Norme tecniche per le Costruzioni 2018
REPORT
Safety Leadership Event 2016: un virale Amore per la Sicurezza
fonte: 
di Antonio Mazzuca
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Safety Leadership Event 2016: un virale Amore per la Sicurezza Si è svolto ieri, 18 ottobre a Bologna presso il Centergross Zanhotel & Meeting, la prima edizione del Safety Leadership Event (#SLE16), il primo evento "esperienziale" in Italia interamente dedicato alla leadership e alla comunicazione in Salute e Sicurezza sul Lavoro.

Noi di inSic.it eravamo presenti per seguire e testimoniare questo importante momento di aggregazione e condivisione idee e persone che vogliono contribuire, coraggiosamente, a cambiare la cultura della sicurezza in Italia. Un evento che rappresenta anche un momento di crescita e di affermazione della Fondazione LiHS che ha raccolto oltre 400 persone. Un risultato promettente che arriva a breve distanza da quel roadshow, "Italia Love Sicurezza" che il 28 aprile scorso, Giornata mondiale per la sicurezza sul lavoro, aveva già toccato oltre 50 città con un calendario di 80 eventi contemporanei, promossi dai primi 80 "Ambassador" della sicurezza, guidati da Davide Scotti, già segretario della Fondazione, presieduta da Francesco La Rosa.

Il Safety Leadership Event ha abbandonato già dall'inizio le formule classiche della divulgazione convegnistica affidandosi a nuovi linguaggi, nuovi modi di fare comunicazione, di smuovere l'attenzione dei partecipanti, coinvolgendoli nelle iniziative raccontate. Letture, cinema e teatro, ma anche video informativi e dibattiti hanno coinvolto esperti di comunicazione, professionisti e imprenditori, tutti resi partecipi ed in qualche modo protagonisti di un cambiamento (presente e prossimo, da vivere ogni giorno) che si vuole vedere nel mondo e diffondere nei contesti di vita e di lavoro.
E questo cambiamento investe il modo stesso di concepire la Sicurezza, non più intesa come sterile e fastidioso obbligo normativo da adempiere, quanto piuttosto di missione da intraprendere con spirito di condivisione e con la consapevolezza di essere leva del Cambiamento. Tanti i valori fondanti ribaditi: su tutti l'Identità, il valore della persona, del Leader della sicurezza che vive dentro di noi e che è in grado di cambiare se stesso ("ed è la sfida più difficile" si afferma) e di conseguenza gli altri e le loro "abitudini tossiche", stimolando comportamenti sicuri nei contesti aziendali e di vita. E ancora il Coraggio e la Consapevolezza della difficoltà di questo compito e la Partecipazione entusiastica ad una Comunità che crede in un messaggio di grande rinnovamento; persone che si sentono "innamorati" della sicurezza, in grado di abbattere quella drammatica conta dei 100 morti sul lavoro all'anno, ("3 morti ogni giorno" si sottolinea) in Italia. E rendere il mondo un posto più sicuro.

La giornata si è svolta in due momenti: prima si è parlato di Leadership in sicurezza e di come si coniughi l'attenzione per la sicurezza con le istanze di sempre maggiore efficienza e di corsa al risparmio di tempi e costi. Si è scelto di approfondire l'argomento prima con un film del regista inglese Paul Ketis (prodotto dalla stessa fondazione LHS) dal titolo "The Safer The Better" che racconta un incidente mortale (realmente avvenuto) in Saipem e rappresenta la filosofia scelta dall'azienda (fra i leader dell'oil and gas), di non mettere in secondo piano il valore del lavoratore rispetto alle esigenze della produttività.
Poi con una tavola rotonda che ha raccolto intorno al tavolo esponenti del mondo accademico come il prof. Carlo Galimberti -docente in Cattolica) e delle imprese come Stefano Donnarumma, Gianluca Lo Stimolo (CEO e fondatore della Stand Out - Outstanding Communication) ed anche Daniele Barbone (maratoneta e CEO presso BP Academy) che ha raccontato le analogie fra mondo dello sport e sicurezza, coordinati da Sebastiano Barisoni (Radio 24).

La seconda parte della giornata ha invece raccontato le tappe di crescita della Fondazione LHS fino all'organizzazione del Safety leadership Event, la mission della Fondazione e, soprattutto, sono state presentate, una dietro l'altra, con modalità vivaci e coinvolgenti, le diverse iniziative degli Ambassador della sicurezza (tutti i progetti della Fondazione e dei partner sono a disposizione sulla pagine web della Fondazione).
Centrale e commovente la messa in scena di alcuni estratti di "Giorni rubati", il pluripremiato spettacolo della Compagnia Rossolevante che affronta il tema degli infortuni sul lavoro, rappresentato anche nella cornice del Safety Expo 2016 (organizzato da EPC Periodici a Bergamo il 21 e 22 settembre scorsi). Inevitabile e del tutto appropriata la scelta di assegnare il primo "Safety Leadership Award" (il premio della Fondazione alle iniziative più efficaci e meritevoli) a Giammarco Mereu, protagonista della pièce e vittima di un infortunio sul lavoro; un riconoscimento per l'attività divulgativa svolta in questi anni di intensa programmazione (oltre 150 le repliche) di questo spettacolo (e non solo) sia nei teatri che nelle aziende, sia nei siti industriali che nelle sedi istituzionali.

Nuovi linguaggi per comunicare la sicurezza, nuovi valori da condividere nella rete sociale e social ed una forte compartecipazione di persone rese Ambassador della sicurezza fanno del Safety Leadership Event un evento innovativo e soprattutto "virale", che si propone di promuovere la sicurezza come un vero e proprio cambiamento culturale assumendo come fondamentale il valore dell'Amore per la Sicurezza da tradurre, ogni giorno, in un inestimabile Amore per la vita!

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.fondlhs.org 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: