LA SENTENZA
Niente sottoprodotti per i residui di attività da demolizione e costruzione
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Tutela ambientale
Niente sottoprodotti per i residui di attività da demolizione e costruzione L'attività di demolizione edifici (o strade) non può essere definita un "processo di produzione" quale quello indicato dalla norma sui sottoprodotti, con la conseguenza che i materiali che ne derivano vanno qualificati come rifiuti e non come sottoprodotti.
Sono le considerazioni emerse nella sentenza della Cassazione penale n. 8848 del 23.02.2018.


Il commento è a cura di S. Casarrubia, tratto dalla rubrica "Rassegna della Giurisprudenza" su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro.
Il testo della sentenza è disponibile sulla nostra Banca Dati Sicuromnia
Richiedi una settimana di accesso gratuito!

Il fatto
Gli imputati sono stati condannati alla pena di giustizia per avere effettuato un'attività di raccolta e stoccaggio di rifiuti speciali non pericolosi senza autorizzazione. In pratica, presso un'area di proprietà della società, depositavano materiali (residui legnosi, rottami metallici e macerie di demolizioni frammiste a residui bituminosi di asfalto) che derivano dalle demolizioni effettuate nei vari cantieri attivi. Si difendono eccependo che trattasi di materiali "destinati al riutilizzo quali materie prime in altri cantieri della società".

Secondo la Corte
La Corte respinge il ricorso, classificandoli come rifiuti. Gli imputati avevano due strade per andare esenti da responsabilità. Quella del "deposito temporaneo" o quella del "sottoprodotto".
La prima risultava impraticabile perché i rifiuti non sono stati raggruppati nel luogo in cui erano stati prodotti, venendo così meno un requisito dell'istituto. La seconda, per quando indicato nella massima, risultava altrettanto impraticabile. L'art. 184 bis, co. 1, lett. a), del T.U. Amb. richiede che "la sostanza o l'oggetto è originato da un processo di produzione". Per la citata disposizione, difatti, il sottoprodotto deve "trarre origine" - quindi provenire direttamente - da un "processo di produzione", dunque da un'attività chiaramente finalizzata alla realizzazione di un qualcosa ottenuto attraverso la lavorazione o la trasformazione di altri materiali. Le attività di mera demolizione di manufatti non sono finalizzate alla produzione di alcunché (cfr. Cass. pen. 33028/2015).

Conosci la Banca Dati Sicuromnia?

La banca dati di Salute e Sicurezza, Antincendio, Ambiente contiene tutta l'informazione e l'aggiornamento per i professionisti ed le aziende che devono applicare la normativa in materia di prevenzione e protezione dai rischi

Ti aggiorna quotidianamente sulle norme e sulle sentenze di recente emanazione
Ti supporta nella gestione degli obblighi di legge attraverso le tabelle di adempimento, lo scadenzario, la modulistica e le schede rapide
Ti offre un'occasione di analisi e commento attraverso la consultazione degli approfondimenti tratti dalle più importanti pubblicazione di settore
Ti mette a disposizione un esperto che risponde alle tue specifiche esigenze di chiarimento.
Ti offre inoltre un servizio di newsletter mensile che, direttamente sulla tua mail, ti segnala i più recenti contenuti inseriti in banca dati.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: