SafetyExpo 2018
IN GAZZETTA
Eventi sismici: in vigore l'Ordinanza n.13/2017 su riparazione,ripristino e ricostruzione
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia - http://sicuromnia.epc.it
area: 
Edilizia
Eventi sismici: in vigore l'Ordinanza n.13/2017 su riparazione,ripristino e ricostruzione In Gazzetta, l'Ordinanza del Commissario di Governo per la ricostruzione dei territori colpiti dal Sisma del 24 agosto n.13 del 9 gennaio 2017, che indica le misure per la riparazione, il ripristino e la ricostruzione degli immobili ad uso produttivo distrutti o danneggiati dagli eventi sismici del 24 agosto e del 26 e 30 ottobre 2016, nonché le misure di compensazione dei danni a scorte, beni mobili strumentali e prodotti di attività economiche e produttive determinati dai medesimi eventi.
L'ordinanza entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sul sito istituzionale della Struttura commissariale www.sisma2016.gov.it, registrata in data 10 gennaio.

Destinatari
Possono beneficiare dei contributi
le imprese appartenenti a tutti i settori (industriali, dei servizi, commerciali, artigianali, turistiche, agricole, agrituristiche, zootecniche), attive alla data del sisma ed ubicate in edifici distrutti o che hanno subito danni gravi, dichiarati inagibili con ordinanza sindacale e che ai sensi dell'art. 5, comma 1, lettera b), del decreto-legge n. 189 del 2016 devono eseguire interventi di miglioramento sismico o di ricostruzione. Possono beneficiare dei contributi anche le imprese che optano per la delocalizzazione definitiva mediante l'acquisto di edifici esistenti agibili nello stesso comune.
- i proprietari o conduttori di unità immobiliari a uso produttivo ubicate negli edifici nonché i soggetti che abbiano acquisito tramite leasing le predette unità immobiliari.
-i proprietari ovvero i locatari o coloro che, per legge o per contratto o in base ad altro titolo giuridico, siano obbligati a sostenere le spese per la manutenzione straordinaria di unità immobiliari ad uso abitativo che si trovino all'interno di un edificio principale a destinazione industriale o produttiva, limitatamente agli interventi sulle parti comuni dell'edificio
- Tutti i beneficiari devono possedere, al momento dell'evento sismico, i requisiti di ammissibilità elencati nell'Allegato 1 all'ordinanza.
All'art.19 si definiscono invece gli obblighi dei beneficiari, le sue vicende soggettive (art.20) ed i controlli su costoro: procedure e modalita' per l'effettuazione dei controlli successivi all'erogazione dei contributi, nonche' le sanzioni applicabili in caso di omissioni o inadempimenti, saranno disciplinate con successiva ordinanza del Commissario straordinario.

Tipologia di interventi
Ai sensi dell'art.2 possono essere concessi contributi finalizzati alla ripresa e alla piena funzionalità dell'attività produttiva in tutte le componenti fisse e mobili strumentali e al recupero a fini produttivi degli immobili danneggiati o distrutti, in particolare per
a) il ripristino con miglioramento sismico di interi edifici gravemente danneggiati e la ricostruzione di edifici distrutti, al fine di ristabilirne la piena funzionalità per l'attività delle imprese in essi stabilite;
b) la riparazione e l'acquisto dei beni mobili strumentali danneggiati o distrutti, compresi impianti e macchinari;
c) il ristoro dei danni economici subiti da scorte e prodotti giacenti in corso di maturazione ovvero di stoccaggio, ai sensi delle lettere b) e c) del comma 2 dell'art. 5 del decreto-legge n. 189 del 2016;
d) l'acquisto di interi immobili ove delocalizzare definitivamente l'attività produttiva.

Determinazione dei costi ammissibili a contributo
In base all'art.3 il contributo è determinato sulla base del confronto tra il costo dell'intervento ed il costo convenzionale individuato secondo i parametri indicati nelle Tabelle di cui all'Allegato 2. L' Entità e le tipologie di contributo concedibile sono regolate all'art.14.
Il costo dell'intervento comprende i costi sostenuti per le opere di pronto intervento e di messa in sicurezza, per le indagini e le prove di laboratorio comprese quelle geognostiche e geofisiche prescritte al punto 9 della Tabella 7 dell'Allegato 2 nel caso di ricostruzione, per le opere di miglioramento sismico o di ricostruzione e quelle relative alle finiture connesse agli interventi sulle strutture e sulle parti comuni ai sensi dell'art. 1117 del codice civile, per gli impianti e per le opere di efficientamento energetico nonché le spese tecniche. Il costo dell'intervento può includere, qualora comprese nel progetto esecutivo e previste nel contratto di appalto, le spese per l'esecuzione, da parte dell'impresa affidataria, di lavori in economia, ai sensi dell'art. 179 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207, limitate alle lavorazioni che non danno luogo a valutazioni a misura e non possono essere rappresentate da prezzi in elenco, comunque per un importo non superiore al 2% del costo dei lavori contabilizzati a misura.
I contributi indicati nell'ordinanza sono cumulabili (art.22) con altri aiuti di Stato o con aiuti in regime de minimis, per gli stessi costi ammissibili, nei limiti di cui agli articoli 8 e 50 del regolamento (UE) del 17 giugno 2014 n. 651/2014 e degli articoli 8 e 30 del regolamento (UE) del 25 giugno 2014 n. 702/2014.
L'art. 23 indica i casi di Esclusione dai contributi, revoca.

Tipologie di contributi e domande di accesso
L'Ordinanza definisce poi come comportarsi per i contributi destinati ad Edifici condotti in leasing (art.4 - le peculiarità della domanda di contributo all'art.9 mentre all'Art. 16 si regolano i termini per l'erogazione dei contributi) per beni mobili strumentali, prodotti e scorte (art.5 - le peculiarità della domanda di contributo all'art.10 mentre all'Art. 17 si regolano i termini per l'erogazione dei contributi), per l'acquisto di immobili nel caso di delocalizzazione (art.6 - le peculiarità della domanda di contributo all'art.11 mentre all'Art. 18 si regolano i termini per l'erogazione dei contributi).
In base all'art.7 le domande di contributo vanno presentate dai soggetti legittimati agli Uffici speciali per la ricostruzione entro 120 giorni dalla entrata in vigore della ordinanza mediante la procedura informatica a tal fine predisposta dal Commissario straordinario ovvero, fino alla sua istituzione, a mezzo PEC.
La perizia da allegare alla domanda è regolata all'art.12, mentre l'articolo 13 indica tutta l'Istruttoria sulle domande di contributo

Riferimenti normativi:
ORDINANZA 9 gennaio 2017 della PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - IL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI INTERESSATI DAL SISMA DEL 24 AGOSTO 2016
Misure per di immobili ad uso produttivo distrutti o danneggiati e per la ripresa delle attivita' economiche e produttive nei territori colpiti dagli eventi sismici del 24 agosto, 26 e 30 ottobre 2016. (Ordinanza n. 13).

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS