Norme tecniche per le Costruzioni 2018
STUDI E RICERCHE
Infortuni e Malattie professionali: i dati della Relazione INAIL 2016
fonte: 
INAIL
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Infortuni e Malattie professionali: i dati della Relazione INAIL 2016 È stato presentato oggi a Palazzo Montecitorio la Relazione annuale (2016) Inail, che illustra l'andamento del fenomeno infortunistico e tecnopatico dell'anno precedente, i dati di bilancio dell'Istituto e i risultati più rilevanti conseguiti sul fronte degli investimenti, della ricerca e delle politiche in materia di cura, riabilitazione e reinserimento
Il presidente Massimo De Felice ha sottolineato come "Nel 2016 le denunce di infortunio presentate all'Inail sono state 641.345, sostanzialmente in linea rispetto al dato registrato nel 2015 e in calo di circa il 14% nel quinquennio 2012-2016".
Riportiamo sotto i dati INAIL relativi ad infortuni e malattie professionali ed altri aspetti significativi sulle ispezioni, le prestazioni sanitarie e le riduzioni di tariffa per meriti di prevenzione...

INAIL commenta i dati della Relazione 2016

Gli infortuni riconosciuti sul lavoro nel 2016 sono stati 419.390, di cui circa il 19% è avvenuto "fuori dell'azienda", "con mezzo di trasporto" o "in itinere" Delle 1.104 denunce di infortunio con esito mortale (erano 1.286 nel 2015, 1.364 nel 2012), gli infortuni accertati "sul lavoro" sono 618 (di cui 332, pari al 54%, "fuori dell'azienda"): anche se i 34 casi ancora in istruttoria fossero tutti riconosciuti "sul lavoro" si avrebbe una diminuzione del 12,7% rispetto al 2015 e di circa il 25% rispetto al 2012.
Il 2016 ha confermato l'andamento crescente nella serie storica delle denunce delle malattie professionali, circa 60mila (circa 1.300 in più rispetto al 2015), con un incremento pari a circa il 30% rispetto al 2012. A un terzo (33%) è stata riconosciuta la causa professionale, mentre il 4% è ancora "in istruttoria". In più di due casi su tre (64%) le denunce riguardano patologie del sistema osteomuscolare.

I dati sugli infortuni nella Relazione INAIL 2016

I dati diffusi da INAIL riportano poco meno di 642mila le denunce di infortunio registrate nel 2016: il dato non registra uno scostamento significativo rispetto al 2015 (+0,66%), mentre - se riferito al 2012 - la flessione è di circa il 14%. Gli infortuni riconosciuti sul lavoro sono poco più di 419mila, di cui circa il 19% "fuori dell'azienda" (cioè "con mezzo di trasporto" o "in itinere").
Il dato "fuori azienda" è rilevante per la valutazione accurata delle politiche e delle azioni di prevenzione.
Delle 1.104 denunce di infortunio con esito mortale (erano 1.286 nel 2015, 1.364 nel 2012) gli infortuni accertati "sul lavoro" sono 618 (di cui 332, pari al 54%, "fuori dell'azienda"): anche se i 34 casi ancora in istruttoria fossero tutti riconosciuti "sul lavoro" si avrebbe una diminuzione del 12,7% rispetto al 2015 e di circa il 25% rispetto al 2012.
Gli infortuni sul lavoro hanno causato circa 11 milioni di giornate di inabilità, con costo a carico dell'Inail; in media 84 giorni per infortuni che hanno provocato menomazione, circa 21 giorni in assenza di menomazione.

I dati sulle Malattie professionali nella Relazione INAIL 2016

Si conferma l'andamento crescente nella serie storica del numero delle malattie professionali.
Le denunce di malattia sono state circa 60mila (circa 1.300 in più rispetto al 2015), con un aumento di circa il 30% rispetto al 2012. Ne è stata riconosciuta la causa professionale al 33%, il 4% è ancora "in istruttoria". Il 64% delle denunce è per malattie del sistema osteomuscolare.
È importante ribadire che le denunce riguardano le malattie e non i soggetti ammalati, che sono circa 45mila, di cui circa il 37% per causa professionale riconosciuta. Sono stati poco più di 1.400 i lavoratori con malattia asbesto-correlata.
I lavoratori deceduti nel 2016 con riconoscimento di malattia professionale sono stati 1.297 (il 32,2% in meno rispetto al 2012), di cui 357 per silicosi/asbestosi (l'88% è con età al decesso maggiore di 74 anni, il 71% con età maggiore di 79 anni).
Nel 2016 sono state censite dall'Inail circa 3 milioni e 760mila posizioni assicurative (territoriali), con una minima riduzione (dello 0,4%) rispetto al 2015. Al 31 dicembre erano in essere 745mila rendite, per inabilità permanente e ai superstiti (l'1,95% in meno rispetto al 2015). Le rendite per inabilità di nuova costituzione sono circa 17mila.

Nella Relazione 2016 i dati su ispezioni sul lavoro, premi e sostegno ai lavoratori

INAIL sottolinea anche il bilancio positivo delle attività di controllo del rapporto assicurativo: nel 2016, in particolare, sono state controllate 20.876 aziende (il 73% del terziario, il 23% del settore industria): l'87,6% è risultato irregolare. Sono stati regolarizzati 57.790 lavoratori, di cui 52.783 irregolari e 5.007 "in nero". In collaborazione con altri soggetti istituzionali, organizzazioni sindacali e associazioni datoriali, sono state inoltre avviate azioni di contrasto al fenomeno del caporalato, all'utilizzo improprio e allo sfruttamento di manodopera in agricoltura.
Le istanze di riduzione del tasso di tariffa per meriti di prevenzione sono state circa 27mila. Lo scorso settembre è stata disposta la riduzione del 7,61% dell'importo del premio per le imprese artigiane che non hanno denunciato infortuni nel biennio 2014-2015: le posizioni assicurative (territoriali) risultate rispondenti ai requisiti sono state circa 300mila, lo sconto ha interessato oltre 277mila ditte. Altre riduzioni del premio hanno riguardato, anche nel 2016, il settore edile, la pesca e la navigazione.
Per quanto riguarda gli interventi a sostegno dei lavoratori, nel 2016 sono state effettuate circa sette milioni e mezzo di prestazioni sanitarie. Le prestazioni per "prime cure" effettuate presso i 131 ambulatori dell'Inail sono state circa 700mila, di cui l'84,4% richieste a seguito di infortuni. Sono state fornite a 3.887 pazienti circa 126mila prestazioni riabilitative e 10.190 visite fisiatriche negli 11 centri di fisiochinesiterapia attivi in cinque regioni.

VERSO IL SAFETY EXPO...

Sei un professionista della sicurezza?
Allora non puoi mancare al Safety Expo, evento gratuito promosso ed organizzato dalle riviste "Antincendio" e "Ambiente & Sicurezza sul lavoro", dall' Istituto Informa e da EPC Editore a Fiera Bergamo, il 20 e 21 settembre 2017.

Scopri tutti i dettagli dell'evento!

Consulta l'Agenda
E iscriviti all'Evento!
#SafetyExpo2017

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.inail.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: