SIEMENS
 Salute e Sicurezza
 NORMATIVA
Distacco lavorativi: quali riferimenti alla sicurezza sul lavoro nella nuova disciplina?
18 settembre 2020
fonte: 
area: Salute e sicurezza sul lavoro
Distacco lavorativi: quali riferimenti alla sicurezza sul lavoro nella nuova disciplina? In Gazzetta il DECRETO LEGISLATIVO 15 settembre 2020, n. 122 che attua in Italia la direttiva (UE) 2018/957 (in vigore dal 30 luglio) sul distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi.Fra gli obiettivi dichiarati c'è adeguare l'ordinamento nazionale a quello europeo nel settore del distacco transnazionale dei lavoratori e di limitare il dumping sociale e salariale. Il Decreto dunque modifica il D.Lgs. n.136/2016 specificando la "salute e sicurezza sul lavoro" fra le materie per le quali occorre garantire le condizioni di lavoro previste in Italia (se più favorevoli) per chi effettua prestazioni lavorative subordinate analoghe nel luogo in cui si svolge il distacco.

Cosa contiene la nuova normativa sul distacco dei lavoratori?

L'obiettivo delle nuove norme è
adeguare l'ordinamento nazionale a quello europeo nel settore del distacco transnazionale dei lavoratori e di limitare quindi il dumping sociale e salariale
• rafforzare la parità di trattamento tra lavoratori "locali" e lavoratori distaccati, attraverso la riaffermazione del principio per cui le imprese distaccatarie sono tenute a garantire ai lavoratori distaccati le medesime condizioni riconosciute ai dipendenti "interni".
ampliare l'elenco delle condizioni di lavoro e occupazione per cui si prevede l'applicazione della legge dello Stato membro ospitante, anche mediante l'inclusione della disciplina in tema di alloggio, indennità o rimborso spese in caso di trasferte o viaggi richiesti dalla società distaccataria.
• Introdurre la "trasparenza retributiva" sulla cui base ciascuno Stato membro è obbligato a pubblicare in un unico sito web istituzionale, senza indebito ritardo e in maniera trasparente, le informazioni su tutte le condizioni di lavoro e di occupazione compresi gli elementi costitutivi della retribuzione.

Lavoratori distaccati e condizioni di lavoro: cosa cambia?

All'art. 4 comma 1 si specifica che al rapporto di lavoro che lega le imprese ai lavoratori distaccati si applicano, durante il periodo del distacco, se più favorevoli, le medesime condizioni di lavoro e di occupazione previste in Italia da disposizioni normative e contratti collettivi di cui all'articolo 2, lettera e), per i lavoratori che effettuano prestazioni lavorative subordinate analoghe.
In più si specificano le materie nelle quali si devono configurare queste medesime condizioni: si tratta di:
a) periodi massimi di lavoro e periodi minimi di riposo;
b) durata minima dei congedi annuali retribuiti;
c) retribuzione, comprese le maggiorazioni per lavoro straordinario. Tale previsione non si applica ai regimi pensionistici di categoria;
d) condizioni di somministrazione di lavoratori, con particolare riferimento alla fornitura di lavoratori da parte di agenzie di somministrazione;
e) salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
f) provvedimenti di tutela riguardo alle condizioni di lavoro e di occupazione di gestanti o puerpere, bambini e giovani;
g) parità di trattamento fra uomo e donna, nonché altre disposizioni in materia di non discriminazione;
h) condizioni di alloggio adeguate per i lavoratori, nei casi in cui l'alloggio sia fornito dal datore di lavoro ai lavoratori distaccati lontani dalla loro abituale sede di lavoro;
i) indennità o rimborsi a copertura delle spese di viaggio, vitto e alloggio per i lavoratori fuori sede per esigenze di servizio. Rientrano in tali ipotesi le spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute dai lavoratori distaccati nel territorio italiano, sia nei casi in cui gli stessi debbano recarsi al loro abituale luogo di lavoro, sia nei casi in cui vengano inviati temporaneamente presso un'altra sede di lavoro diversa da quella abituale, in Italia o all'estero.»

Cosa succede nel caso in cui il distacco sia superiore a 12 mesi?

Ulteriore previsione, prima non prevista dal D.Lgs. n.136/2016: se il distacco supera i dodici mesi si applicano più favorevoli, oltre alle condizioni di lavoro e di occupazione sopra previste, anche tutte le condizioni di lavoro e di occupazione previste in Italia da disposizioni normative e dai contratti collettivi nazionali e territoriali, ad eccezione di:
a) le procedure e le condizioni per la conclusione e la cessazione del contratto di lavoro;
b) le clausole di non concorrenza;
c) la previdenza integrativa di categoria.

DECRETO LEGISLATIVO 15 settembre 2020, n. 122

"Attuazione della direttiva (UE) 2018/957 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 giugno 2018, recante modifica della direttiva 96/71/CE relativa al distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi". (20G00141) (GU Serie Generale n.229 del 15-09-2020)
Entrata in vigore del provvedimento: 30/09/2020

Aggiornati con Informa!

Istituto Informa organizza a Roma il 18 novembre 2020, il corso:
Salute e sicurezza dei lavoratori all'estero
Fornisce criteri di orientamento sulle differenze tra attività prestata nell'Unione Europea e nei paesi extracomunitari ed in ordine sia al "quantum" di prevenzione comunque attuabile in Italia, sia alle modalità di assolvimento dei più rilevanti obblighi prevenzionistici nello svolgimento del lavoro all'estero.
Maggiori info sulle pagine di Istituto Informa!

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.istitutoinforma.it 
oppure scrivi a clienti@istitutoinforma.it  
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic