SafetyExpo 2018
IN GAZZETTA
Edilizia scolastica e residenziale: via libera al decreto sui mutui trentennali
fonte: 
regioni.it
area: 
Edilizia
Edilizia scolastica e residenziale: via libera al decreto sui mutui trentennali In Gazzetta il decreto del Ministero Economia del 23 gennaio 2015 che autorizza le Regioni a stipulare mutui di durata trentennale per interventi di edilizia scolastica e residenziale


Il decreto del ministero dell''Economia del 23/1/2015 che reca le modalità di attuazione per le operazioni di mutuo che le Regioni possono stipulare per interventi di edilizia scolastica e residenziale è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n.51 del 3-3-2015).
Il decreto stabilisce che le Regioni possono essere autorizzate a stipulare mutui di durata trentennale con oneri di ammortamento, a totale carico dello Stato, con la Banca europea per gli investimenti, con la Banca di sviluppo del Consiglio d'Europa, con la società Cassa depositi e prestiti Spa e con i soggetti autorizzati all'esercizio dell'attività bancaria ai sensi del decreto legislativo 1° settembre 1993, n.385 (Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia) per interventi straordinari di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento sismico, l' efficienza energetica di scuole e immobili destinati all'istruzione scolastica e all'alta formazione artistica, musicale e coreutica e di immobili adibiti ad alloggi e residenze per studenti universitari. I mutui potranno inoltre servire per la costruzione di nuovi edifici scolastici pubblici e palestre nelle scuole o per il miglioramento di quelle esistenti.

Il decreto è stato emanato anche in seguito all'intesa, sottoscritta in sede di Conferenza unificata il 1° agosto 2013, tra il Governo, le regioni, le province autonome di Trento e Bolzano e le autonomie locali, sull'attuazione dei piani di edilizia scolastica formulati.
I piani regionali che dovranno essere redatti nel rispetto dei principi di parità di trattamento, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità
10 i criteri per la definizione dei piani:
a) avanzato livello di progettazione;
b) riedificazione o riqualificazione di immobili in stato di pericolo o inagibili, i cui interventi siano volti alla completa e definitiva rimozione delle condizioni di pericolo o inagibilità misurato attraverso il rapporto tra la prestazione specifica offerta dall'edificio ante operam ed il fabbisogno specifico soddisfatto post operam;
c) completamento dei lavori già iniziati e non completati per mancanza di finanziamento misurato attraverso il rapporto fra il costo dell'intervento di completamento e il costo degli interventi già sostenuti;
d) rispondenza del progetto alle specifiche esigenze didattiche misurato attraverso il rapporto fra prestazione specifica offerta dall'edificio ante operam e il fabbisogno specifico soddisfatto post operam;
e) eventuale quota di cofinanziamento da parte degli enti locali misurata in percentuale dell'intervento a carico del bilancio degli Enti locali;
f) quantificazione del risparmio energetico misurato attraverso il numero di classi di miglioramento energetico dell'edificio;
g) rilascio di superfici in affitto a titolo oneroso misurato in euro/anno;
h) eventuale coinvolgimento di investitori privati misurato in percentuale dell'intervento a carico dell'investitore privato;
i) edificio scolastico ricompreso in processi di riqualificazione urbana;
l) ulteriori criteri definiti a livello regionale sulla base di specificità territoriali, tenendo conto in particolare delle aree a rischio sismico e a rischio idrogeologico.

Riferimenti normativi:
D.M. 23.01.2015
Modalità di attuazione della disposizione legislativa relativa a operazioni di mutuo che le regioni possono stipulare per interventi di edilizia scolastica e residenziale

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.regioni.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: