnovabili.
E, sempre nel settore elettrico, riteniamo anche possibile rafforzare l'impegno nazionale per la decarbonizzazione, definendo e avviando rapidamente gli interventi che consentiranno di azzerare l'utilizzo del carbone nel settore elettrico al massimo entro il 2030.

Tecnologie verdi e costi contenuti: possibile?

La domanda ricorre nel messaggio congiunto: "gli obiettivi che stiamo proponendo mettono il settore elettrico alla prova di un vero e proprio cambio di paradigma: garantire sicurezza e flessibilità a un sistema nel quale la quota di rinnovabili potrà diventare preponderante, e che, al contempo, vedrà da un lato crescere le configurazioni di generazione distribuita ed elaborare nuovi assetti, come le comunità locali dell'energia, e dall'altro aumentare l'interconnessione coi sistemi europei e sovranazionali".

Il ruolo del Gas e del petrolio in Italia

In questo quadro, il gas dovrà svolgere un ruolo essenziale per la transizione, nella generazione elettrica, nella fornitura di servizi al mercato elettrico e negli altri usi, tra cui il GNL nei trasporti pesanti e marittimi. Perdurando un contesto geopolitico complesso, per salvaguardare la sicurezza degli approvvigionamenti saranno quindi messi in campo interventi per diversificare le rotte di provenienza, ed eliminare il gap di costo con gli altri Paesi europei.Dovrà proseguire il percorso di razionalizzazione del settore downstream petrolifero, andando verso le bioraffinerie e l'uso di biocarburanti sostenibili al posto di quelli derivanti dal petrolio, in particolare sviluppando le filiere nazionali del biometano e l'economia circolare.L'Efficienza energeticaEssenziale sarà il ruolo dell'efficienza energetica, in grado di cogliere contemporaneamente i tre obiettivi e di contenere la spesa energetica di famiglie e imprese, così come andranno rivisti gli strumenti di funzionamento dei mercati energetici per aumentarne la competitività e renderli idonei a rispondere alle esigenze delle diverse categorie di consumatori, dalle famiglie in disagio sociale alle imprese energivore chiamate a competere sui mercati internazionali.Coinvolgimento di altri organi istituzionaliIn uno degli ultimi passaggi i due ministri estendono la collaborazione sui temi energetici anche ad altri ministeri e a tutti gli organi istituzionali competenti, le imprese, gli esperti e i cittadini. "In quest'ottica, già in fase preliminare sono state consultate le Regioni e svolte due audizioni parlamentari per condividere l'inquadramento della struttura e le tematiche di consultazione".Molte delle misure proposte, se condivise al termine della consultazione, comporteranno un ruolo centrale delle Autorità di regolazione e controllo del settore energetico e della tutela della concorrenza, che nell'ambito delle prerogative di indipendenza assegnate loro dalla legge dovranno svolgere anche compiti di raccordo a livello sovranazionale.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.sviluppoeconomico.gov.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: