NORMATIVA
Distacco dei lavoratori e tutela salute e sicurezza: modifiche alla direttiva 96/71/CE
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Distacco dei lavoratori e tutela salute e sicurezza: modifiche alla direttiva 96/71/CE Entra in vigore il 30 luglio 2020, la Direttiva 2018/957 del Parlamento europeo e del Consiglio che apporta modifica alla direttiva 96/71/CE relativa al distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi.
Nella direttiva compare un importante riferimento alla sicurezza sul lavoro: l'articolo 1 della Dir. 2018/957 aggiunge all'art. 1 (campo di applicazione) della Dir. 96/71/CE l'importante previsione di stabilire disposizioni obbligatorie riguardanti le condizioni di lavoro e la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori distaccati durante il loro distacco in relazione alla libera prestazione dei servizi, che devono essere rispettate.

Sul Distacco del lavoratore
Il distacco del lavoratore all'estero, è stato oggetto della direttiva comunitaria n. 96/71/CE, recepita in Italia dal D. Lgs. n. 72/2004.
Si intendeva così colmare il vuoto di tutela al quale le regole di diritto internazionale privato avrebbero potuto dare luogo, con evidenti riflessi in termini di dumping sociale e di alterazione delle condizioni di concorrenza tra imprese e tra lavoratori di diversa nazionalità.
Si è così cercato di porre fine a questa possibilità stabilendo l'obbligo di applicare ai lavoratori stranieri distaccati lo stesso trattamento previsto da disposizioni legislative, regolamentari o amministrative esistenti nel luogo di esecuzione del lavoro.

Distacco e garanzie di sicurezza
Scrive a riguardo Daniele Campo su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro che "L'evoluzione normativa pare indirizzarsi verso l'abbandono del principio della necessaria applicazione della legislazione nazionale, per dare spazio a un differente criterio basato sulla valorizzazione della volontà delle parti e del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa.
Peraltro, l'applicazione di tali principi in materia di sicurezza del lavoro non pare possa pregiudicare i diritti fondamentali dei lavoratori e gli standard minimi di tutela riconosciuti dalle fonti internazionali. D'altra parte, deve ritenersi che le norme di applicazione necessaria in materia di sicurezza si riferiscano al contenuto dell'obbligo datoriale e non si estendano anche a ricoprire adempimenti procedurali che caratterizzano le singole legislazioni nazionali"
.

Riferimenti normativi:
DIRETTIVA (UE) 2018/957 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2018 recante modifica della direttiva 96/71/CE relativa al distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi (Testo rilevante ai fini del SEE)


Per approfondire

RIVISTE
Lavorare all'estero: la tutela del dipendente fuori dei confini nazionali
Ambiente&Sicurezza sul Lavoro 10/2011

EBOOK
Il rapporto di lavoro all'estero e la normativa prevenzionistica da applicare
La dimensione internazionale dei rapporti di lavoro importa dubbi e perplessità in merito alla normativa prevenzionistica da applicare
Daniele Campo
Edizione: gennaio 2011

CORSO
Salute e sicurezza dei lavoratori all'estero
Valido come corso di Aggiornamento per RSPP e ASPP, Datori di lavoro, Dirigenti, Preposti e Coordinatori per la progettazione e l'esecuzione dei lavori

(D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)
Roma, 26 ottobre 2018

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: