Primo Soccorso_attrezzature

Cassetta di Primo Soccorso e Pacchetto di Medicazione: contenuto e utilizzo in azienda

3988 0

Dopo aver visto come organizzare il servizio di primo soccorso in azienda, la figura dell’addetto al primo soccorso e la sua formazione, passiamo ora agli strumenti del primo soccorso: la cassetta di primo soccorso e il pacchetto di medicazione.

Questi presidi “Cassetta del Primo Soccorso” e “Pacchetto di Medicazione” sono previsti nel D.Lgs. n.81/2008 (Testo unico di Salute e Sicurezza) che li definisce come “attrezzature di primo soccorso” (art.45) e lascia però la definizione delle loro caratteristiche e del loro contenuto al DM 388/2003, il Regolamento sul primo Soccorso in azienda.

Vediamo di seguito qual è il contenuto delle attrezzature di primo soccorso, come gestirle e quando prevederle anche con riferimento ai lavoratori isolati, a quelli del trasporto ferroviario e per i lavori su alberi e con funi, che con gli anni hanno dettagliato alcuni aspetti legati al loro utilizzo.

Strumenti di primo soccorso: la normativa ed i riferimenti

In base all’Articolo 45 del Testo Unico di Sicurezza (Primo soccorso) Il datore di lavoro deve prendere i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza: il Testo unico però rimanda la definizione delle caratteristiche minime delle attrezzature di primo soccorso al decreto ministeriale 15 luglio 2003, n. 388 , il Regolamento sul pronto soccorso aziendale.

L’art. 2 del D.M. 388/2003 prevede che le aziende o le unità produttive classificate

  • nei gruppi A e B devono disporre di una cassetta di primo soccorso;
  • nel gruppo C devono invece disporre di un pacchetto di medicazione.

Attrezzature di primo soccorso – il contenuto e la normativa

I contenuti minimi di tali presidi sono indicati negli allegati 1 e 2 del D.M. 388/2003: l’elenco si riferisce ai contenuti minimi, pertanto è possibile un’integrazione del contenuto, in relazione ai rischi specifici presenti ed alle indicazioni del Medico Competente (se previsto).

Nel Decreto si legge anche che il contenuto minimo della cassetta di pronto soccorso e del pacchetto di medicazione potrà essere aggiornato con decreto dei Ministri della salute e del lavoro e delle politiche sociali tenendo conto dell’evoluzione tecnico-scientifica.

Allegato 1 – Contenuto minimo della cassetta di pronto soccorso

  • Guanti sterili monouso (5 paia)
  • Visiera paraschizzi
  • Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro
  • Flaconi di soluzione fisiologica (sodio cloruro – 0,9%) da 500 ml (3)
  • Compresse di garza sterile 10 ∞ 10 in buste singole (10)
  • Compressa di garza sterile 18 ∞ 40 in buste singole
  • Teli sterili monouso
  • Pinzette da medicazione sterili monouso
  • Confezione di rete elastica di misura media
  • Confezione di cotone idrofilo
  • Confezioni di cerotti di varie misure pronti all’uso
  • Rotoli di cerotto alto cm 2,5
  • Un paio di forbici
  • Lacci emostatici (3)
  • Ghiaccio pronto uso (due confezioni)
  • Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari
  • Termometro
  • Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa.

ALLEGATO 2 – Contenuto minimo del pacchetto di medicazione

  • Guanti sterili monouso (2 paia)
  • Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 125 ml
  • Flaconi di soluzione fisiologica (sodio cloruro – 0,9%) da 250 ml (3)
  • Compresse di garza sterile 10 ∞ 10 in buste singole (3)
  • Compressa di garza sterile 18 ∞ 40 in buste singole
  • Pinzette da medicazione sterili monouso
  • Confezione di cotone idrofilo
  • Confezioni di cerotti di varie misure pronti all’uso
  • Rotoli di cerotto alto cm 2,5
  • Rotolo di benda orlata alta cm 10
  • Un paio di forbici
  • Un laccio emostatico
  • Confezione di ghiaccio pronto uso
  • Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari
  • Istruzioni sul modo di usare i presidi suddetti e di prestare i primi soccorsi in
  • attesa del servizio di emergenza.

Gestione delle cassette di primo soccorso e dei pacchetti di medicazione

Le cassette di primo soccorso ed i pacchetti di medicazione devono essere:

  • costituite da contenitori opportunamente contrassegnati, lavabili, chiusi e facilmente apribili, trasportabili, atti a contenere e conservare i presidi previsti;
  • custoditi in un luogo facilmente accessibile e segnalato con apposita segnaletica, della cui ubicazione deve essere data informazione ai lavoratori, unitamente alla indicazione dei nominativi del personale addetto al pronto soccorso.

Accesso al materiale di primo soccorso

Il materiale di primo soccorso dovrà inoltre essere disponibile in tutti i luoghi in cui le condizioni di lavoro lo richiedano, ed ubicato in modo da essere facilmente accessibile ed individuabile tramite apposita segnaletica.

Il datore di lavoro dovrà garantire la presenza di:

  • una cassetta di primo soccorso per il gruppo A e B
  • un pacchetto di medicazione per il gruppo C.

Questi presidi vanno tenuti presso ciascun luogo di lavoro, insieme ad un mezzo di comunicazione idoneo ad attivare rapidamente il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale.

Primo Soccorso: Aziende A, B, C.
Distinzioni e tipologie

Dal 3 febbraio 2005 è obbligatoria la presenza di un primo soccorso in azienda, di qualsiasi tipo sia. Il DM 388/2003 distingue le aziende e le unità produttive sono distinte in tre gruppi:

  • Gruppo A: comprende le aziende a rischio rilevante (ad esempio le centrali termoelettriche), le aziende con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro e le aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell’agricoltura;
  • Gruppo B: comprende le aziende con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A;
  • Gruppo C: comprende le aziende con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

Vedi nel dettaglio l’articolo: Il Primo soccorso in azienda: l’organizzazione, gli obblighi e la normativa di riferimento

Lavoratori isolati e primo soccorso

In base al DM 388/2003 art.2 punto 5 nelle aziende o unità produttive che hanno lavoratori che prestano la propria attività in luoghi isolati, diversi dalla sede aziendale o unità produttiva, il datore di lavoro è tenuto a fornire loro il pacchetto di medicazione di cui all’allegato 2 del DM ed un mezzo di comunicazione idoneo per raccordarsi con l’azienda al fine di attivare rapidamente il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale.

Primo soccorso in ambito ferroviario

In ambito ferroviario il DECRETO INTERMINISTERIALE 24 gennaio 2011, n. 19 costituisce il Regolamento sulle modalità di applicazione in ambito ferroviario, del Decreto sul primo soccorso, il decreto 15 luglio 2003, n. 388.

L’Art. 5 del DIM 19/2011 “Dotazioni per il primo soccorso” prevede che il datore di lavoro doti il personale o le squadre di personale che svolgono le attività lavorative in luogo isolato o al personale di macchina e viaggiante operante su materiale rotabile in esercizio e vuoto, di un pacchetto di medicazione rispondente nel contenuto all’allegato 2 del DM 388/2003 e di un mezzo di comunicazione idoneo ad attivare la richiesta di pronto soccorso.

Nel caso di treni passeggeri in esercizio non completamente percorribili, il personale viaggiante deve poter comunicare con quello di macchina con un idoneo mezzo e tramite una procedura adatta ad attivare, in ogni caso, la richiesta di pronto soccorso.

Formazione al primo soccorso per il personale ferroviario

All’articolo 6, a proposito della formazione per il primo soccorso, si specifica che il datore di lavoro deve provvedere alla formazione del personale che impiega nelle attività lavorative con cadenza triennale fornendo le informazioni sulle procedure di richiesta di pronto soccorso, sulle tecniche di primo intervento sanitario e sull’uso dei presidi contenuti nel pacchetto di medicazione.

Il Programma del corso formativo di primo soccorso prevede espressamente fra gli argomenti la voce “Pacchetto di medicazione e misure di auto protezione” richiedendo:

  • informazioni di base sui presidi contenuti nel pacchetto di medicazione e relative istruzioni ai fini di un corretto e puntuale utilizzo;
  • informazioni di base sulle misure di auto-protezione da adottare all’atto dell’intervento di primo soccorso e relative istruzioni ai fini di un corretto e puntuale utilizzo.

Lavori su alberi e con funi: i presidi di primo soccorso, cassetta e pacchetto

Ulteriori precisazioni sull’utilizzo della cassetta di primo soccorso e sul pacchetto di medicazione ricorrono anche nella Circolare n. 23/2016 del 22/07/2016 Oche contiene le “Istruzioni per l’esecuzione in sicurezza di lavori su alberi con funi”.

La Circolare richiede che

  • di definiscano le zone di deposito delle attrezzature necessarie allo svolgimento delle attività lavorative (attrezzature di lavoro, funi ecc.) e della cassetta di pronto soccorso o del pacchetto di medicazione;
  • al punto 6.6. Gestione delle emergenze cita la disponibilità di una cassetta di pronto soccorso in caso di squadra di lavoro con tre o più lavoratori o di un pacchetto di medicazione qualora la squadra sia costituita da due lavoratori.

Primo Soccorso: articoli di approfondimento su InSic

InSic ha realizzato i seguenti approfondimenti in materia di Primo Soccorso in azienda:

Primo Soccorso: l’informazione e la formazione per datore di lavoro, lavoratori e addetti

Manuale di primo soccorso nei luoghi di lavoro, EPC Editore, gennaio 2023 (II ed.), Ciavarella Matteo, Sacco Angelo

Manuale di primo soccorso nei luoghi di lavoro

Ciavarella Matteo, Sacco Angelo

Libro

Edizione: gennaio 2023 (II ed.)

Pagine: 192

Formato: 150×210 mm

Abc del primo soccorso in azienda, EPC Editore, maggio 2022, Ciavarella Matteo, Sacco Angelo

Abc del primo soccorso in azienda

Ciavarella Matteo, Sacco Angelo

Manualistica per i lavoratori

Edizione: maggio 2022

Pagine: 80

Formato: 115×165 mm

Corso di formazione per gli addetti al primo soccorso aziendale <br><br> IN AULA, EPC Editore, ,

Corso di formazione per gli addetti al primo soccorso aziendale

Corso di formazione

IN VIDEOCONFERENZA

per aziende del gruppo B e C

La frequenza al modulo C costituisce Aggiornamento di 4 ore (DM 388/03 art. 3 c. 5)

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore