fbpx

Sistemi di Controllo Fumo e Calore: la gestione secondo il Codice di Prevenzione Incendi

444 0

In questo contributo forniamo alcuni spunti sulla gestione dei sistemi di controllo di fumo e calore alla luce della normativa del Codice di prevenzione incendi.

Il contributo è tratto dall’articolo: “L’importanza della progettazione dello smaltimento fumo e calore d’emergenza secondo la regola dell’arte” di Piergiacomo Cancelliere (Direttore vicedirigente C.N.VV.F. Vice Comandante Istituto superiore antincendi) e Giuseppe Giuffrida (Responsabile tecnico associazione ZENITAL) sulla rivista Antincendio n.8/2021 (leggi il sommario e abbonati alla rivista per l’articolo completo).

Sistemi di controllo fumo e calore: la misura di strategia antincendio nel Codice di Prevenzione incendi

Con la pubblicazione del “Codice di prevenzione incendi“, allegato tecnico al D.M. 3 agosto 2015 è stato finalmente  chiarito in modo inequivocabile che devono essere  gestiti i fumi e il calore prodotti dall’incendio.

È stato infatti inserito, fra le misure della strategia antincendio, il “Controllo di fumi e calore”, oggetto del capitolo S.8. La premessa al capitolo S.8 presenta il concetto in modo chiaro recitando

“La misura antincendio di controllo di fumo e calore ha come scopo l’individuazione dei presidi antincendio da installare nell’attività per consentire il controllo, l’evacuazione o lo  smaltimento dei prodotti della combustione in caso di incendio.

Quali sono i livelli di prestazione dei Sistemi di Controllo fumo e calore?

Sulla base dello schema generale del “Codice” sono indicati tre livelli di prestazione:

◗ Livello I nessun requisito;

◗ Livello II smaltimento del fumo di emergenza per aiutare le squadre di soccorso;

◗ Livello III mantenimento nel compartimento di uno strato libero da fumo.

L’esame dei criteri di attribuzione (generalmente  accettati) del livello di prestazione ci fa notare che  i requisiti del livello I sono molto restrittivi e raramente presenti nelle attività soggette. Si può quindi affermare che il controllo di fumi e  calore è una misura antincendio, sempre utile, che  deve essere valutata con attenzione.

Sistemi di controllo fumo e calore e rischio incendio

La stesura del capitolo conferma un principio fondamentale del “Codice”, le scelte progettuali sono  funzioni di una precisa e accurata valutazione del  rischio di incendio.

Per il controllo di fumi e calore il  professionista deve in particolare fare scelte consapevoli e competenti.

Perché scegliere le soluzioni conformi del livello  III

Le soluzioni conformi del livello  III di prestazione richiedono la presenza di Sistemi  per l’Evacuazione di Fumo e Calore (SEFC) progettati,  realizzati e mantenuti in efficienza secondo la regola  d’arte, quindi conformi con le norme UNI corrispondenti (UNI 9494 parti 1, 2 e 3).

Questi Sistemi fanno parte degli impianti per la sicurezza antincendio per cui sono chiari i requisiti per  la progettazione, l’esecuzione, la gestione, la manutenzione e per la documentazione conseguente.

Perché scegliere le soluzioni conformi del livello  II

Le soluzioni conformi del livello II di prestazione prevedono la presenza di aperture di smaltimento combinate fra i tipi di realizzazione previsti dalla Tabella  S.8-3 e dimensionate secondo il paragrafo S.8.5.  L’applicazione di questo punto, che non contiene  requisiti prescrittivi, richiede scelte autonome del  progettista sulla base di una specifica valutazione  del rischio di incendio.

Per approfondire sui Sistemi di controllo fumo e calore

Articoli della Rivista Antincendio su sistemi fumo e e calore

L’importanza della progettazione dello smaltimento fumo e calore d’emergenza secondo la regola dell’artePiergiacomo Cancelliere (Direttore vicedirigente C.N.VV.F. Vice Comandante Istituto superiore antincendi) e Giuseppe Giuffrida (Responsabile tecnico associazione ZENITAL)
rivista Antincendio n.8/2021 (leggi il sommario e abbonati alla rivista per l’articolo completo).

Gli articoli di InSic sul controllo fumo e calore

I volumi di EPC Editore sulla normativa antincendio

I corsi di Istituto Informa per i professionisti dell’antincendio

Il Manager dell’Antincendio

IN VIDEOCONFERENZA

Roma, 29 marzo – 23 giugno 2022

Strumenti operativi per la gestione e riduzione del rischio

Valido come Aggiornamento per RSPP, ASPP, Datori di lavoro, Dirigenti, Preposti, Formatori, Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori (D.Lgs. 81/08 e s.m.i.), e per Professionisti della security aziendale certificati da CERSA

Corso in fase di qualificazione per la Certificazione “Fire Manager” istituita dall’Organismo di Certificazione ICMQ/CERSA

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore